Fa­ce­book, il Co­mu­ne nel mi­ri­no

Il Gazzettino (Pordenone) - - Azzanese -

CHIONS - (al.co) Pa­gi­na Fa­ce­book del Co­mu­ne uti­liz­za­ta in ma­nie­ra im­pro­pria. «Si trat­ta - af­fer­ma­no i con­si­glie­ri del­la ci­vi­ca In­sie­me per Chions - di una pa­gi­na isti­tu­zio­na­le, che de­ve ser­vi­re per dif­fon­de­re e pub­bli­ciz­za­re le at­ti­vi­tà, po­ten­zia­re la co­mu­ni­ca­zio­ne con fi­na­li­tà isti­tu­zio­na­li e di pro­mo­zio­ne del ter­ri­to­rio». Nei gior­ni scor­si, pe­rò, la pa­gi­na era sta­ta uti­liz­za­ta per po­le­miz­za­re con­tro l'op­po­si­zio­ne sul­le critiche mos­se al­la ri­strut­tu­ra­zio­ne dell'ex scuo­la di Ba­se­do. «È inac­cet­ta­bi­le che si ar­ri­vi a un ta­le di­sprez­zo del­la de­mo­cra­zia e del­la rap­pre­sen­ta­ti­vi­tà dei cit­ta­di­ni, che, per la qua­si me­tà dei vo­tan­ti, non si ri­co­no­sco­no nel­la ci­vi­ca Obiet­ti­vo Co­mu­ne e nei suoi com­po­nen­ti. Qual­cu­no - sot­to­li­nea­no - do­vreb­be ri­cor­da­re al sin­da­co che la cam­pa­gna elet­to­ra­le si è chiu­sa da tem­po e che, no­stro mal­gra­do, è chia­ma­to a rap­pre­sen­ta­re tut­ta la cit­ta­di­nan­za. Chie­dia­mo a gran vo­ce che l'ano­ni­mo am­mi­ni­stra­to­re del­la pa­gi­na si pa­le­si e che, un se­con­do do­po, ven­ga ri­mos­so da chi l'ha no­mi­na­to. A nul­la va­le che, nell'ar­co del­la mat­ti­na­ta, lo stes­so po­st sia sta­to ri­mos­so con tan­to di scu­se: gli er­ro­ri si pa­ga­no e il di­let­tan­ti­smo non è una scu­san­te, sem­mai ne co­sti­tui­sce un'ag­gra­van­te». Le scu­se non si so­no fat­te at­ten­de­re. «Ci scu­sia­mo - si leg­ge­va nel­la pa­gi­na Co­mu­ne di Chions - per l'inav­ver­ti­to er­ro­re di pub­bli­ca­zio­ne del po­st, che ab­bia­mo prov­ve­du­to ad eli­mi­na­re».

RE­TE La pa­gi­na di Fa­ce­book

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.