Bat­ta­glia in con­si­glio per ap­pro­va­re il bi­lan­cio Il sin­da­co: «Sa­bo­tag­gio»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - La­ra Za­ni

Piog­gia di or­di­ni del gior­no in con­si­glio co­mu­na­le a Por­de­no­ne du­ran­te l’ap­pro­va­zio­ne del Bi­lan­cio. Per l’op­po­si­zio­ne uno mo­do per con­tri­bui­re "al go­ver­no del­la cit­tà". Ma il sin­da­co Ales­san­dro Ci­ria­ni sbot­ta: «Po­te­va­te ap­pro­var­lo voi, que­sto è sa­bo­tag­gio». La se­du­ta è an­da­ta avan­ti tra po­le­mi­che e col­pi di sce­na.

Piog­gia di or­di­ni del gior­no sul bi­lan­cio di pre­vi­sio­ne. Per l'op­po­si­zio­ne è - spie­ga Ma­rio Bian­chi­ni (Il fiu­me) «un mo­do per con­tri­bui­re a go­ver­na­re la cit­tà», ma il sin­da­co re­pli­ca a mu­so du­ro, par­lan­do di un «at­to di boi­cot­tag­gio. I miei pri­mi cen­to gior­ni di­chia­ra - par­to­no da og­gi». Al­la fi­ne, de­gli ol­tre ven­ti or­di­ni del gior­no pre­sen­ta­ti dal­le for­ze di mi­no­ran­za la Giun­ta fa pro­prie so­la­men­te quel­le dei Cit­ta­di­ni sull'ar­chi­vio di Sta­to e su Pn­box e tra­sfor­ma in or­di­ne del gior­no l'emen­da­men­to di Por­de­no­ne 1291 sul­la cit­tà del­la cul­tu­ra. Ter­re­no di scon­tro è, an­co­ra una vol­ta, la man­ca­ta ap­pro­va­zio­ne del bi­lan­cio da par­te del­la pre­ce­den­te am­mi­ni­stra­zio­ne. A giu­sti­fi­ca­re il ri­tar­do a no­me del­la Giun­ta Pe­drot­ti è l'ex as­ses­so­re Ni­co­la Con­fi­co­ni, ma dal­le al­tre for­ze del cen­tro­si­ni­stra non man­ca­no le pre­se di po­si­zio­ne critiche. «Per que­sto Co­mu­ne - so­stie­ne Con­fi­co­ni -, è cer­ta­men­te una no­vi­tà quel­la di ap­pro­va­re un bi­lan­cio al­la fi­ne dell'an­no. Ri­cor­do che mol­to spes­so sia­mo sta­ti i pri­mi ri­spet­to agli al­tri ca­po­luo­ghi del Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia. Se nel 2016 non sia­mo riu­sci­ti a far­lo, è sta­to so­prat­tut­to per­ché in que­sti an­ni gli en­ti lo­ca­li so­no sta­ti in­te­res­sa­ti da di­ver­se ri­for­me ca­la­te dall'al­to che han­no cau­sa­to i ri­tar­di». Ma an­che su que­sto l'am­mi­ni­stra­zio­ne Pe­drot­ti non sa­reb­be im­mu­ne da col­pe, se­con­do Ales­san­dro Ci­ria­ni: «Sie­te pas­sa­ti dai 18 di­ri­gen­ti dell'era Bol­zo­nel­lo ai quat­tro e mez­zo di og­gi. Si so­no sot­to­po­sti gli uf­fi­ci a una sol­le­ci­ta­zio­ne paz­ze­sca. Non sie­te riu­sci­ti ad ap­pro­va­re il bi­lan­cio per­ché non ave­va­te le con­di­zio­ni per po­ter­lo ap­pro­va­re. Con quat­tro di­ri­gen­ti e mez­zo non è un ge­sto di in­tel­li­gen­za, è un ge­sto di ir­re­spon­sa­bi­li­tà che ci ha por­ta­to in que­sta con­di­zio­ne».

Il sin­da­co par­la di una «di­scus­sio­ne sur­rea­le e in­cre­di­bi­le». Ab­bia­mo sen­ti­to giu­di­zi su co­se che do­vrem­mo fa­re e che avreb­be do­vu­to rea­liz­za­re chi c'era pri­ma, se­gno di ir­re­spon­sa­bi­li­tà po­li­ti­ca da par­te di chi in­ter­vie­ne. I miei 100 gior­ni par­to­no da og­gi. Più di ven­ti or­di­ni del gior­no so­no un at­to di boi­cot­tag­gio. Mol­te di que­ste co­se po­te­va­te far­le voi. La ve­ri­tà è che ave­te com­bi­na­to un di­sa­stro».

Si di­ce «di­spia­ciu­to per l'at­teg­gia­men­to del sin­da­co» Mar­co Sal­va­dor (Por­de­no­ne 1291): «Emer­ge­rà la sua con­trad­dit­to­rie­tà, quan­do noi co­strui­re­mo un pro­get­to di cit­tà al­ter­na­ti­vo al suo. L'as­ses­so­re al­la Si­cu­rez­za e al Com­mer­cio Ema­nue­le Lo­per­fi­do è l'ele­men­to po­li­ti­co di que­sta Giun­ta, e ha mo­stra­to la con­trad­dit­to­rie­tà del suo ruo­lo, per­ché quel­lo che di­ce­va è com­ple­ta­men­te di­ver­so da quel­lo con cui si scon­tra gior­nal­men­te».

SIN­DA­CO Ales­san­dro Ci­ria­ni

BI­LAN­CIO Du­ro con­fron­to ie­ri in au­la con­si­glia­re per ap­pro­va­re il do­cu­men­to con­ta­bi­le

SIN­DA­CO Ales­san­dro Ci­ria­ni a mu­so du­ro con­tro l’op­po­si­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.