Ja­mes Fran­co, sta­ka­no­vi­sta con un film su­gli scio­pe­ri

"In du­bious bat­tle"è trat­to da un ro­man­zo di Stein­beck «Og­gi i lea­der han­no po­co in­te­res­se per le clas­si la­vo­ra­tri­ci»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli & Cultura - Al­da Van­zan

Due an­ni fa era riu­sci­to a far­si “pre­sta­re” la pas­se­rel­la ros­sa del Pa­laz­zo del ci­ne­ma del Li­do di Ve­ne­zia per gi­ra­re un film (in ar­ri­vo su­gli scher­mi tra po­co), uti­liz­zan­do co­me in­con­sa­pe­vo­li com­par­se i ve­ri fan. Che, pe­ral­tro, re­ci­ta­ro­no be­nis­si­mo vi­sto che sta­va­no ac­cla­man­do il lo­ro be­nia­mi­no: Ja­mes Fran­co, 38 an­ni, at­to­re e re­gi­sta ame­ri­ca­no, ma an­che au­to­re di teatro e te­le­vi­sio­ne, non­ché pit­to­re e, so­prat­tut­to, in­se­gnan­te. Uno sta­ka­no­vi­sta, co­me ha con­fes­sa­to uno dei suoi pro­dut­to­ri, l’italiano An­drea Ier­vo­li­no: “Ho fat­to con Ja­mes tre film, ades­so ne ab­bia­mo al­tri cin­que in pro­du­zio­ne. Con lui il la­vo­ro è non stop: fi­no a mez­za­not­te gi­ra un film, a mez­za­not­te e un mi­nu­to ne at­tac­ca un al­tro, al­le set­te del mat­ti­no si met­te al la­vo­ro su un’al­tra ope­ra”.

Sta­vol­ta al Li­do – nel Cu­bo Ros­so del ci­ne­ma in giar­di­no - Fran­co ha por­ta­to In Du­bious Bat­tle, film trat­to dall'omo­ni­mo ro­man­zo (usci­to in Ita­lia con il titolo “La bat­ta­glia”) scrit­to da John Stein­beck nel 1936, un au­to­re che il di­vo hol­ly­woo­dia­no ama tan­tis­si­mo e di cui ave­va già por­ta­to in pal­co­sce­ni­co Uo­mi­ni e To­pi: “Stein­beck – di­ce - è cre­sciu­to co­me me in Ca­li­for­nia, è an­da­to in col­le­ge a Stan­ford, vi­ci­no a ca­sa mia. So­no cre­sciu­to con i suoi li­bri, mi ri­co­no­sco nel­la sua lin­gua e i suoi per­so­nag­gi”.

Co­pro­dot­to dall'ita­lia­na Am­bi Pic­tu­res, la “Bat­ta­glia” rac­con­ta lo scio­pe­ro ne­gli an­ni del­la Gran­de De­pres­sio­ne dei brac­cian­ti rac­co­gli­to­ri di frut­ta, in una con­tea ca­li­for­nia­na, gui­da­ti da Jim No­lan (lo stes­so Ja­mes Fran­co) con­tro i pro­prie­ta­ri ter­rie­ri che han­no pa­ga­to lo­ro mol­to me­no di quan­to pat­tui­to. Per met­te­re in sce­na que­sto scon­tro so­cia­le, il re­gi­sta si è av­val­so di una gran­de quan­ti­tà di com­par­se: “Nei miei pre­ce­den­ti film i per­so­nag­gi era­no po­chi, in que­st’ul­ti­mo sem­bra di aver­ne a mi­glia­ia. La sen­sa­zio­ne è che fos­se­ro lì e che tor­nas­se­ro ogni gior­no per­ché cre­de­va­no nel­la sto­ria”.

Una sto­ria che non è fi­ni­ta, che ha un’eco an­che nell’og­gi, di­ce il re­gi­sta-at­to­re ri­spon­den­do a chi gli chie­de se in Ame­ri­ca si lot­ti an­co­ra per i di­rit­ti sa­la­ria­li. «Non mi ri­fe­ri­sco so­lo a Trump - di­ce Fran­co - og­gi nei no­stri lea­der in ge­ne­ra­le c'è una man­can­za di in­te­res­se ver­so le clas­si la­vo­ra­tri­ci. Fin­ché sa­rà una mi­no­ran­za a ge­sti­re la gran par­te del­la ric­chez­za gli scon­tri so­cia­li sa­ran­no ine­vi­ta­bi­li».

Nel ca­st, tra gli al­tri, Ro­bert Du­vall, Bryan Cran­ston, Nat Wol­ff, Se­le­na Go­mez, Ed Har­ris, Ashley Gree­ne e Au­stin Sto­well.

RI­CHIE­STO Ja­mes Fran­co con Ashley Ben­son al Pre­mio Ro­tel­la all’hotel Cen­tu­rion. Sot­to, in ver­sio­ne ca­sual si pre­sta vo­len­tie­ri a un sel­fie con una fan

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.