Vil­la­no­va-union, il der­by de­gli ex

Co­coz­za: «Vo­glio vin­ce­re». Bi­scon­tin: «Lo­ro non pos­so­no na­scon­der­si»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Cri­sti­na Tur­chet

Fuo­chi d'ar­ti­fi­cio nel­la gior­na­ta d'esor­dio di Pri­ma ca­te­go­ria. Tra gli in­cro­ci fra­tri­ci­di svet­ta Vil­la­no­va - Union Ro­rai, una clas­si­ca che tor­na do­po due sta­gio­ni, "con­di­ta" da tan­ti ex, rag­grup­pa­ti tut­ti da una so­la par­te. Cri­stian Co­coz­za, il con­dot­tie­ro in pan­ca dei pa­dro­ni di ca­sa, è tra i tan­ti. Con i ros­so­blù ha «gio­ca­to una vi­ta» a cen­tro­cam­po. Smes­si i pan­ni di cal­cia­to­re è lì che ha co­min­cia­to la car­rie­ra di tec­ni­co, gui­dan­do Gio­va­nis­si­mi, Al­lie­vi e Ju­nio­res. «Guar­do all'union con amo­re - di­chia­ra con­vin­to -, per­ché se ades­so al­le­no lo de­vo pro­prio a que­sta so­cie­tà, al­lo­ra pre­sie­du­ta da Clau­dio Cam­pa­ne­rut».

Di fron­te due mi­ster gio­va­ni, di­ven­ta­ti to­tem nei ri­spet­ti­vi club. An­drea Bi­scon­tin, 37 an­ni, è al­la se­sta sta­gio­ne da di­ret­to­re d'or­che­stra unio­ni­sta. Il 36en­ne Co­coz­za in­se­gue a 4. Il "Fer­gu­son di ca­sa no­stra" ri­ma­ne Ti­ta da Pie­ve: da 9 sta­gio­ni al S.A. Por­cia. «Non è un ca­so - scher­za Bi­scon­tin - che an­no do­po an­no si ri­pe­ta la stes­sa co­sa. Un man­tra che suo­na pres­so­ché co­sì: a Por­cia e Vil­la­no­va non ci so­no pan­chi­ne li­be­re». Tor­nan­do al der­by d'aper­tu­ra, i due tec­ni­ci van­no all'uni­so­no: «È la par­ti­ta d'esor­dio e, chi ben co­min­cia...». Nes­su­no dei due fir­me­reb­be per il pa­ri: «Non sia mai det­to, si scen­de in cam­po per vin­ce­re. Un pun­to ser­ve a po­co».

Bi­scon­tin fa la con­ta dei suoi ex gio­ca­to­ri ora in ne­roa­ran­cio «Mau­ro Mar­chiò, di­fen­so­re, e Lu­ca Mor­ro­ne cen­tro­cam­pi­sta so­no pas­sa­ti tra lo­ro que­sta esta­te - di­ce -. Si so­no ag­gre­ga­ti ad An­drea Pie­ro­bon e Da­vid Grue­so in avan­ti, Mir­ko Ros­set in di­fe­sa, Ales­sio Zuc­chet a cen­tro­cam­po. Ac­qua pas­sa­ta. Più che un der­by, que­sta par­ti­ta è la pri­ma di cam­pio­na­to: va ol­tre gli ex e le po­ten­zia­li­tà de­gli av­ver­sa­ri. Con Grue­so, Ant­wi, Pie­ro­bon e Stol­fo da­van­ti, Ton­ton in mez­zo, Spa­dot­to e Mar­chiò in di­fe­sa - snoc­cio­la -, il Vil­la­no­va non può na­scon­der­si par­lan­do di sal­vez­za tran­quil­la».

Sull'al­tro fron­te re­pli­ca Co­coz­za: «Per me quel­la di do­me­ni­ca sa­rà una par­ti­ta co­me le al­tre. So­no con­ten­to di ri­tro­va­re i di­ri­gen­ti a cui de­vo tan­to. Un di­scor­so di­ver­so ri­guar­da i gio­ca­to­ri, sia i tan­ti ex che gli al­tri. Ci sa­rà si­cu­ra­men­te mag­gior ago­ni­smo».

Se Bi­scon­tin man­da a di­re che il Vil­la­no­va non può na­scon­der­si die­tro un di­to, Co­coz­za non è da me­no quan­do par­la di un Ro­rai «ot­ti­ma squa­dra, osti­ca, gui­da­ta da un bra­vo al­le­na­to­re, che sa quel che vuo­le. Non so­no pa­ro­le di cir­co­stan­za, è pro­prio co­sì». Lui do­vrà fa­re a me­no de­gli squa­li­fi­ca­ti Alex Pio­ve­sa­na (cen­tro­cam­pi­sta) e Da­vid Grue­so, pro­prio uno dei gran­di ex di tur­no. In­tan­to pe­rò, una vol­ta di più, met­te in chia­ro: «Gio­chia­mo in ca­sa, è la pri­ma di cam­pio­na­to e io que­sta par­ti­ta la vo­glio vin­ce­re. Poi - con­clu­de - non può che es­se­re il cam­po a di­re de­fi­ni­ti­va­men­te la sua».

Mar­chiò e Mor­ro­ne gli ul­ti­mi pas­sag­gi

VILLANOVESE Cri­stian Co­coz­za

UNIO­NI­STA An­drea Bi­scon­tin

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.