Il sin­da­co: ba­sta in­tru­sio­ni Il co­to­ni­fi­cio è pericoloso

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cordenons - Mar­co Agru­sti

Bel­lis­si­mo e un po’ spet­tra­le, il Ma­kò at­trae. Gli ap­pas­sio­na­ti di ar­cheo­lo­gia in­du­stria­le (po­chi), ma so­prat­tut­to i tan­ti aman­ti del­la fo­to­gra­fia ama­to­ria­le, all'in­ter­no dell'ex co­to­ni­fi­cio tro­va­no in­fat­ti il pa­ra­di­so ter­re­stre dei pae­sag­gi de­ca­den­ti. Ma en­tra­re nel re­cin­to dell'ex co­to­ni­fi­cio com­por­ta un du­pli­ce pro­ble­ma: è pericoloso e an­che illegale. No­no­stan­te ciò, gli ac­ces­si il­le­ci­ti si stan­no mol­ti­pli­can­do. Fo­to­gra­fa­ti dai re­si­den­ti che abi­ta­no nel­le ca­se a ri­dos­so del­la strut­tu­ra, spes­so con­sta­ta­ti an­che dal­le au­to­ri­tà di po­li­zia e og­gi an­che con­dan­na­ti dal sin­da­co An­drea Del­le Ve­do­ve, che sen­za mez­zi ter­mi­ni in­vi­ta tut­ti «a non en­tra­re nel Ma­kò». Pas­sa­to il cuo­re dell'estate, in­fat­ti, il fe­no­me­no è ri­pre­so. En­tra­re al Ma­kò non è dif­fi­ci­le: i can­cel­li so­no chiu­si, ma ba­sta uno sfor­zo mo­de­sto e si pos­so­no sca­val­ca­re sen­za par­ti­co­la­ri pro­ble­mi. Un sal­to e si è den­tro, do­ve tut­to si è fer­ma­to agli ul­ti­mi even­ti rea­liz­za­ti in lo­co dall'as­so­cia­zio­ne "Il mio Ma­kò". Do­po­di­ché la so­cie­tà che ge­sti­va il co­to­ni­fi­cio (la Stu Ma­kò) è fi­ni­ta in li­qui­da­zio­ne e il ru­de­re in­du­stria­le è sta­to ab­ban­do­na­to nuo­va­men­te a se stes­so. Il pe­ri­co­lo è po­ten­zial­men­te ovun­que: muri da­ta­ti, sof­fit­ti pe­ri­co­lan­ti, a ter­ra ve­tro e cal­ci­nac­ci. Ci si può fa­re ma­le e si re­ste­reb­be co­mun­que nel tor­to. Per­ché l'ex co­to­ni­fi­cio è a tut­ti gli ef­fet­ti una pro­prie­tà pri­va­ta, og­gi in ma­no al team di li­qui­da­to­ri. «Per que­sto lan­cia­mo un ap­pel­lo - pro­se­gue il sin­da­co Del­le Ve­do­ve - af­fin­ché nes­su­no en­tri più nel­la strut­tu­ra. Si ri­schia­no de­nun­ce per vio­la­zio­ne del­la pro­prie­tà pri­va­ta e ci si può far ma­le, an­che se­ria­men­te. Chi en­tra, an­che so­lo per scat­ta­re una fo­to­gra­fia, com­met­te un at­to il­le­ci­to». Spes­so pe­rò si trat­ta di mi­no­ri, che se piz­zi­ca­ti all'in­ter­no del re­cin­to fi­ni­sco­no so­la­men­te nel­le ma­ni dei ge­ni­to­ri, sen­za con­se­guen­ze. Co­sì il fe­no­me­no si ri­pe­te. In­tan­to, nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne, i li­qui­da­to­ri ri­ce­ve­ran­no la ri­spo­sta de­gli en­ti pub­bli­ci che fa­ce­va­no par­te del­la Stu (Co­mu­ne di Cor­de­nons e Pro­vin­cia): do­vran­no far sa­pe­re se in­ten­de­ran­no pa­ga­re o me­no i de­bi­ti so­cie­ta­ri. In caso di ri­spo­sta ne­ga­ti­va, si an­drà al fal­li­men­to, con il ri­schio che il Ma­kò fi­ni­sca in sven­di­ta.

CO­TO­NI­FI­CIO Gio­va­ni sor­pre­si den­tro la pro­prie­tà del Ma­kò. So­pra il sin­da­co An­drea Del­le Ve­do­ve

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.