Sot­to­pro­le­ta­ri d’ita­lia, le so­rel­le sia­me­si e il ban­di­to

Il me­lò di De An­ge­lis sul­le "in­di­vi­si­bi­li" e il do­lo­re del­la se­pa­ra­zio­ne “Il più gran­de so­gno” di Van­nuc­ci: un gang­ster di­fen­so­re del­la sua bor­ga­ta

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli Cultura - Giu­sep­pe Ghi­gi

At­tac­ca­te al ba­ci­no, uni­te emo­ti­va­men­te e fi­si­ca­men­te, le due ge­mel­le sia­me­si Vio­la e Da­sy so­no “In­di­vi­si­bi­li”: so­gna­no la nor­ma­li­tà e po­ter vi­ve­re emo­zio­ni e amo­ri in so­li­tu­di­ne. Que­sto è nor­ma­le, ed è per­si­no ov­vio che sia co­sì, ma il cen­tro del me­lo­dram­ma di Edoar­do De An­ge­lis (ve­di “Moz­za­rel­la Sto­ries”) non le la­scia so­le e vuol ca­ri­ca­re la sto­ria di va­len­ze so­cia­li: in fon­do, le due, can­tan­do ai ma­tri­mo­ni, dan­no da cam­pa­re a tut­ta la fa­mi­glia che vi­ve, gra­zie a lo­ro, a Ca­stel Vol­tur­no. Poi, sco­pro­no di po­ter­si di­vi­de­re.

«Pen­so che a vol­te per cre­sce­re bi­so­gna far­si del ma­le – so­stie­ne il re­gi­sta – ri­nun­cia­re a un pez­zo di se stes­si. Vo­le­vo rac­con­ta­re il dram­ma del­la se­pa­ra­zio­ne e il do­lo­re che es­so com­por­ta. Io ve­do il mon­do in equi­li­brio tra bel­lez­za e brut­tez­za, tra il fa­sci­no di Vio­la e Da­sy e la mo­struo­si­tà di un ter­ri­to­rio stra­zia­to di una bel­lez­za pas­sa­ta».

In­ten­dia­mo­ci: i pa­rag­gi dei “Freaks” di Tod Bro­w­ning, ma an­che de­gli in­se­pa­ra­bi­li gemelli di Cro­nen­berg, so­no si­de­ral­men­te lon­ta­ni; tutt’al più la dram­ma­tur­gia del film cor­re di­sor­di­na­ta­men­te per ac­cu­mu­li di ge­ne­ri, tra un con­tor­no che so­mi­glia al­la ca­ri­ca­tu­ra di tan­ti film di am­bien­te na­po­le­ta­no e uno svi­lup­po psi­co­lo­gi­co di de­bo­le scrit­tu­ra. Se i per­so­nag­gi col­la­te­ra­li sof­fro­no di un mo­de­ra­to mac­chiet­ti­smo, me­glio va quan­do le due Fon­ta­na, le so­rel­le in­di­vi­si­bi­li, so­no in sce­na: non di­co­no mol­to, ma muo­vo­no un po’ dol­ce­men­te il qua­dro d’as­sie­me.

Sot­to­pro­le­ta­ri di pe­ri­fe­rie ro­ma­ne so­no in­ve­ce al cen­tro di “Il più gran­de so­gno”, ope­ra d’esor­dio di Mi­che­le Van­nuc­ci che tra­sfor­ma in lun­go ciò che ave­va già ini­zia­to a rac­con­ta­re nel suo cor­to, “Una sto­ria nor­ma­le”, sag­gio di di­plo­ma al Cen­tro spe­ri­men­ta­le. È la sto­ria di Mir­ko, pic­co­lo cri­mi­na­le ro­ma­no, che usci­to di ga­le­ra si ren­de con­to di ave­re da­van­ti a sé un “fu­tu­ro da riem­pi­re”, per sé e per la sua fa­mi­glia, pos­si­bil­men­te in mo­do one­sto. Non è fa­ci­le, ma a cam­biar­gli la vi­ta è la sua ele­zio­ne a pre­si­den­te del co­mi­ta­to di quar­tie­re. Il so­gno è un’al­tra esi­sten­za per sé e per la sua bor­ga­ta: ba­sta spac­cio, ba­sta vio­len­za, ba­sta in­dif­fe­ren­za, ora bi­so­gna crea­re una co­mu­ni­tà uni­ta.

«Que­sto film rac­con­ta di un ban­di­to che si con­vin­ce d’es­se­re pa­dre spi­ri­tua­le del­la pro­pria bor­ga­ta – so­stie­ne il re­gi­sta cu­sto­de di una fe­li­ci­tà che nean­che lui sa be­ne co­me rag­giun­ge­re. È la sto­ria di un so­gno, a trat­ti ir­ra­zio­na­le, fra­gi­le co­me un bic­chie­re di cri­stal­lo ma ca­pa­ce di re­ga­la­re il fu­tu­ro a chi non cre­de­va di me­ri­tar­si nean­che un pre­sen­te».

De­ci­so nel fran­tu­ma­re la nar­ra­zio­ne in un pul­vi­sco­lo di bra­ni a se stan­ti e di non per­de­re la vi­va­ci­tà dell’am­bien­te uma­no sen­za ce­de­re al do­cu­men­ta­ri­smo, l’esor­dio di Van­nuc­ci s’in­de­bo­li­sce nel com­ples­so e non pren­de mai al­la go­la, la­scian­do ne­gli oc­chi so­lo pic­co­le fi­gu­re a vol­te trop­po ca­ri­che di scrit­tu­ra e fin­ta­men­te vi­ve.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.