"Dib­ba", crea­to­re di com­plot­ti e con­giun­ti­vi

Ri­trat­to di Ales­san­dro Di Bat­ti­sta, il lea­der M5S che ve­de con­giu­re ovun­que e fa a ga­ra con il col­le­ga Lui­gi Di Ma­io a pren­de­re a pu­gni la gram­ma­ti­ca

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - DI MA­RIO AJEL­LO

Da­je Dib­ba, fac­ce Tar­zan!». Glie­lo gri­da­no spes­so, al Di Bat­ti­sta, nei ba­gni di fol­la in cui si tuf­fa con car­pia­to e dop­pio av­vi­ta­men­to più sor­ri­si­ni (...)

(...) at­traen­ti e oc­chia­ti­ne ri­mor­chio­ne, sen­ten­do­si l’ami du peu­ple (ma Jean-paul Ma­rat ri­spet­to ad Ale era un prin­ci­pian­te dell’am­mic­ca­men­to) e poi af­fer­ra le lia­ne del non sen­se su cui vol­teg­gia gri­dan­do «noi» e in­ten­den­do «Io». Chi c’è con­tro Io? Pra­ti­ca­men­te tut­ti - «Han­no pau­ra di noi, ci vo­glio­no fer­ma­re ma non ce la fa­ran­no per­ché gli ita­lia­ni so­no dal­la no­stra par­te» - e in­som­ma il Mos­sad e il de­sti­no ci­ni­co e ba­ro che l’al­tra se­ra ha fat­to pio­ve­re men­tre dal pal­co di Net­tu­no par­la­va Io (cioè lui ca­pa­ce di sa­lu­ta­re co­sì le per­so­ne: «Ciao, co­me sto?»), l’iran e il Kgb, «iclan - le­co­sche - le­lob­by le­ban­che­daf­fa­ri - il­tri­la­te­ral il­kap­pag­gib­bì - la­ma­fia-la­mas­so­ne­ria» e pu­re «Ver­di­ni-la­bo­schi-na­po­li­ta­no» ma so­prat­tut­to «la­vec­chia­po­li­ti­ca» che stia at­ten­ta pe­rò. Per­ché ha gior­ni con­ta­ti, as­si­cu­ra il Ma­sa­niel­lo de’noan­tri.

Un ti­po co­sì a Gril­lo lo di­ver­te. Men­tre Di Ma­io lo te­me. An­che se la ve­ra com­pe­ti­zio­ne tra i due - e vin­co­no en­tram­bi - più che sul­la pre­mier­ship sem­bra sui con­giun­ti­vi. A Gig­gi che si lan­cia in uno stre­pi­to­so «co­me se ver­rei in que­sta piaz­za e ur­le­rei...», l’in­so­ste­ni­bi­le leg­ge­rez­za dell’es­se­re Dib­ba, che fin­ge di scan­da­liz­zar­si per gli stra­fal­cio­ni del ri­va­le, con­trap­po­ne con «sod­di­sfa­men­to» (cioè con sod­di­sfa­zio­ne) una dop­piet­ta mi­ci­dia­le che ha spo­po­la­to in tiv­vù: «Lei non mi in­ter­rom­pi!» (de­gno del­la sce­na in cui Fan­toz­zi gio­ca a ten­nis e of­fre il ser­vi­zio al­lo sfi­dan­te: «Che fa, bat­ta lei?») e «non è giu­sto che le ban­che scri­vi­no le ma­no­vre fi­nan­zia­rie». Ogni sgram­ma­ti­ca­tu­ra con­cet­tua­le è buo­na per for­ma­re il Dib­ba-pen­sie­ro tra ter­zo­mon­di­smo (in Ecua­dor è an­da­to a stu­dia­re gli or­ti ur­ba­ni e «la giu­sti­zia in­di­ge­na», in Afri­ca ba­cia i bim­bi e a Cu­ba ab­brac­cia la sta­tua del Che an­che se il pa­pà ha il bu­sto di Mus­so­li­ni in ca­sa); eco-equoe­go-so­li­da­ri­smo («Il mio so­gno? Da­re un red­di­to di cit­ta­di­nan­za a tut­ti»); slang te­le­vi­sio­na­rio (ma fu scar­ta­to dal­la De Fi­lip­pi quan­do fe­ce il pro­vi­no per Ami­ci); pro­fon­di­smo mo­del­lo dee-jay («La piaz­za è tut­to, sta­re in­sie­me è tut­to, sta­not­te vi la­scio con un pez­zo di Bru­ce Spring­steen e .... a ri­ve­der le stel­le!!!»); e au­tar­chia da ki­lo­me­tro ze­ro da ca­sel­lo a ca­sel­lo. «Vo­glia­mo man­gia­re ciò che pro­du­cia­mo - è il suo “va­ste pro­gram­me”, co­me avreb­be det­to De Gaul­le (chi?) - e pro­dur­re ciò che man­gia­mo».

E’ un po­co, Ale Dib­ba, il Bru­no Cor­to­na - in ver­sio­ne mi­nu­sco­la - che rom­ba nel «Sor­pas­so» an­che se Gass­man ave­va la scap­pot­ta­ta e lui nel suo «Co­sti­tu­zio­ne tour coa­st to coa­st» ca­val­ca lo scoo­te­ro­ne. «Ma quan­to mi piac­cio?». «Dibb­baaaa .... », gli gri­da­no i fan esul­tan­ti, ora che l’uni­ca stel­la non ca­den­te, tra i 5 stel­le, cre­do­no che sia que­sto oni­ri­co esem­pla­re pop.

Gra­zie a lui l’ita­lia può sal­var­si, an­zi na­sce­re o ri­na­sce­re co­me fu nel Ri­sor­gi­men­to e in­fat­ti, for­se per­ché sia chia­ma­va a sua vol­ta Ale, il Dib­ba ama re­ci­ta­re dal pal­co il «Mar­zo 1821» di Man­zo­ni, per­ché quan­to è an­che pa­triot­ti­co il no­stro eroe. Sul­la cui bio­gra­fia, nel­la Na­vi­cel­la par­la­men­ta­re, non c’è scrit­to di­soc­cu­pa­to ma «scrit­to­re» e in ef­fet­ti la Ca­sa­leg­gio As­so­cia­ti gli com­mis­sio­nò un li­bro di viag­gio sui fe­no­me­ni de­lin­quen­zia­li in Co­lom­bia («Si­ca­ri a 5 eu­ro») e da lì è co­min­cia­ta la sua gran­de sca­la­ta po­li­ti­ca di cui un ti­po ar­gu­to co­me il gior­na­li­sta Lui­gi Bar­zi­ni avreb­be po­tu­to scri­ve­re: «Fa­re il gril­li­no è sem­pre me­glio che la­vo­ra­re».

SU TWIT­TER La fo­to po­sta­ta da Vir­gi­nia Rag­gi, con Fa­bio Mas­si­mo

Ca­stal­do (a de­stra), Pao­la Ta­ver­na e Gian­lu­ca Pe­ril­li

(a si­ni­stra)

TOUR Ales­san­dro Di Bat­ti­sta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.