Ozon, il do­lo­re in bian­co e ne­ro

"Fran­tz", 85 an­ni do­po Lu­bi­tsch la stes­sa vi­cen­da in una pro­spet­ti­va di­ver­sa

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli & Cultura -

La Guer­ra, il Do­lo­re, il Bian­co & Ne­ro. Il re­gi­sta fran­ce­se Fra­nçois Ozon è qui a Ve­ne­zia in Con­cor­so con “Fran­tz” un film più stra­ti­fi­ca­to di quan­to sem­bri, do­ve aleg­gia­no mor­ti e fan­ta­smi, il­lu­sio­ni e pau­re. Trat­to da una piè­ce di Ro­stand, già por­ta­ta sul­lo scher­mo nel 1931 dal gran­de Ern­st Lu­bi­tsch, ha rac­col­to un buon via­ti­co da stam­pa e pub­bli­co, no­no­stan­te si trat­ti di un’im­pa­gi­na­zio­ne con­ven­zio­na­le, pur raf­fi­na­ta.

Ozon si sof­fer­ma sul­le dif­fe­ren­ze del film di Lu­bi­tsch, per­ché non si trat­ta di un ve­ro re­ma­ke: “Per me era im­por­tan­te rac­con­ta­re la sto­ria dal pun­to di vi­sta di chi ave­va per­so la guer­ra. Ho man­te­nu­to al­cu­ni aspet­ti del film di Lu­bi­tsch, an­che se ov­via­men­te la pro­spet­ti­va è com­ple­ta­men­te di­ver­sa. Inol­tre Lu­bi­tsch, te­de­sco, rac­con­ta­va la sto­ria dal pun­to di vi­sta di una fran­ce­se, men­tre io che so­no fran­ce­se ho scel­to di rac­con­tar­la dal pun­to di vi­sta di una te­de­sca».

Il Bian­co & Ne­ro sem­bra una scel­ta un po’ trop­po ov­via: “I no­stri ri­cor­di del­la guer­ra so­no le­ga­ti al bian­co e ne­ro, mi sem­bra­va la scel­ta giu­sta per tra­smet­te­re i mo­men­ti di lut­to e do­lo­re. Il co­lo­re se­gna in­ve­ce il ri­tor­no al­la vi­ta».

Due Pae­si, due lin­gue: “Per me era fon­da­men­ta­le per ren­de­re ve­ro il film. Cre­do che il pub­bli­co sia stan­co del­la con­ven­zio­ne hol­ly­woo­dia­na do­ve tut­ti par­la­no con lo stes­so ac­cen­to. Qui le due lin­gue mo­stra­no un’ul­te­rio­re di­stan­za che do­po la guer­ra cer­ca di es­se­re su­pe­ra­ta”. Lo con­fer­ma­no i due at­to­ri: “Ho avu­to dif­fi­col­tà a im­pa­ra­re il te­de­sco e ho do­vu­to la­vo­ra­re su ciò che po­te­va es­se­re sve­la­to e co­sa na­sco­sto”, spie­ga Pier­re Ni­ney. “Il la­vo­ro sul­la lin­gua è sta­to dif­fi­ci­le, per­chè non è la mia, ma co­sì ho po­tu­to pas­sa­re da un mon­do all’al­tro, co­me il mio per­so­nag­gio”.

La Mor­te, il Qua­dro. Nel film ec­co Ma­net e “Il Sui­ci­da”. An­co­ra il re­gi­sta: “Al di là del co­lo­re ros­so del san­gue sul­la ca­mi­cia bian­ca che è una mac­chia for­tis­si­ma, è un’im­ma­gi­ne che sa rac­con­ta­re me­glio di al­tre il trau­ma dei gio­va­ni sol­da­ti”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.