Il Sif­fre­di pri­va­to: an­che i Roc­co pian­go­no

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli Cultura - Al­da Van­zan

Un do­cu­men­ta­rio de­di­ca­to al­la leg­gen­da ita­lia­na dell’hard. Che si com­muo­ve pen­san­do al­la fa­mi­glia

“Fa­re il film per me è sta­to mol­to pe­san­te”. Roc­co Sif­fre­di ha ap­pe­na rac­con­ta­to che i suoi due fi­gli, “per for­tu­na”, han­no de­ci­so di non se­gui­re le sue or­me, han­no ca­pi­to che “non si trat­ta di ro­se e fio­ri, ma di la­vo­ro ve­ro”. Ac­cen­na al­la mo­glie, al­la ma­dre mor­ta, ma non fi­ni­sce la fra­se. Trat­tie­ne un sin­ghioz­zo, si scu­sa, si al­za. Por­no­star e fie­ro di es­ser­lo. Ma sen­si­bi­le. E con i sen­si di col­pa.

Lui è Roc­co Sif­fre­di, 52 an­ni, ar­ti­sta del por­no dal­le mi­su­re leg­gen­da­rie, ora pro­ta­go­ni­sta del do­cu­men­ta­rio – “Roc­co” che i re­gi­sti fran­ce­si Thie­ry De­ma­ziè­re e Al­ban Teur­lai han­no por­ta­to al­la Mo­stra del ci­ne­ma nel­la se­zio­ne Gior­na­te de­gli Au­to­ri e che sa­rà nel­le sa­le dal 31 ot­to­bre al 3 no­vem­bre. Per que­sto “ri­trat­to” so­no ser­vi­te 200 ore di gi­ra­to, il ri­sul­ta­to fi­na­le so­no 107 mi­nu­ti la cui se­quen­za ini­zia­le è un pri­mo pia­no di Sif­fre­di sot­to la doc­cia ri­pre­so pro­prio lì. “Ab­bia­mo af­fron­ta­to la vi­ta di Roc­co co­me una tra­ge­dia sha­ke­spea­ria­na”, di­co­no i re­gi­sti. C’è lui che si rac­con­ta. Ci so­no le te­sti­mo­nian­ze del­la mo­glie Rosza spo­sa­ta vent’an­ni fa e dei fi­gli Lo­ren­zo, 20 an­ni e Leo­nar­do, 16. I ri­cor­di del­la ma­dre e del pae­se di Or­to­na dov’è cre­sciu­to. Le sce­ne dal set con il cu­gi­no Ga­brie­le die­tro la mac­chi­na da pre­sa. Fi­no al­la de­ci­sio­ne di gi­ra­re l’ul­ti­mo ciak e ri­ti­rar­si. An­che se poi non sa­rà co­sì.

Po­che ore pri­ma del red car­pet (la pro­ie­zio­ne per il pub­bli­co ie­ri se­ra po­co do­po le 22), Roc­co Sif­fre­di sie­de nel giar­di­no del­la Vil­la de­gli Au­to­ri, ma men­tre sta ri­spon­den­do a una do­man­da dei gior­na­li­sti si emo­zio­na. Co­me nel film quan­do par­la del­la ma­dre e del­la fa­mi­glia. Poi tor­na a se­der­si, in­for­ca gli oc­chia­li a spec­chio e va a ruo­ta li­be­ra. “Il film rac­con­ta gli ul­ti­mi tre an­ni del­la mia vi­ta, gli an­ni in cui sof­fro, ma pri­ma non è sta­to co­sì. Ho de­ci­so di fa­re que­sto me­stie­re il gior­no in cui mi è ca­pi­ta­ta tra le ma­ni la ri­vi­sta di un ca­mio­ni­sta, era “Su­per­sex”: in pri­ma pa­gi­na c’era una mo­ra, a pa­gi­na due una bion­da, a pa­gi­na tre una ros­sa, a pa­gi­na quat­tro era­no tut­te as­sie­me. E ho det­to: io vo­glio sta­re là”. Di­ce che il ses­so l’ha “pre­so” sin da bam­bi­no e non l’ha più mol­la­to. “Vo­le­vo fa­re il por­no a 13 an­ni, poi a 16, a 20 quan­do ho pre­so la de­ci­sio­ne ho avu­to tut­ta la fa­mi­glia con­tro”. Pen­ti­to? “Do­po 32 an­ni non mi pen­to del­la scel­ta. Ma poi è ar­ri­va­ta la fa­mi­glia, la mo­glie e i fi­gli. E ho co­min­cia­to a vi­ve­re con i sen­si di col­pa”.

Ro­tza nel film di­ce di non es­se­re ge­lo­sa: quel­lo del set è so­lo ses­so – di­ce - non è amo­re. Ma Roc­co scuo­te la te­sta: “So che den­tro di lei c’è una sof­fe­ren­za, an­che se di­ce no”. E poi ave­va il ti­mo­re di es­se­re sor­pre­so sul set dai fi­gli quand’era­no pic­co­li, quan­do gi­ra­va in sa­lot­to piut­to­sto che in pi­sci­na. Un tor­men­to che l’ha por­ta­to ad ac­cet­ta­re di gi­ra­re il do­cu­men­ta­rio: “Ho po­sto una so­la con­di­zio­ne: che fos­se un la­vo­ro sin­ce­ro. L’ho vi­sto qual­che me­se fa a Pa­ri­gi, c’è sta­ta la pri­ma del­la pri­ma so­lo per me e mia mo­glie, so­no sta­to con­ten­to”. Ri­de quan­do si os­ser­va che i nu­di so­no tan­ti ma non ci so­no sce­ne spin­te: “Fos­se sta­to per me avrei fat­to ve­de­re tut­to”. I re­gi­sti pun­tua­liz­za­no: “E’ un film sul­la por­no­gra­fia, non un film por­no”. Per Roc­co Sif­fre­di gi­ra­re il do­cu­men­ta­rio è sta­to qua­si una li­be­ra­zio­ne: “Non so­no mai sta­to dal­lo psi­co­lo­go, dal ses­suo­lo­go men che me­no, an­che per­ché che ci an­drei a fa­re? Ma ades­so ve­do la vi­ta un po’ me­glio. Non di­rò mai più “ri­co­min­cio” o “smet­to”, an­drà co­me an­drà”. E il fu­tu­ro co­me lo ve­de? “Spe­ro di es­se­re un buon non­no”.

«Rosza di­ce che non è ge­lo­sa ma io so be­ne

che sof­fre»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.