Ren­zi con­tro D’ale­ma: «Lui e Sil­vio si ama­no»

«Fuo­ri dal Pd non c’è una si­ni­stra mi­glio­re, ma so­lo de­ma­go­gia in ca­mi­cia ver­de»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano - Mar­co Con­ti RO­MA

«Lo di­co ai tan­ti che tro­va­no qual­co­sa che non va, a chi dal­la mat­ti­na al­la se­ra si la­men­ta: fuo­ri dal Pd non c’è una si­ni­stra mi­glio­re, la ri­vo­lu­zio­ne del pro­le­ta­ria­to. Fuo­ri dal Pd e da que­sto Pd c’è l’afd in Ger­ma­nia, la Le Pen in Fran­cia, Fa­ra­ge in In­ghil­ter­ra e in Ita­lia il qua­lun­qui­smo e la de­ma­go­gia in ca­mi­cia ver­de». Ca­mi­cia bian­ca e mi­cro­fo­no in ma­no, Mat­teo Ren­zi co­min­cia da Reg­gio Emi­lia il re­fe­ren­dum-tour e lo fa nel gior­no in cui la Cgil an­nun­cia il “no” al re­fe­ren­dum. Al­la Fe­sta dell’uni­tà, nel cuo­re dell’emi­lia­ros­sa, Ren­zi ri­spon­de di­cen­do­si «pron­to al dia­lo­go ma non ri­nun­cio al­le mie idee» «do­po vent’an­ni in cui si è di­scus­so sen­za ri­sol­ve­re nul­la».

Il 15 a Bo­lo­gna Ren­zi si con­fron­te­rà con il pre­si­den­te dell’an­pi, ma nel frat­tem­po gi­gio­neg­gia su Mas­si­mo D’ale­ma, già pre­si­den­te del Con­si­glio e del­la Bi­ca­me­ra­le sul­le Ri­for­me, e ora ac­ce­so av­ver­sa­rio del pre­mier al qua­le a suo tem­po re­ga­lò an­che una ma­glia di Tot­ti. Lo fa quan­do sot­to­li­nea che «quel­la che sa­rà sot­to­po­sta al re­fe­ren­dum non è una ri­for­ma che dà più po­te­ri al pre­mier». «Di ri­for­me che da­va­no più po­te­ri al pre­mier ce n’era­no due: una vo­lu­ta da Ber­lu­sco­ni, una da D’ale­ma, ma non son pas­sa­te». Poi al ru­mo­reg­gia­re dal­la pla­tea la bat­tu­ta sui due ex pre­si­den­ti del Con­si­glio va da so­la: «Non iro­niz­za­te su Ber­lu­sco­ni e D’ale­ma! Quan­do ci so­no amo­re e af­fet­to ci de­ve es­se­re ri­spet­to. Non fa­te bat­tu­te».

Un af­fon­do bel­lo e buo­no nei con­fron­ti di chi è or­mai con­si­de­ra­to “il front-man” dei co­mi­ta­ti per il “no”. Ren­zi ha bi­so­gno di un av­ver­sa­rio ri­co­no­sci­bi­le e la di­sce­sa in cam­po di D’ale­ma lo aiu­ta a com­por­re il puzz­le del­la vec­chia po­li­ti­ca «che vuo­le lo sta­tus quo» nel qua­le met­te an­che i se­na­to­ri le­ghi­sti e M5S che te­ma­no per le pro­prie pol­tro­ne.

«La par­ti­ta più gran­de è quel­la sul re­fe­ren­dum - am­met­te - per­chè è in bal­lo la cre­di­bi­li­tà di un Pae­se», so­stie­ne dal pal­chet­to. Sfio­ra, sen­za mai ci­tar­le, le po­le­mi­che in­ter­ne al­la giun­ta di Ro­ma, di­cen­do di con­si­de­ra­re lu­na­re la dop­pia mo­ra­le gril­li­na. Di­fen­de la po­li­ti­ca ri­ven­di­can­do che «non sia­mo tut­ti ugua­li: c’è chi la tra­spa­ren­za la pra­ti­ca e la rea­liz­za e chi ne par­la, c’è chi la tra­spa­ren­za la scri­ve sul blog e sul­le mail, che poi non leg­ge (Di Ma­io ndr), e chi co­me noi la met­te nel­la nuo­va Co­sti­tu­zio­ne all’ar­ti­co­lo 97».

Vo­ta­re “sì” «per un Pae­se più sem­pli­ce» a cin­que que­si­ti che leg­ge e su­bi­to do­po rin­gra­zia Gior­gio Na­po­li­ta­no «è gra­zie a lui che que­sto Pae­se è an­co­ra in pie­di. Sa­reb­be sta­to dif­fi­ci­le sen­za la sua pa­zien­za e la sua te­na­cia». Al ter­mi­ne del co­mi­zio un Tri­co­lo­re nel­la cit­tà in cui nac­que co­me ban­die­ra na­zio­na­le.

SI­NI­STRA Qui sot­to Ser­gio Stai­no, vi­gnet­ti­sta e di­se­gna­to­re

di Bo­bo, no­mi­na­to di­ret­to­re dell’uni­tà A si­ni­stra, Mat­teo Ren­zi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.