La­vo­ri a ri­len­to nel nuo­vo par­co

Gio­chi e gio­stre so­no già pron­ti, ma la pre­vi­sta area ver­de de­ve es­se­re an­co­ra rea­liz­za­ta

Il Gazzettino (Pordenone) - - Maniaghese Spilimberghese - Lo­ren­zo Pa­do­van

Do­po il Par­co co­mu­na­le, un'al­tra area ver­de fi­ni­sce nel­la bu­fe­ra per la lun­ghez­za dei la­vo­ri di rea­liz­za­zio­ne e per la pre­sun­ta inu­ti­li­tà di una si­mi­le ope­ra. Si trat­ta del «Par­co del­la cul­tu­ra e dell'ar­te fab­bri­le» che dal­lo scor­so me­se di feb­bra­io è in cor­so di rea­liz­za­zio­ne nel­la pri­ma par­te di via Mar­co Po­lo, cioè la cir­con­val­la­zio­ne di Ma­nia­go, nel­la zo­na a ri­dos­so del sot­to­pas­so fer­ro­via­rio. È un pro­get­to con­tem­pla­to nel Pi­sus e fi­nan­zia­to con cir­ca 230 mi­la eu­ro di fon­di co­mu­ni­ta­ri. L'in­ter­ven­to con­si­ste nel­la ri­qua­li­fi­ca­zio­ne am­bien­ta­le e fun­zio­na­le del­la zo­na a ver­de su via Mar­co Po­lo - quell'area fu uti­liz­za­ta co­me di­sca­ri­ca di iner­ti ne­gli an­ni se­guen­ti il ter­re­mo­to del 1976 - con rea­liz­za­zio­ne di un per­cor­so pe­do­na­le il­lu­mi­na­to lun­go il qua­le col­lo­ca­re una se­rie di at­trez­zi per la pra­ti­ca spor­ti­va non­chè la crea­zio­ne di un iti­ne­ra­rio lun­go il qua­le po­si­zio­na­re al­cu­ne mac­chi­ne uti­liz­za­te a suo tem­po nei ci­cli pro­dut­ti­vi vol­ti al­la rea­liz­za­zio­ne del­le ti­pi­che pro­du­zio­ne fabb­bri­li. Le per­ples­si­tà dei re­si­den­ti so­no di due or­di­ni: la pri­ma ri­guar­da la ri­ca­du­ta rea­le che il par­co può ave­re per la cit­tà. A giu­di­zio di nu­me­ro­si cit­ta­di­ni, che han­no con­tat­ta­to al­cu­ni con­si­glie­ri di mi­no­ran­za, la col­lo­ca­zio­ne sa­reb­be trop­po pe­ri­fe­ri­ca per con­sen­ti­re la pra­ti­ca del­le at­ti­vi­tà che ci si pre­fig­ge di ospi­ta­re: per il foo­ting l'anel­lo di so­li cin­que­cen­to me­tri ap­pa­re un trac­cia­to ba­na­le, in tut­to si­mi­le a quel­lo mol­to più este­so che si po­te­va già per­cor­re­re tan­to sul­la pi­sta ci­clo-pe­do­na­le Al­pe Adria quan­to nel li­mi­tro­fo Sen­tie­ro Fras­sa­ti, en­tram­bi con­ter­mi­ni all'eri­gen­da strut­tu­ra. Il se­con­do dub­bio con­cer­ne la frui­bi­li­tà per bam­bi­ni e fa­mi­glie: il par­co di­sta ol­tre un chi­lo­me­tro dal cen­tro e dal­le scuo­le di qual­sia­si or­di­ne e gra­do. Il col­le­ga­men­to con il ca­po­luo­go co­mu­na­le è osti­co, i mar­cia­pie­de so­no stret­ti, ina­dat­ti ai di­sa­bi­li e cor­ro­no lun­go via Uni­tà d'ita­lia, con­si­de­ra­ta tra le più in­si­dio­se ar­te­rie del­la cit­tà. Qua­li ge­ni­to­ri an­dran­no a pie­di fi­no in pe­ri­fe­ria per go­der­si il re­lax di un par­co che ap­pa­re co­me dop­pio­ne del co­mu­na­le e di quel­lo al­le spal­le del duo­mo, en­tram­bi ap­pe­na ri­mes­si a nuo­vo? Nel frat­tem­po, i la­vo­ri di co­stru­zio­ne dell'area van­no a ri­len­to, ma le gio­stre, nuo­vis­si­me, so­no già sta­te tut­te po­si­zio­na­te da set­ti­ma­ne, an­che se nes­sun bim­bo le po­trà usa­re per chis­sà quan­to tem­po an­co­ra.

AREA VER­DE

La zo­na a ri­dos­so di via Mar­co Po­lo do­ve il Co­mu­ne

in­ten­de rea­liz­za­re

il par­co del­la cul­tu­ra e dell’ar­te

fab­bri­le

RI­TAR­DI Al­cu­ni dei gio­chi che so­no già in­stal­la­ti Mol­ti re­si­den­ti ri­spet­to al­la zo­na trop­po de­cen­tra­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.