Vo­to in­ver­na­le Ren­zi: «Se vin­ce il no io la­scio»

La di­spo­ni­bi­li­tà è to­ta­le, «qua­lun­que esi­to ar­ri­vi dal­la Con­sul­ta» E sul re­fe­ren­dum «si può vo­ta­re tra me­tà no­vem­bre e il 5 di­cem­bre»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - Ni­no Ber­to­lo­ni Me­li

«Se per­do il Re­fe­ren­dum io la­scio». Mat­teo Ren­zi ri­ba­di­sce che il suo fu­tu­ro è le­ga­to all’esi­to del vo­to. La con­sul­ta­zio­ne si ter­rà tra il 15 no­vem­bre e il 5 di­cem­bre.

I cin­que­stel­le? “Bu­giar­di”. Il re­fe­ren­dum? “Si vo­ta tra me­tà no­vem­bre e il 5 di­cem­bre, fis­se­re­mo la da­ta il pros­si­mo 25 set­tem­bre”. E se vin­ce il No? “Con­fer­mo che me ne va­do, ma non ne vo­glio più par­la­re se no mi di­co­no che per­so­na­liz­zo”. L’ita­li­cum? “Pron­to a cam­biar­lo, an­che se la Con­sul­ta do­ves­se da­re via li­be­ra”. Non tra­la­scia nul­la dei te­mi cal­di del mo­men­to, Mat­teo Ren­zi, che a Por­ta a Por­ta tro­va mo­do di di­re la sua su­gli im­pe­gni che lo at­ten­do­no co­me ca­po del go­ver­no e co­me ca­po del Pd. Non tra­la­scian­do la pun­tu­ra di spil­lo, me­glio il col­po di scia­bo­la, nei con­fron­ti di Mas­si­mo D’ale­ma re­du­ce da un’esta­te an­ti ren­zia­na che più non si può. “D’ale­ma è per il No al re­fe­ren­dum? È una po­liz­za a fa­vo­re del Sì, ci aiu­ta a vin­ce­re”. C’è an­che un pic­co­lo, ma im­por­tan­te, an­nun­cio tra le ri­ghe del­la tra­smis­sio­ne, lad­do­ve il pre­mier se­gre­ta­rio di­ce per la pri­ma vol­ta in mo­do chia­ro co­me ver­ran­no elet­ti i fu­tu­ri se­na­to­ri-non se­na­to­ri: “Lo fa­ran­no di­ret­ta­men­te i cit­ta­di­ni, che quan­do eleg­ge­ran­no i con­si­glie­ri re­gio­na­li, su tre po­tran­no in­di­car­ne uno che poi do­vrà fa­re an­che il se­na­to­re”. Era ed è la ri­chie­sta che la mi­no­ran­za in­ter­na fa­ce­va a Ren­zi per ave­re una in­te­sa di fon­do per il re­fe­ren­dum - l’ele­zio­ne di­ret­ta - con que­sta for­mu­la­zio­ne Ren­zi sem­bre­reb­be ve­nir lo­ro in­con­tro, ma non si sa mai, dal­le par­ti del­la mi­no­ran­za po­treb­be­ro an­che de­ci­de­re che è una pre­sa in gi­ro, che non è pro­pria­men­te quel che han­no ri­chie­sto, e in­som­ma, aspet­tan­do Go­tor. Ar­ri­va­no ver­so la fi­ne del­la tra­smis­sio­ne, le do­man­de, e le ri­spo­ste, su quan­to sta av­ve­nen­do a Ro­ma, su Rag­gi e din­tor­ni, e sul Rag­gio ma­gi­co a se­gui­re. L’in­ci­pit ren­zia­no è da po­li­ti­co av­ve­du­to che ri­spet­ta il vo­to po­po­la­re: “Ve­do quel che sta av­ve­nen­do, so­no di­spia­ciu­to, non fe­steg­gio. Rag­gi è sta­ta vo­ta­ta dai cit­ta­di­ni, rap­pre­sen­ta Ro­ma, de­ve go­ver­na­re, il M5S non è che sia fi­ni­to”. Ren­zi ri­ve­la di es­ser­si sen­ti­to con la sin­da­ca, “mi ave­va te­le­fo­na­to, mi