Fac­chet­ti ju­nior: «Icar­di? Le ban­die­re dia­no l’esem­pio»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Calcio -

MI­LA­NO - «Per es­se­re una ban­die­ra dell'in­ter bi­so­gna da­re l'esem­pio con me­no ca­pric­ci e più sa­cri­fi­cio». È il mes­sag­gio di Gian­fe­li­ce Fac­chet­ti a Mau­ro Icar­di. Do­po un'esta­te tur­bo­len­ta con la ri­chie­sta del ca­pi­ta­no ne­raz­zur­ro di ot­te­ne­re un pro­lun­ga­men­to di con­trat­to, il fi­glio dell'in­di­men­ti­ca­to cam­pio­ne spie­ga co­sa si­gni­fi­ca es­se­re un sim­bo­lo dell'in­ter: «C'è sta­to un cam­bia­men­to ra­di­ca­le del­la ro­sa. E con l'ad­dio di Za­net­ti si è re­sa ne­ces­sa­ria la crea­zio­ne di una nuo­va lea­der­ship. Se nel­la squa­dra man­ca una ban­die­ra? Tra i nuo­vi ac­qui­sti cre­do ci sia­no gio­ca­to­ri che pos­so­no di­ven­ta­re del­le ban­die­re ma bi­so­gna di­mo­strar­lo tut­ti i gior­ni».

Gian­fe­li­ce Fac­chet­ti, all'in­do­ma­ni del­la pre­sen­ta­zio­ne del li­bro "Gia­cin­to Fac­chet­ti - Il ru­mo­re non fa gol", nel gior­no del de­ci­mo an­ni­ver­sa­rio del­la scom­par­sa del pa­dre, dà fi­du­cia a De Boer: «L'ad­dio di Man­ci­ni era nell'aria già dal­la fi­ne del­la pas­sa­ta sta­gio­ne. C'è sta­to un brac­cio di fer­ro tra tec­ni­co e so­cie­tà e for­se il cam­bio an­da­va fat­to pri­ma. Ora c'è un al­le­na­to­re nuo­vo e an­che se si vor­reb­be­ro ri­sul­ta­ti su­bi­to, bi­so­gna dar­gli tem­po». L'in­ter è cam­bia­ta pro­fon­da­men­te: pro­prie­tà ci­ne­se - il Su­ning - e pre­si­den­te in­do­ne­sia­no Erick Tho­hir. Ma, se­con­do il fi­glio Gian­fe­li­ce, Gia­cin­to non si sa­reb­be fer­ma­to: «Mio pa­dre non avreb­be vis­su­to tut­to que­sto in ma­nie­ra no­stal­gi­ca. Era un uo­mo pro­po­si­ti­vo e co­strut­ti­vo».

Gian­fe­li­ce Fac­chet­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.