Re­par­to ar­re­tra­to nel se­gno del Bra­si­le

L’ex Fla­men­co esal­ta l’intesa con Da­ni­lo e Fe­li­pe

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sanvitese - Mar­co Agru­sti

UDI­NE - Ti­to­la­re a Ro­ma con la di­fe­sa a tre, rein­ven­ta­to ter­zi­no al­la se­con­da di cam­pio­na­to con la di­fe­sa a quat­tro. A rin­cor­re­re Mo­ham­med Sa­lah per tut­ta la par­ti­ta o di cor­sa a spin­ge­re co­pri­re sull'ester­no: do­ve lo met­ti, sta. È Sa­mir Cae­ta­no de Sou­za, il mi­glior ac­qui­sto di­fen­si­vo dell'udi­ne­se. Pre­le­va­to a gen­na­io dal Fla­men­go per 4 mi­lio­ni di eu­ro, il bra­si­lia­no è rien­tra­to in Friu­li do­po il pre­sti­to se­me­stra­le al Ve­ro­na e og­gi è un ti­to­la­re fis­so nel­la for­ma­zio­ne ti­po di Bep­pe Ia­chi­ni. Si è per­mes­so ad­di­rit­tu­ra il lus­so di sfor­na­re un as­si­st - di te­sta - per il con­na­zio­na­le Fe­li­pe Dal Bel­lo (è ar­ri­va­to co­sì l'1-0 all'em­po­li). Il di­fen­so­re ha par­la­to per la pri­ma vol­ta a Udi­ne­se Tv, rac­con­tan­do­si e spie­gan­do i pas­si del suo adat­ta­men­to al cal­cio ita­lia­no. «Ho tro­va­to un gran­de grup­po - ha det­to il ca­rio­ca clas­se 1994 - fat­to di ot­ti­mi gio­ca­to­ri. È im­por­tan­te aver tro­va­to al­tri cal­cia­to­ri bra­si­lia­ni: mi aiu­ta­no ogni gior­no a ca­pi­re l'am­bien­te e il cal­cio del­la se­rie A». In par­ti­co­la­re, il pac­chet­to ar­re­tra­to schie­ra­to con­tro l'em­po­li con­ta­va tre bra­si­lia­ni su quat­tro (Fe­li­pe, Da­ni­lo La­ran­gei­ra e ap­pun­to Sa­mir). «Co­sì - ha scher­za­to il nuo­vo bian­co­ne­ro - è qua­si trop­po fa­ci­le per me. In par­ti­ta par­lia­mo sem­pre ed è per­fet­to». Quan­to al cam­bio di mo­du­lo «Per me è im­por­tan­te gio­ca­re - ha det­to Sa­mir e aiu­ta­re la squa­dra a vin­ce­re. È un po’ dif­fi­ci­le cam­bia­re la po­si­zio­ne, ma so­no fe­li­cis­si­mo di aver tro­va­to spa­zio an­che do­po il cam­bia­men­to del si­ste­ma di gio­co. Pos­so fa­re tut­to». L'oc­chio è ri­vol­to an­che al­la sfi­da di do­me­ni­ca con­tro il Mi­lan, una par­ti­ta che lo ve­drà as­sen­te dal cam­po di San Si­ro, do­ve il di­fen­so­re - sot­to­li­nean­do il va­lo­re de­gli av­ver­sa­ri ros­so­ne­ri - in­vi­ta i com­pa­gni a gio­ca­re sen­za al­cu­na pau­ra, evi­tan­do di re­pli­ca­re la pre­sta­zio­ne con la Ro­ma.

In­fi­ne Sa­mir ha par­la­to del­la sua im­pres­sio­ne re­la­ti­va al­la cit­tà: «A Udi­ne mi so­no già am­bien­ta­to - ha spie­ga­to - È una bel­la cit­tà e si sta tran­quil­li. Ho già tan­ti ami­ci». Ol­tre che tan­ti so­ste­ni­to­ri in cur­va, già ras­si­cu­ra­ti dal­la pre­sen­za di un di­fen­so­re in gra­do di co­pri­re due ruo­li so­pra la suf­fi­cien­za.

«In cam­po si par­la

la stes­sa lin­gua»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.