Ba­rat­ta: fi­nal­men­te apro la fi­ne­stra sul Giar­di­no

«Sen­za più il bu­co, per la pri­ma vol­ta ho spa­lan­ca­to le ten­de sul no­stro Hy­de park Il Cu­bo ros­so è vin­cen­te. Boom di bi­gliet­ti: più 13 per cen­to, più 30 ri­spet­to al 2014»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli & Cultura - Al­da Van­zan

“Ec­co il no­stro Hy­de Park. Il ver­de, gli al­be­ri, i gio­va­ni, gen­te che fa pic­nic. Per la pri­ma vol­ta do­po tan­ti an­ni, pos­sia­mo apri­re le ten­de e guar­da­re dal­la fi­ne­stra”. Sia­mo al ter­zo pia­no del Pa­laz­zo del Ca­si­nò, in una sa­let­ta uti­liz­za­ta per in­con­tri ri­stret­ti, lu­ne­dì ad esem­pio con la stam­pa este­ra, ie­ri con i gior­na­li­sti ita­lia­ni per fa­re il pun­to del fe­sti­val al gi­ro di boa. Il pre­si­den­te del­la Bien­na­le, Pao­lo Ba­rat­ta, guar­da giù e sor­ri­de: “Il Cu­bo Ros­so è sta­to vin­cen­te”. Fi­no all’an­no scor­so c’era il cra­te­re del can­tie­re aper­to e mai fi­ni­to del nuo­vo pa­laz­zo del ci­ne­ma, ades­so c’è un pra­to, gen­te che si ri­po­sa o man­gia sot­to gli al­be­ri, spet­ta­to­ri in co­da per en­tra­re nel­la Sa­la Giar­di­no. Non è Hy­de Park, fi­gu­ria­mo­ci, ma con­si­de­ra­to che pri­ma c’era il Bu­co, è un bel suc­ces­so.

I NU­ME­RI – A po­co più di me­tà fe­sti­val, Ve­ne­zia 73 ri­sul­ta in cre­sci­ta. 7.700 ac­cre­di­ta­ti di cui 3000 gior­na­li­sti (per un ter­zo stra­nie­ri) e 1800 in­du­stry. Ri­spet­to all’an­no scor­so quan­do i bi­gliet­ti ven­du­ti fu­ro­no 50mi­la, c’è sta­to fi­no­ra un in­cre­men­to del 13 per cen­to, che sul 2014 è il 30 per cen­to in più. Com­ples­si­va­men­te le pro­ie­zio­ni sa­ran­no 510 di cui 270 per il pub­bli­co. E se la real­tà vir­tua­le con il VR Thea­tre que­st’an­no è sta­ta la no­vi­tà del­la Mo­stra, buo­ni an­che gli svi­lup­pi di Bien­na­le Col­le­ge (450 do­man­de di cui 210 ri­te­nu­te ac­co­gli­bi­li, pro­ve­nien­ti da 70 pae­si, per 12 pro­get­ti che so­no sta­ti se­le­zio­na­ti e di cui si ini­zie­rà la fa­se di la­vo­ro su­bi­to do­po il fe­sti­val) e di Brid­ge Pro­duc­tion (306 la­vo­ri esa­mi­na­ti, 40 se­le­zio­na­ti).

