Tra Kums e The­reau è già in­te­sa

Ie­ri po­me­rig­gio l’udi­ne­se ha bat­tu­to i cam­pio­ni slo­ve­ni dell’olimpia per 3-1 Il bel­ga ha di­mo­stra­to di es­se­re uo­mo d’or­di­ne a cen­tro­cam­po, be­ne il fran­ce­se da tre­quar­ti­sta

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport Udinese - Gui­do Go­mi­ra­to

L'esa­me è sta­to su­pe­ra­to, an­che se per la lo­de bi­so­gne­rà at­ten­de­re qual­che al­tra set­ti­ma­na. Sven Kums è pre­pa­ra­to e ha di­mo­stra­to di es­se­re l'ele­men­to giu­sto per far cam­bia­re mar­cia ai bian­co­ne­ri. Nel pri­mo tem­po con­tro i cam­pio­ni di Slo­ve­nia dell'olimpia Lubiana ha agi­to a spraz­zi, ini­zial­men­te è par­so an­che un po’ in­ti­mi­di­to; poi, pia­no pia­no è sa­li­to al­la ri­bal­ta, ha da­to or­di­ne al cen­tro­cam­po e al 28' un suo as­so­lo ha strap­pa­to ap­plau­si a sce­na aper­ta da par­te di quei tifosi (ol­tre 2mi­la) la gran par­te dei qua­li ha vo­lu­to es­se­re pre­sen­te pro­prio per ve­der­lo all'ope­ra. Nel se­con­do tem­po Kums è sta­to l'as­so­lu­to pa­dro­ne del cen­tro­cam­po, non ha sba­glia­to al­cun pal­lo­ne re­cu­pe­ran­do­ne pa­rec­chi e i com­pa­gni di squa­dra spes­so lo han­no cer­ca­to, han­no ca­pi­to che di lui pos­so­no fi­dar­si. La sua pre­sen­za ha con­sen­ti­to a Fo­fa­na di po­ter­si espri­me­re al me­glio nel ruo­lo di mez­za­la, ma tut­ta la ma­no­vra ne ha be­ne­fi­cia­to. Si è am­mi­ra­ta una squa­dra che ha cer­ca­to di pra­ti­ca­re un cal­cio ad am­pio rag­gio, che ha di­ver­ti­to in par­ti­co­la­re nel se­con­do tem­po. Le no­te po­si­ti­ve ri­guar­da­no an­che i gio­va­ni Ba­lic, Ma­tos ed Ewan­dro en­tra­ti in cor­so d'ope­ra. D'ac­cor­do era un'ami­che­vo­le, ma è l'at­teg­gia­men­to pro­po­si­ti­vo del­la nuo­va Udi­ne­se (ha adot­ta­to il 4-3-2-1 e nel fi­na­le il 4-3-1-2) che è pia­ciu­to e il rien­tro di The­reau, il mi­glio­re as­sie­me a Kums, ha com­ple­ta­to l'ope­ra. Il fran­ce­se, che ha agi­to da tre quar­ti­sta co­me De Paul, svol­gen­do quin­di un com­pi­to pre­ci­so ol­tre a ese­gui­re ma­gi­stral­men­te al 47' un ri­go­re, ha mes­so lo zam­pi­no su tut­te le azio­ni mi­glio­ri ed è sta­to suo l'as­si­st al­la mezz'ora in fa­vo­re di Za­pa­ta, il qua­le è par­so in pro­gres­so fi­si­co e atle­ti­co: nel se­con­do tem­po con un pa­io di ac­ce­le­ra­zio­ni ha la­scia­to sul po­sto l'av­ver­sa­rio, ma gli man­ca an­co­ra la con­ti­nui­tà. Nel pri­mo tem­po l'uni­ca no­ta sto­na­ta è rap­pre­sen­ta­ta dal gol su­bì­to cau­sa un'er­ra­ta chiu­su­ra del re­di­vi­vo Wa­gue, che ha mes­so fuo­ri cau­sa Fe­li­pe e Da­ni­lo con­sen­ten­do a El­ke di tra­fig­ge­re il gio­va­ne Bor­sel­li­ni, estre­mo di­fen­so­re del­la Pri­ma­ve­ra. Ma quel­la di ie­ri era la pri­ma ga­ra sta­gio­na­le per l'ivo­ria­no re­du­ce da un lun­go stop (si era in­for­tu­na­to a Ber­ga­mo in ma­nie­ra se­ria al­la spal­la de­stra poi ope­ra­ta). Wa­gue per il re­sto ha lot­ta­to con ar­do­re se­gno che a bre­ve po­trà di­re la sua. «Do­po quat­tro me­si dall'in­for­tu­nio mi sen­to be­ne ha det­to Wa­gue - an­che se le gam­be non gi­ra­no an­co­ra al me­glio. Da una set­ti­ma­na la­vo­ro con il grup­po, ma sto ri­spet­tan­do la ta­bel­la di mar­cia. Og­gi ho vi­sto per la pri­ma vol­ta all'ope­ra Kums e mi è pia­ciu­to, per­ché ha personalità, per­ché dà si­cu­rez­za al­la squa­dra». Nel se­con­do tem­po, con Kums in cat­te­dra, la ma­no­vra è sta­ta pia­ce­vo­le, con la pal­la che viag­gia­va sem­pre ra­den­te e l'in­ne­sto di Ma­tos, Ba­lic e Ewan­dro ha da­to an­che un piz­zi­co di fan­ta­sia al gio­co. L'ul­ti­mo gol è sta­to segnato da Fe­li­pe su­gli svi­lup­pi di un cor­ner cal­cia­to da Ba­lic. L'uni­ca no­ta sto­na­ta è co­sti­tui­ta dal ma­lan­no mu­sco­la­re ac­cu­sa­to da Sa­mir.

Do­po quat­tro me­si si è ri­vi­sto Wa­gue

AU­TO­RE­VO­LE Sven Kums ha già ini­zia­to a pren­de­re per ma­no l’udi­ne­se

Udi­ne­se-olimpia Lubiana 3-1

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.