Non vuo­le il bo­nus, non può ri­nun­cia­re

In­se­gnan­te non in­cas­sa i sol­di mi­ni­ste­ria­li per la for­ma­zio­ne e li ri­spe­di­sce in­die­tro Il Mi­ni­ste­ro gli ha ri­spe­di­to l’as­se­gno di 500 euro: non è pre­vi­sto il ri­fiu­to. «Ma io non li vo­glio»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - Va­len­ti­na Sil­ve­stri­ni

«Quel bo­nus di 500 euro che mi so­no ri­tro­va­to in bu­sta pa­ga dal Mi­ni­ste­ro non lo vo­glio ma non mi per­met­to­no di re­sti­tuir­lo». La pa­ra­dos­sa­le vi­cen­da ri­guar­da Gra­zia­no De Mar­chi, un do­cen­te dell'isti­tu­to Com­pren­si­vo di Tra­ve­sio che quan­do lo scor­so ot­to­bre si è vi­sto ac­cre­di­ta­re il de­na­ro pre­vi­sto co­me bo­nus una tan­tum per la pro­pria for­ma­zio­ne, ha de­ci­so di ri­fiu­tar­lo. Si trat­ta dei cin­que­cen­to euro che pro­fes­so­ri e mae­stri si so­no ri­tro­va­ti in bu­sta pa­ga per l'an­no sco­la­sti­co 2015-16 e da uti­liz­za­re per ac­qui­sta­re li­bri, ta­blet, ma­te­ria­li ma an­che per an­da­re a teatro, ve­de­re mo­stre, in sin­te­si per so­ste­ne­re l'au­to-for­ma­zio­ne e ag­gior­na­men­to.

Una pro­ce­du­ra che in que­sti gior­ni sta man­dan­do in tilt le se­gre­te­rie del­le scuo­le tan­to che il ter­mi­ne ul­ti­mo per la ren­di­con­ta­zio­ne ini­zial­men­te pre­vi­sto per il 31 ago­sto è sta­to po­sti­ci­pa­to al 15 ot­to­bre. De Mar­chi ha pro­va­to ri­spe­di­re il bo­nus al Mi­ni­ste­ro del­la Pub­bli­ca Istru­zio­ne: quan­do ad ot­to­bre si è vi­sto ac­cre­di­ta­re i sol­di, il 47en­ne do­cen­te di edu­ca­zio­ne mo­to­ria all'isti­tu­to Com­pren­si­vo di Tra­ve­sio, ori­gi­na­rio di Tar­vi­sio, ha de­ci­so di re­sti­tuir­li co­me for­ma di pro­te­sta con­tro l'idea stes­sa di «bo­nus for­ma­zio­ne». A dicembre ha fat­to un bo­ni­fi­co al­la Ban­ca d'ita­lia. A giu­gno la sco­per­ta che il de­na­ro gli era sta­to riac­cre­di­ta­to. «Agli spor­tel­li dell'agen­zia del­le En­tra­te mi han­no spie­ga­to che il si­ste­ma non pre­ve­de l'even­tua­li­tà che qual­cu­no ri­nun­ci, quin­di la re­sti­tu­zio­ne si­gni­fi­ca­va o far per­de­re il de­na­ro, o far­se­lo riac­cre­di­ta­re per­ché ri­sul­ta­vo non be­ne­fi­cia­rio» com­men­ta De Mar­chi che tut­ta­via ha de­ci­so di non de­si­ste­re. «So­no in con­tat­to con una col­le­ga del La­zio che co­me me non ac­cet­ta i sol­di e sto ra­gio­nan­do sul co­me fa­re an­che con col­le­ghi del­la To­sca­na». Ma per­ché quei cin­que­cen­to euro De Mar­chi non li vuo­le? «Li ri­ten­go un ri­di­co­lo in­sul­to se­con­do un'idea di scuo­la e for­ma­zio­ne che non con­di­vi­do - spie­ga Tan­ti col­le­ghi han­no in­ve­sti­to il de­na­ro per ac­qui­sta­re be­ni (co­me ad esem­pio ta­blet) cui do­vreb­be già prov­ve­de­re lo Sta­to o l'isti­tu­to. Tut­to il de­na­ro stan­zia­to per il bo­nus for­ma­zio­ne (500 per do­cen­te) som­ma­to a quel­lo dei bo­nus pre­mia­li (me­dia­men­te 20mi­la euro a Isti­tu­to) lo si sa­reb­be po­tu­to uti­liz­za­re co­me fon­di al­le scuo­le e per mi­glio­ra­re il rin­no­vo con­trat­tua­le, che è di so­li 7 euro lor­di» spie­ga il do­cen­te. De Mar­chi è iscrit­to al sin­da­ca­to Flc Cgil ed è Rsu all'ic di Tra­ve­sio. In­se­gna dal 2005 e da due an­ni è en­tra­to in ruo­lo co­me do­cen­te di so­ste­gno, ma il mon­do del­la scuo­la lo fre­quen­ta da vent'an­ni quan­do ini­ziò co­me col­la­bo­ra­to­re ester­no.

BUROCRAZIA La scuo­la di Tra­ve­sio do­ve in­se­gna il do­cen­te Gra­zia­no De Mar­chi (nel ri­qua­dro) che ha de­ci­so di ri­nun­cia­re al bo­nus

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.