PO­LE­MI­CA ITA­LIA­NA – In at­te­sa di Que­sti Gior­ni di Giu­sep­pe Pic­cio­ni, ter­zo e ul­ti­mo film ita­lia­no in con­cor­so, tie­ne ban­co la po­le­mi­ca su­gli al­tri due, chi a cri­ti­ca­re la mu­ta pe­san­tez­za del do­cu­men­ta­rio Spi­ra Mi­ra­bi­lis sull’im­mor­ta­li­tà, chi la leg­ge­rez­za di Piu­ma col­pe­vo­le so­stan­zial­men­te di ap­par­te­ne­re al ge­ne­re del­la com­me­dia, sot­tin­ten­den­do pro­ba­bil­men­te che in una Mo­stra del ci­ne­ma non si do­vreb­be né ri­de­re né sor­ri­de­re. Al­ber­to Bar­be­ra, di­ret­to­re del­la Mo­stra, di­fen­de le scel­te e le se­le­zio­ni (film ita­lia­ni ne so­no ar­ri­va­ti 126, 123 so­no sta­ti scar­ta­ti), di­ce che Piu­ma “è un film che ha di­vi­so ed era pre­ve­di­bi­le”, men­tre di Spi­ra Mi­ra­bi­lis di­ce che la pri­ma per il pub­bli­co in Sa­la Gran­de ha avu­to il tut­to esau­ri­to e che su 1032 po­sti “so­lo 30 spet­ta­to­ri han­no la­scia­to il film pri­ma del­la con­clu­sio­ne, ma ci so­no sta­ti 6 mi­nu­ti di ap­plau­si”. In­som­ma, Bar­be­ra è con­ten­to, non si scom­po­ne del­le cri­ti­che (“Ognu­no fa il suo la­vo­ro, io il se­le­zio­na­to­re, voi i cri­ti­ci. E co­mun­que non leg­go i gior­na­li du­ran­te il fe­sti­val”) e a chi gli chie­de co­sa sta fa­cen­do Ve­ne­zia per il ci­ne­ma ita­lia­no, ri­spon­de: “In un con­te­sto dif­fi­ci­le e in as­sen­za tem­po­ra­nea di gran­di mae­stri e au­to­ri, ma­ga­ri per­ché non ave­va­no pron­ti nuo­vi la­vo­ri, Ve­ne­zia ri­le­va l’estre­ma va­rie­tà del ci­ne­ma ita­lia­no. Se è ve­ro il 95 per cen­to ap­par­tie­ne al ge­ne­re del­la com­me­dia, c’è an­che un 5 per cen­to che non si ac­con­ten­ta e con­ti­nua a in­se­gui­re la qua­li­tà de­cli­na­ta in tut­te le for­me pos­si­bi­li”. Bar­be­ra in­si­ste: “Una del­le cre­di­bi­li-

tà mag­gio­ri di Ve­ne­zia è il ri­go­re. Pos­sia­mo per­met­ter­ci di di­re e ab­bia­mo det­to no a tan­ti film”.

SI­SMA – Nes­su­no, di­ce Bar­be­ra, si è la­men­ta­to del mo­do in cui si è de­ci­so di apri­re la Mo­stra del ci­ne­ma, sen­za lu­stri­ni e sen­za il ri­ce­vi­men­to sul­la spiag­gia: “Ho ri­ce­vu­to sem­mai un’enor­mi­tà di mes­sag­gi di con­di­vi­sio­ne per que­sta scel­ta”. L’in­cas­so di una set­ti­ma­na di Bien­na­le Ar­chi­tet­tu­ra ha frut­ta­to 120mi­la eu­ro, sul con­to cor­ren­te aper­to dal­la Bien­na­le so­no sta­te ver­sa­te do­na­zio­ni per 10mi­la ma si con­ta di ar­ri­va­re a 50mi­la con le of­fer­te an­nun­cia­te dai pro­dut­to­ri ci­ne­ma­to­gra­fi­ci (so­lo da La La Land 25mi­la eu­ro). I sol­di rac­col­ti sa­ran­no gi­ra­ti al mi­ni­ste­ro per in­ter­ven­ti cul­tu­ra­li nei luo­ghi de­va­sta­ti dal ter­re­mo­to.

NO­TA DOLENTE – E’ sem­pre la stes­sa: gli al­ber­ghi, i ri­sto­ran­ti, le cu­ci­ne che chiu­do­no trop­po pre­sto per gli ora­ri del po­po­lo del­la Mo­stra, i prez­zi – e in que­sto Ve­ne­zia è iden­ti­ca a Can­nes - che rad­dop­pia­no du­ran­te il fe­sti­val. Bar­be­ra: “Non c’è mai sta­ta la “cit­tà” at­tor­no al­la Mo­stra del ci­ne­ma. Ri­spet­to a Can­nes e Ber­li­no, que­sta è un’iso­la nell’iso­la, ma non ho mai tro­va­to nes­su­no che si sia la­men­ta­to, an­zi”.

Bar­be­ra: film ita­lia­ni de­bo­li?

Io se­le­zio­no, voi fa­te i cri­ti­ci

LI­DO La nuo­va Sa­la Giar­di­no, gran­de suc­ces­so di Ve­ne­zia73

NUO­VO MAN­DA­TO Il pre­si­den­te del­la Bien­na­le Pao­lo Ba­rat­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.