San­to­ro sfi­da la Rai con «la ve­ra Go­mor­ra»

«La tv di Sta­to do­vreb­be ave­re il co­rag­gio di tra­smet­te­re il mio do­cu­men­ta­rio, sen­za li­mi­tar­si ai buo­ni sen­ti­men­ti»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli & Cultura -

VE­NE­ZIA - Un bam­bi­no di ot­to an­ni nel­la ba­by gang che ha pe­sta­to a Na­po­li un ucrai­no. Se non si trat­tas­se di una be­stem­mia si po­treb­be di­re che la no­ti­zia è il mi­glior spot che po­te­va ave­re Ro­bi­nù, il do­cu­men­ta­rio di Mi­che­le San­to­ro ie­ri al­la Mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia in Ci­ne­ma nel Giar­di­no.

Il gior­na­li­sta, che pre­pa­ra un gran­de ri­tor­no in tv nell'ama­ta/odia­ta Rai - su Rai2 dal 5 ot­to­bre - non ha ab­ban­do­na­to la pas­sio­ne per le in­chie­ste di am­pio re­spi­ro. È il ca­so di Ro­bi­nù che rac­con­ta una «gran­de no­ti­zia di­men­ti­ca­ta, la Pa­ran­za dei Bam­bi­ni», os­sia la real­tà dei ba­by boss di Na­po­li, ca­mor­ri­sti ado­le­scen­ti car­ne da ma­cel­lo lo­ro stes­si e le lo­ro fa­mi­glie, mez­zi anal­fa­be­ti, con dro­ga e ka­la­sh (il ka­la­sh­ni­kov nel lo­ro stra­sci­ca­to in­com­pren­si­bi­le dia­let­to). Con gran­de slan­cio San­to­ro spe­ra che «la Rai lo tra­smet­ta in pri­ma se­ra­ta, sa­reb­be una scel­ta edi­to­ria­le e gli at­tua­li ver­ti­ci Rai han­no tut­ti gli stru­men­ti cul­tu­ra­li per non scam­biar­lo per una pro­vo­ca­zio­ne. Il do­cu­men­ta­rio cru­do, pu­ro, in­te­gra­li­sta do­vreb­be es­se­re una pro­du­zio­ne prio­ri­ta­ria, sta­re al pri­mo po­sto nel con­trat­to di ser­vi­zio. Il nuo­vo grup­po di­ri­gen­te Rai è sen­si­bi­le, at­ten­to e col­to, ma è co­me se fos­se pie­ga­to a una lo­gi­ca del­la rap­pre­sen­ta­zio­ne del rea­le or­di­na­ta, pe­da­go­gi­ca, ispi­ra­ta ai buo­ni sen­ti­men­ti, bi­so­gna in­ve­ce fa­re un at­to co­rag­gio­so, una scel­ta po­li­ti­ca di rap­pre­sen­ta­re la real­tà di­sor­di­na­ta co­me è».

San­to­ro si au­gu­ra an­che più at­ten­zio­ne al­le gio­va­ni le­ve del ci­ne­ma e del­la te­le­vi­sio­ne, «che fan­no una fa­ti­ca in­cre­di­bi­le».

«Gi­ran­do que­sto film ho avu­to una le­zio­ne mol­to pa­so­li­nia­na - ri­pren­de poi - sia­mo abi­tua­ti a ve­de­re ra­gaz­zi ci­ni­ci, kil­ler spie­ta­ti men­tre con­vi­vo­no tra la mor­te e una gran­de pas­sio­ne per la vi­ta che noi che stia­mo be­ne non sap­pia­mo al­tret­tan­to nu­tri­re». Si è mol­to di­scus­so del fa­sci­no per ma­le di Gen­ny Sa­va­sta­no e dei pro­ta­go­ni­sti di Go­mor­ra, «ma è sba­glia­to, que­sto fa­sci­no nei rio­ni di Na­po­li ce l'han­no con ra­gaz­zi ve­ri, lea­der che lo­ro ri­spet­ta­no e mi­tiz­za­no. L'in­chie­sta di Ro­bi­nù da una par­te con­fer­ma che la fic­tion non è cam­pa­ta per aria, dall'al­tra che Go­mor­ra sem­pli­fi­ca co­struen­do ti­pi che so­no ma­sche­re, men­tre la real­tà di que­sti gio­va­ni è mol­to va­ria».

RE­GI­STA Fe­de­ri­ca Di Gia­co­mo. In al­to, una sce­na del do­cu­men­ta­rio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.