Ches­sa, ex al­le­na­to­re del­la Tro­st po­le­miz­za con la Fi­dal e ri­fiu­ta il pre­mio

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Ge­rar­do Pin­to

ROVERETO - Al mee­ting di Rovereto di atle­ti­ca era at­te­so il pri­ma­to del mon­do del mi­glio da par­te dell'etio­pe Gen­ze­be Di­ba­ba, che ha fal­li­to l'obiet­ti­vo cor­ren­do la di­stan­za in 4'14"30, men­tre ha ot­te­nu­to il pri­ma­to na­zio­na­le un­der 23 la vi­cen­ti­na Fe­de­ri­ca Del Buo­no, piaz­zan­do­si quar­ta, con 4'28"13 (4'08"96 di pas­sag­gio nei 1.500). Be­ne la por­de­no­ne­se Mar­zia Ca­ra­vel­li, se­con­da (57"31) nei 400hs, vin­ti dall'ucrai­na An­na Ti­ti­me­ts (56"42).

E in­tan­to con­ti­nua la po­le­mi­ca sul cam­bio dell'al­le­na­to­re del­la sal­ta­tri­ce in al­to por­de­no­ne­se Ales­sia Tro­st (nel­la fo­to). La Fi­dal in un co­mu­ni­ca­to pub­bli­ca­to il 3 set­tem­bre, scri­ve che “già nel 2015 il pro­fes­sor Gian­fran­co Ches­sa avreb­be fat­to un pas­so in­die­tro per il be­ne dell'atle­ta, poi, nel mar­zo di que­st'an­no, do­po il non bril­lan­te ri­sul­ta­to dell'atle­ta ai mon­dia­li in­door di Por­tland, Mar­co Tam­be­ri ave­va espres­so la sua in­di­spo­ni­bi­li­tà ad al­le­nar­la. Poi ave­va ac­cet­ta­to in mag­gio, con­di­vi­den­do l'in­ca­ri­co con lo stes­so Ches­sa, quin­di a Rio da so­lo, vi­sta l'in­di­spo­ni­bi­li­tà del­lo stes­so suo or­mai ex tec­ni­co”. Di qui la let­te­ra aper­ta al pre­si­den­te del­la Fi­dal, Al­fio Gio­mi, dell'al­le­na­to­re friu­la­no che sot­to­li­nea, fra l'al­tro, che “il co­mu­ni­ca­to smen­ti­sce quan­to det­to nei gior­ni pre­ce­den­ti, nel sen­so che l'idea di cam­bia­re al­le­na­to­re ri­sa­le ad un pe­rio­do an­te­ce­den­te a quel­li det­ti fi­no­ra e che la di­spo­ni­bi­li­tà a fa­re un pas­so in­die­tro è sta­ta in­ter­pre­ta­ta co­me un'as­sun­zio­ne di re­spon­sa­bi­li­tà re­la­ti­va ai cat­ti­vi ri­sul­ta­ti dell'atle­ta. Una so­lu­zio­ne trop­po fa­ci­le”. Ches­sa ri­fiu­ta il pre­mio “eu­ro­pean coa­ch award”, per gli al­le­na­to­ri che si so­no di­stin­ti nel­la sta­gio­ne, per­ché con­vin­to che “i giu­sti ri­co­no­sci­men­ti de­vo­no ma­ni­fe­star­si pri­ma con com­por­ta­men­ti lea­li, cor­ret­ti e sin­ce­ri”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.