ha an­che scrit­to una let­te­ra per in­con­trar­ci, ma poi non si è più fat­ta vi­va, im­ma­gi­no che ades­so avrà al­tre prio­ri­tà”. Ciò pre­mes­so, in rit­mo ada­gio, il pre­mier cam­bia spar­ti­to e va all’at­tac­co in cre­scen­do ros­si­nia­no: “Mai vi­ste tan­te bu­gie in­sie­me. In que­ste ore si ve­do­no sce­ne in­de­co­ro­se, ma non gioi­sco, non di­co “che bel­lo” ve­den­do i fal­li­men­ti al­trui. I cin­qu­stel­le ades­so de­vo­no fi­nir­la con la dop­pia mo­ra­le: se in­da­ga­no uno del Pd de­ve an­da­re in ga­le­ra, se toc­ca a uno del M5S è col­pa dei po­te­ri for­ti”. Per il re­sto, il Ren­zi da Ve­spa è un pre­mier che si pre­sen­ta agi­tan­do il ra­mo­scel­lo d’uli­vo, che non ri­nun­cia ad al­le sue­po­si­zio­ni di fon­do, ma pron­to ad aper­tu­re che gli ri­chie­do­no da più par­ti. L’ita­li­cum, in pri­mis. Do­ve Ren­zi, al­me­no a pa­ro­le, ca­po­vol­ge un po’ l’im­po­sta­zio­ne te­nu­ta fi­no­ra ti­po “pron­to a cam­bia­re ma non ci so­no i nu­me­ri in Par­la­men­to”. Ora, in­ve­ce, Ren­zi si di­ce pron­to a cam­bia­re co­mun­que, an­che se la Con­sul­ta do­ves­se pro­nun­ciar­si per la le­git­ti­mi­tà del­la nuo­va leg­ge elet­to­ra­le, “vo­glio­no cam­biar­la? Mi va be­ne, so­no pron­to, co­sì smet­te­ran­no di di­re che so­no ar­ro­gan­te”. L’aper­tu­ra è vi­sto­sa, an­che se but­tà lì la so­li­ta fra­se “se ci so­no i nu­me­ri in Par­la­men­to”, che è una ov­vie­tà al­la Ca­ta­la­no, ma vie­ne co­mun­que do­po gli sbrac­cia­men­ti sul­la di­spo­ni­bi­li­tà a cam­bia­re l’ita­li­cum. Non po­te­va­no man­ca­re le do­man­de su che co­sa suc­ce­de a Ren­zi se vin­ces­se il No. Qui l’ex rot­ta­ma­to­re non de­mor­de, ma de­cli­na in mo­do dif­fe­ren­te la sua im­po­sta­zio­ne: “Se per­do la­scio, non ho cam­bia­to idea, l’uni­ca co­sa è che non par­lo più dei miei de­sti­ni per­so­na­li, la ri­for­ma non ri­guar­da il de­sti­no del pre­mier ma il de­sti­no del Pae­se”, che è, co­me mi­ni­mo, un con­tri­bu­to al­la sper­so­na­liz­za­zio­ne da più par­ti ri­chie­sta (a que­sto pun­to la mi­no­ran­za in­ter­na è al­le stret­te: di­spo­ni­bi­li­tà a cam­bia­re l’ita­li­cum, di­spo­ni­bi­li­tà sull’ele­zio­ne dei se­na­to­ri, sper­so­na­liz­za­zio­ne, so­no i pun­ti da sem­pre ri­chie­sti da Cu­per­so, Spe­ran­za e com­pa­gni per il lo­ro Sì al que­si­to, che fa­ran­no ades­so?).

«Non par­lo più dei miei de­sti­ni,

ma se vin­co­no i "no" la­scio»

OPPOSITORE La­pi­da­rio Ren­zi su Mas­si­mo D’ale­ma: «È una po­liz­za a fa­vo­re del Sì, ci aiu­ta a vin­ce­re»

IN TV Ren­zi apre la

sta­gio­ne di Por­ta a Por­ta, an­nun­cian­do la

re­vi­sio­ne dell’ita­li­cum, par­ti­co­la­re che fa­rà pia­ce­re al­la mi­no­ran­za dem

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.