“Spi­ra mi­ra­bi­lis”, in sa­li­ta la ri­cer­ca dell’im­mor­ta­li­tà

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli Cultura - Adria­no De Grandis

Mas­si­mo D’anol­fi e Mar­ti­na Pa­ren­ti, una sfi­da al Con­cor­so «Non cer­chia­mo pub­bli­co ma per­so­ne che se­gua­no il no­stro per­cor­so»

“Spi­ra mi­ra­bi­lis” è sen­za dub­bio la scel­ta più co­rag­gio­sa di Al­ber­to Bar­be­ra per Venezia 73. Il do­cu­men­ta­rio del­la cop­pia ita­lia­na Mas­si­mo D’anol­fi e Mar­ti­na Pa­ren­ti in Con­cor­so è un film che po­trà spiaz­za­re mol­ti spet­ta­to­ri an­che abi­tua­ti al­la Mo­stra (e di­fat­ti al­la pro­ie­zio­ne stam­pa di­ver­si han­no la­scia­to an­zi­tem­po la sa­la). Ma è an­che il pro­se­gui­men­to di un la­vo­ro ri­go­ro­so por­ta­to avan­ti ne­gli an­ni, da “Il ca­stel­lo” a “Ma­te­ria oscu­ra”, fi­no a “L’in­fi­ni­ta fab­bri­ca del Duo­mo”, che con­flui­sce in par­te in que­sto de­fi­ni­ti­vo la­vo­ro sul­la ri­cer­ca dell’im­mor­ta­li­tà. Gi­ra­to in Ita­lia, Usa, Sviz­ze­ra, Giap­po­ne, per rie­pi­lo­ga­re gli ele­men­ti fon­da­men­ta­li del­la vi­ta (aria, ac­qua, ter­ra, fuo­co) e con la vo­ce di Ma­ri­na Vla­dy che leg­ge Bor­ges, il film va all’ar­di­ta ri­cer­ca di un pre­mio per un ci­ne­ma ec­cen­tri­co e di nic­chia.

«Da 10 an­ni se­guia­mo un la­vo­ro di ri­cer­ca, che è l’uni­ca in­no­va­zio­ne che il ci­ne­ma può per­met­ter­si og­gi. Aver­ci se­le­zio­na­to in con­cor­so è un at­to di co­rag­gio, noi che sia­mo pic­co­li Ufo, ar­ti­gia­ni che fan­no tut­to da so­li», di­ce D’anol­fi. Un film tut­ta­via non per tut­ti: «Ma io non ci ve­do un’ope­ra com­ples­sa, né osti­ca, cer­to se non ac­cet­ti il pat­to con i re­gi­sti, esci an­che dal­la sa­la. Noi non cer­chia­mo un pub­bli­co, ma vo­glia­mo del­le per­so­ne che se­gua­no il no­stro per­cor­so. Non è che vo­glia­mo fa­re i dif­fi­ci­li: amia­mo Wil­der e Lu­bi­tsch, co­me Dreyer e Tar­ko­v­skij, ma cre­dia­mo che ognu­no deb­ba fa­re il ci­ne­ma che sen­te».

Un film sull’im­mor­ta­li­tà è un te­ma de­ci­sa­men­te am­bi­zio­so. Mar­ti­na Pa­ren­ti spie­ga: «È una de­cli­na­zio­ne di ciò che uno la­scia, ma che im­pli­ca l’ac­cet­ta­zio­ne del­la mor­te. Ab­bia­mo vo­lu­to rac­con­ta­re ciò che di me­glio rie­sce a fa­re l’uma­ni­tà. Ad esem­pio l’eti­ca del la­vo­ro è fon­da­men­ta­le: ciò che si ve­de è tut­to fuo­ri dall’in­du­stria co­me il no­stro la­vo­ro. Il do­cu­men­ta­rio poi è

Ciò che di me­glio

la­scia l’uma­ni­tà

un at­to di “vio­len­za”, per­ché le per­so­ne de­vo­no da­re il pro­prio cor­po e le pro­prie azio­ni al­la ci­ne­pre­sa. Ma la real­tà non esi­ste, è il ci­ne­ma che si nu­tre del­la real­tà. E poi il ci­ne­ma non è di un so­lo ti­po. Noi fac­cia­mo film che ri­chie­do­no mol­to tem­po per far­li e per ve­der­li. Una spe­cie di at­to po­li­ti­co».

Il film, pro­dot­to da Mont­mo­ren­cy Film e Lo­mo­tion con Rai Ci­ne­ma e Sfr Sch­wei­zer, usci­rà in Ita­lia per la pri­ma vol­ta in mo­do più or­ga­ni­co. Co­glie le real­tà de­gli In­dia­ni d’ame­ri­ca, del mar­mo che ser­ve al Duo­mo di Mi­la­no, del­la co­stru­zio­ne di mol­ti stru­men­ti del­la tra­di­zio­ne de­gli steel pan (stru­men­ti a per­cus­sio­ne), co­me l’hang e il Gu­bal, ma an­che del­la me­du­sa Tur­ri­top­sis, uni­co es­se­re vi­ven­te in gra­do di ro­ve­scia­re il ci­clo vi­ta­le e ri­na­sce­re. Real­tà che ven­go­no pro­po­ste in­ter­val­la­te sen­za un or­di­ne pre­ci­so. An­co­ra D’anol­fi: «Le ri­pre­se si ac­com­pa­gna­no al mon­tag­gio, so­no due mo­men­ti che da noi van­no in­sie­me, in­trec­cia­ti tra di lo­ro. Ma il ve­ro pro­ble­ma di og­gi al ci­ne­ma è lo sguar­do cri­ti­co sul­le co­se».

"DIA­MAN­TI" Pre­mi a Lu­chet­ti e Ge­no­ve­se

CORAGGIOSO Mas­si­mo D'anol­fi e

Mar­ti­na Pa­ren­ti, re­gi­sti

di "Spi­ra mi­ra­bi­lis", Ma­ri­na Vla­dy e una sce­na dal do­cu­men­ta­rio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.