«Piu­ma», fi­schi e ap­plau­si sui ba­by-ge­ni­to­ri all’ita­lia­na

Il re­gi­sta John­son: vor­rei ca­pi­re per­ché ci con­te­sta­no Mi­che­la Ce­scon: im­pos­si­bi­le fa­re fi­gli in que­sto Pae­se

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli Cultura - Giu­sep­pe Ghi­gi

Fi­schi, mol­ti “buh”, e qual­che iso­la­to “ver­go­gna!” han­no ac­col­to la pri­ma pro­ie­zio­ne di “Piu­ma”; il film è in­ve­ce an­da­to me­glio in Sa­la gran­de do­ve ha ri­ce­vu­to set­te mi­nu­ti di ap­plau­si. Sa­le di­vi­se, quin­di, for­se a cau­sa di pub­bli­ci di­ver­si; co­mun­que, un te­st im­por­tan­te per una com­me­dia che di si­cu­ro sol­le­ve­rà la que­stio­ne del­lo sta­to di sa­lu­te del no­stro ci­ne­ma, o l’eter­na dia­tri­ba tra “film leg­ge­ro”, con­si­de­ra­to po­co de­gno di se­de­re tra i film in liz­za per il Leo­ne d’oro, e “film pe­san­te”, più ti­pi­co per un fe­sti­val che si fre­gia di es­se­re “d’ar­te”.

«Fi­schi? Sa­le di­vi­se? Mi pia­ce­reb­be par­la­re con chi ha fi­schia­to e ca­pi­re le sue ra­gio­ni – di­chia­ra il re­gi­sta Roan John­son – Non cre­do che io e la mia com­pa­gna Ot­ta­via Ma­ded­du, che con me ha scrit­to la sce­neg­gia­tu­ra, ab­bia­mo pen­sa­to di fa­re un film che pos­sa di­vi­de­re. Si trat­ta di una com­me­dia che vuo­le ave­re un am­pio ven­ta­glio di emo­zio­ni: dai mo­men­ti buf­fi ti­pi­ci del­la com­me­dia a se­quen­ze di sco­ra­men­to. Il pun­to di par­ten­za è sta­to la pau­ra del­la no­stra ge­ne­ra­zio­ne di fa­re un fi­glio. La co­sa più na­tu­ra­le del mon­do è di­ven­ta­ta pa­ra­dos­sal­men­te una com­pli­ca­zio­ne im­pos­si­bi­le».

Per Mi­che­la Ce­scon, che in “Piu­ma” im­per­so­na la ma­dre di Fer­ro, le co­se non stan­no co­sì: «Gli ita­lia­ni non è che non vo­glia­no fa­re fi­gli, è che non pos­so­no per­met­ter­si di ave­re un fi­glio: i tren­ten­ni non han­no la­vo­ro, non pos­so­no ave­re una ca­sa do­ve abi­ta­re, e in que­ste con­di­zio­ni che de­vo­no fa­re? Non ser­vo­no gli spot per in­cen­ti­va­re la fer­ti­li­tà, ser­ve una buo­na e de­ci­sa po­li­ti­ca per la fa­mi­glia».

Il film, pe­rò, non po­ne af­fat­to que­stio­ni so­cia­li, ben­sì si muo­ve sul fi­lo del­la com­me­dia di for­ma­zio­ne: «Di­ven­ta­re ge­ni­to­ri sem­bra og­gi es­se­re non tan­to l’ini­zio di una nuo­va vi­ta, quan­to la fi­ne di una vec­chia – di­ce John­son – Ov­ve­ro: fi­ne de­gli ape­ri­ti­vi, dei week-end pas­sa­ti sot­to le len­zuo­la, dei viag­gi sen­za me­ta e l’ini­zio di una se­rie di dif­fi­col­tà ma­te­ria­li e re­spon­sa­bi­li­tà mo­ra­li».

In “Piu­ma” a un cer­to pun­to i fi­gli sem­bra­no più ma­tu­ri dei ge­ni­to­ri: «E’ co­sì - pro­se­gue Ce­scon – og­gi più che mai i ge­ni­to­ri so­no im­pre­pa­ra­ti a com­pie­re il lo­ro ruo­lo. So­no ina­de­gua­ti e più pre­oc­cu­pa­ti a co­strui­re il cur­ri­cu­lum dei lo­ro fi­gli che a for­ma­re una per­so­na. L’ar­ri­vo di Piu­ma in que­sto in­cer­to pa­no­ra­ma for­se cam­bia le co­se per tut­ti».

Il con­fron­to con “Ju­no” di Ja­son Reit­man ap­pa­re ine­vi­ta­bi­le. «Ho ama­to mol­to il film di Reit­man – so­stie­ne il re­gi­sta - ma il tema di fon­do è di­ver­so: lì è l’ado­zio­ne, qui è il pro­ble­ma di di­ven­ta­re ge­ni­to­ri a di­ciot­to an­ni. Cer­to, an­che Fer­ro e Ca­te ad un cer­to pun­to de­ci­do­no di far adot­ta­re la na­sci­tu­ra, ma è so­lo una pos­si­bi­li­tà per cer­ca­re di usci­re da una si­tua­zio­ne dif­fi­ci­le, qua­si un di­ver­si­vo. Al­la fi­ne vin­ce la fa­mi­glia, no­no­stan­te tut­to».

Le pa­pe­rel­le co­me me­ta­fo­ra del­la con­di­zio­ne dei gio­va­ni, l’ac­qua o il ma­re co­me sim­bo­lo del no­stro an­da­re nel­la vi­ta… «I ra­gaz­zi che nuo­ta­no so­pra una cit­tà di­ven­ta­ta una enor­me pi­sci­na è il to­no che vo­le­va­mo: la leg­ge­rez­za con cui Fer­ro e Ca­te pla­na­no so­pra la vi­ta e que­sto mon­do in­ca­si­na­to».

COM­ME­DIA So­pra, una sce­na di "Piu­ma". Sot­to, il re­gi­sta Roan John­son scher­za con una pa­pe­rel­la di pla­sti­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.