Udi­ne­se e Red Bull con­ti­nua­no a par­lar­si

Mal­gra­do le ras­si­cu­ra­zio­ni di Gi­no Poz­zo i ti­fo­si te­mo­no l’ar­ri­vo de­gli au­stria­ci che con­ti­nua­no a in­si­ste­re

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport Udinese - Mar­co Agru­sti

No­no­stan­te le fra­si pro­nun­cia­te ne­gli ul­ti­mi gior­ni da Gi­no Poz­zo, te­se a ne­ga­re qual­sia­si dia­lo­go tra l'udi­ne­se e la Red Bull, i con­tat­ti con la mul­ti­na­zio­na­le del­le be­van­de ener­ge­ti­che pro­se­guo­no. Udi­ne e Sa­li­sbur­go (la cit­tà au­stria­ca che ospi­ta la se­de del «to­ro ros­so») si par­la­no an­co­ra e l'oriz­zon­te non è sgom­bro né di dub­bi, né di pos­si­bi­li­tà. Tut­to può an­co­ra suc­ce­de­re. Do­po l'in­con­tro an­da­to in sce­na a mar­zo, nell'esclu­si­vo ri­sto­ran­te Agli Ami­ci di Go­dia (Udi­ne), a fi­ne ago­sto le par­ti si sa­reb­be­ro di nuo­vo in­con­tra­te in cit­tà, al­la pre­sen­za an­che di Die­tri­ch Ma­te­schi­tz, im­pren­di­to­re au­stria­co e fon­da­to­re dell'im­pe­ro Red Bull. Nes­su­na fir­ma all'oriz­zon­te, per ora, ma le quat­tro chiac­chie­re sem­bra­no di­ven­ta­te al­me­no il ot­to. E su un pos­si­bi­le in­gres­so del­la Red Bull nel pac­chet­to azio­na­rio dell'udi­ne­se è in­ter­ve­nu­to an­che l'av­vo­ca­to udi­ne­se Gio­van­ni Ada­mi. Il le­ga­le, vi­ci­no agli am­bien­ti del ti­fo or­ga­niz­za­to di tut­ta Ita­lia, era ospi­te del­la pri­ma Fe­sta dell'or­go­glio bian­co­ne­ro, or­ga­niz­za­ta sa­ba­to scor­so dal grup­po ul­tras Udi­ne­se 1995 e an­da­ta in sce­na a Di­gna­no. Ad ascol­tar­lo c'era­no gli stes­si ti­fo­si che già la scor­sa pri­ma­ve­ra pro­te­sta­ro­no con­tro l'ipo­te­si che il club friu­la­no po­tes­se fi­ni­re nel­le ma­ni del­la mul­ti­na­zio­na­le au­stria­ca de­gli ener­gy drink. «Se la Red Bull com­pras­se l'udi­ne­se Cal­cio 1896 - que­sto il pun­to di vi­sta di Ada­mi - dei co­lo­ri e del no­me pro­ba­bil­men­te re­ste­reb­be mol­to po­co. Ci tro­ve­rem­mo a gio­ca­re nel­lo sta­dio Friu­li con una squa­dra che si chia­me­reb­be Red Bull Udi­ne e che gio­che­reb­be con la pri­ma ma­glia bian­ca con il to­ro ala­to che reg­ge il sim­bo­lo di Udi­ne. Ma­ga­ri si po­treb­be an­che ave­re una se­con­da ma­glia ne­ra, giu­sto per da­re un con­ten­ti­no al­la piaz­za. Si cam­bie­rà i co­lo­ri so­cia­li, de­po­si­tan­do in Le­ga cal­cio i nuo­vi co­lo­ri so­cia­li bian­co­ros­si, di­sco­no­scen­do co­sì quel­lo che è il no­stro pa­tri­mo­nio mne­mo­ni­co e sto­ri­co». Poi l'av­vo­ca­to ha ci­ta­to i ca­si più ecla­tan­ti, le ope­ra­zio­ni por­ta­te a ter­mi­ne da Red Bull ne­gli ul­ti­mi an­ni: dall'ac­qui­si­zio­ne del­la squa­dra di New York fi­no al Sa­li­sbur­go, pas­san­do per Lip­sia, il Bra­si­le, il Gha­na. Il mo­dus ope­ran­di del­la so­cie­tà sa­li­sbur­ghe­se (stra­vol­gi­men­to del mar­chio e dei co­lo­ri, pro­gres­si­va sper­so­na­liz­za­zio­ne del­la sto­ria di un club) è ciò che spa­ven­ta il ti­fo friu­la­no. E a Udi­ne non ci sa­reb­be nem­me­no bi­so­gno di un nuo­vo sta­dio (Red Bull, in al­cu­ni ca­si, ha da­to il là an­che a que­sta ope­ra­zio­ne): c'è già ed è nuo­vo. Ma ciò che fa­reb­be ten­ten­na­re la fa­mi­glia Poz­zo non è tan­to l'ipo­te­si di po­ter ve­de­re - un gior­no un to­ro co­me sim­bo­lo so­cie­ta­rio, quan­to piut­to­sto il pe­ri­co­lo di per­de­re il con­trol­lo ese­cu­ti­vo del club. Dall'al­tra par­te del­la bar­ri­ca­ta c'è Red Bull, che in­ve­ce è abi­tua­ta ad agi­re se­guen­do il con­cet­to del tut­to e su­bi­to: en­tra­ta, con­trol­lo, ge­stio­ne. Tut­to sen­za in­tro­mis­sio­ni. Per que­sto, an­co­ra og­gi, re­sta va­li­da an­che la stra­da che po­treb­be por­ta­re a una spon­so­riz­za­zio­ne. Una ver­sio­ne soft del­la sca­la­ta. Tut­te le por­te so­no an­co­ra aper­te.

In­con­tri an­che du­ran­te l’esta­te pre­sen­te il boss Ma­te­schi­tz

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.