Can­ni­ba­li nel de­ser­to sen­za mor­den­te

Fur­bi­zie e vio­len­ze ma po­co con­te­nu­to nel film del­la gio­va­ne e stiz­zo­sa re­gi­sta Ana Li­ly Amir­pour

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli & Cultura - Adria­no De Gran­dis

A vol­te più dei film (brut­ti­ni) so­no peg­gio le di­chia­ra­zio­ni di chi li ha gi­ra­ti. Ana Li­ly Amir­pour, in con­cor­so con “The bad bat­ch”, al suo se­con­do film cre­de di es­se­re già una re­gi­sta che si può per­met­te­re ri­spo­ste stiz­za­te, non-ri­spo­ste, po­le­mi­che. Si pre­sen­ta con un ber­ret­ti­no che evi­den­te­men­te do­vreb­be far col­po (o far di­men­ti­ca­re le as­sen­ze di Kea­nu Ree­ves e Jim Car­rey, nel film ri­spet­ti­va­men­te un bar­bo­ne po­sta­to­mi­co e un pu­sher-san­to­ne), si in­quie­ta se qual­cu­no le chie­de se tut­ta quel­la vio­len­za nel film fos­se ne­ces­sa­ria, in­vi­tan­do la per­so­na a ve­de­re al­tri film, e quan­do qual­cu­no le chie­de di spie­ga­re l’uso del­la co­lon­na so­no­ra, ri­spon­de can­di­da­men­te: “È la mu­si­ca che ascol­to quo­ti­dia­na­men­te, a me pia­ce mol­to ascol­ta­re la mu­si­ca”, ri­spo­sta che di­ce mol­te più co­se di quan­to non si cre­da.

Al Li­do con un film piut­to­sto fur­bo e vuo­to, no­no­stan­te le ap­pa­ren­ze, que­sta gio­va­ne re­gi­sta, che fa scri­ve­re sul ca­ta­lo­go del­la mo­stra nel­la sua bio­gra­fia “se la si sven­tra esco­no san­gue, bu­del­la e idee” di co­se in­te­res­san­ti non ne di­ce pra­ti­ca­men­te nes­su­na, va spes­so in con­fu­sio­ne, de­pi­sta le ri­spo­ste. Ve­ro for­se che ha di­chia­ra­to un gior­no che il suo film è una let­te­ra d’amo­re all’ame­ri­ca? “No, fal­so. A un ti­po di Ame­ri­ca”, ri­spon­de. A qua­le? Non si sa.

Sul­le ori­gi­ni del film, che par­la di una so­cie­tà di reiet­ti ai mar­gi­ni del mon­do, di­slo­ca­ti nel de­ser­to e de­di­ti al can­ni­ba­li­smo, è un po’ più chia­ra: “Vo­le­vo fa­re una fa­vo­la am­bien­ta­ta in un non-luo­go tra av­ven­tu­ra, viag­gio e so­gno, sen­za fe­del­tà al­la real­tà, ma con una real­tà col­le­ga­ta al po­sto. C’è una zo­na del­la Ca­li­for­nia, do­ve que­sta co­mu­ni­tà vi­ve dav­ve­ro, so­no per­so­ne al­la de­ri­va e al­cu­ne so­no an­che pro­ta­go­ni­ste nel film”. Ov­via­men­te non so­no, nel­la real­tà, de­di­te al can­ni­ba­li­smo. O al­me­no que­sto non è di­chia­ra­to.

La scel­ta del luo­go è mi­ra­ta: “Mi pia­ce la sua pu­rez­za e poi lì so­no di­ven­ta­ta gran­de. Co­sì gi­ran­do que­sto film ho cer­ca­to di im­me­de­si­mar­mi nei per­so­nag­gi e di ca­pi­re chi so­no ve­ra­men­te io. È un evi­den­te omag­gio al­lo spa­ghet­ti-we­stern, ge­ne­re che ho sem­pre ama­to in par­ti­co­la­re. E an­che a Jo­do­ro­w­sky”.

Si po­treb­be par­la­re dei cor­pi, del­la lo­ro os­ses­sio­ne per la bel­lez­za e dun­que le mu­ti­la­zio­ni per far­ne ci­bo sem­bre­reb­be­ro mi­ra­te a di­strug­ge­re que­sta ne­ces­si­tà: “Mah non ci ave­vo pro­prio pen­sa­to. Va­ni­tà per il pro­prio cor­po? Non so, ognu­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.