Friu­li Doc, il gu­sto co­me iden­ti­tà

Lo chef: le ec­cel­len­ze im­pon­go­no pro­mo­zio­ne. La pre­si­den­te: tra­di­zio­ne e sto­ria fan­no coe­sio­ne

Il Gazzettino (Pordenone) - - Friuli - Ales­sia Pi­lot­to

«O soi con­tent di jes­si chi a Udin»: in un friu­la­no un po’ sten­ta­to (ma glie­lo han­no tut­ti per­do­na­to), il "ma­ster­chef" Car­lo Crac­co dà il via al­la 22˚ edi­zio­ne di Friu­li Doc. Ac­col­to in piaz­za Li­ber­tà co­me una star, lo chef plu­ri­stel­la­to lo­da la ma­ni­fe­sta­zio­ne e la re­gio­ne: «Qui ho sem­pre tro­va­to per­so­ne stu­pen­de. Met­te­re in mo­stra le co­se bel­le che ab­bia­mo - di­ce - ser­ve per il no­stro or­go­glio e per far­le co­no­sce­re. Qui c'è tut­to, per un me­nù: dal ma­re al­la mon­ta­gna, al­la cam­pa­gna. Il Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia è co­no­sciu­to in tut­to il mon­do per il pro­sciut­to, i for­mag­gi, ma so­prat­tut­to per i vi­ni bian­chi: non ha com­pe­ti­tor, è la ca­pi­ta­le. Ciò che è im­por­tan­te con­ti­nua -, è uti­liz­za­re que­ste ec­cel­len­ze, pro­muo­ver­le e svi­lup­par­le, in mo­do che sem­pre più per­so­ne ven­ga­no da fuo­ri per co­no­sce­re que­ste ter­re me­ra­vi­glio­se».

Sor­pre­so «dal for­te spi­ri­to nel ce­le­bra­re que­sta gran­de for­za che è il vi­no», Crac­co spie­ga che «il gran­de van­tag­gio per il Friu­li sta nell'as­so­cia­re la ga­stro­no­mia ai vi­ni, nel far­ne un pac­chet­to af­fin­ché all'este­ro ca­pi­sca­no che qui ci so­no tan­te spe­cia­li­tà co­sì che il Friu­li di­ven­ti de­sti­na­zio­ne». Ci­ta i pro­sciut­ti, i cjar­c­jons, l'aglio di Re­sia, la ri­bol­la («il vi­no friu­la­no cui so­no più af­fe­zio­na­to») e il Pi­co­lit; di­ce che per uno chef stel­la­to, un pro­dot­to di nic­chia è un te­so­ro «per­ché può va­lo­riz­zar­lo»; poi, sol­le­ci­ta­to dai gior­na­li­sti, par­la del­le tu­te­le e del pro­sec­co friu­la­no e ve­ne­to (lui è di Vi­cen­za): «De­vo­no es­se­re la po­li­ti­ca e le isti­tu­zio­ni a tu­te­la­re i pro­dot­ti: le de­no­mi­na­zio­ni ser­vo­no a pro­teg­ge­re e va­lo­riz­za­re. Ci sa­rà sem­pre qual­cu­no che co­pia, se un pro­dot­to è buo­no. Il pro­sec­co? Non so­no in­te­gra­li­sta, cre­do che le co­se buo­ne va­da­no avan­ti, le al­tre no. L'im­por­tan­te è che non sia­no una for­za­tu­ra, ma sia­no ori­gi­na­rie del ter­ri­to­rio, una spe­ci­fi­ci­tà».

La pre­sen­ta­tri­ce Mar­ti­na Ri­va lo coin­vol­ge in un te­st sul­la cu­ci­na friu­la­na: Crac­co se la ca­va sul fri­co (ma non sul­la gu­ba­na) e gio­ca sul­la «bro­va­da e mu­set». La pla­tea lo ap­plau­de, en­tu­sia­sta, e lo aspet­ta spe­ran­do di ru­bar­gli una fo­to o un au­to­gra­fo. «Que­sta è la vo­stra fe­sta di­ce in­ve­ce il sin­da­co Fu­rio Hon­sell ri­vol­to al­la gen­te -. Ma un pen­sie­ro va al tra­gi­co ter­re­mo­to dell'ita­lia cen­tra­le, pro­prio nell'an­no in cui noi ri­cor­dia­mo il 40˚ del no­stro. Il mes­sag­gio più for­te che pos­sia­mo da­re noi friu­la­ni - con­ti­nua -, è che si può ri­na­sce­re, tu­te­lan­do le ra­di­ci».

An­che la pre­si­den­te del Fvg De­bo­ra Ser­rac­chia­ni in­ter­vie­ne per l'inau­gu­ra­zio­ne: «Friu­li Doc - sot­to­li­nea - è sta­to uno dei pri­mi even­ti a uni­re ci­bo, cul­tu­ra e tra­di­zio­ni. Pri­ma che l'eno­ga­stro­no­mia fos­se sco­per­ta dal­la tv, qui il ter­ri­to­rio ave­va già sco­per­to il buon be­re, il buon man­gia­re, la sto­ria e so­prat­tut­to il te­ne­re in­sie­me una co­mu­ni­tà. Que­sta è la for­za e il fu­tu­ro di Friu­li Doc». Al­la fi­ne, Crac­co ta­glia il na­stro ed è l'ini­zio del­la ve­tri­na eno­ga­stro­no­mi­ca più im­por­tan­te del­la re­gio­ne; la cit­tà è già per­va­sa da pro­fu­mi in­vi­tan­ti che ar­ri­va­no da ol­tre 100 stand e ri­chia­ma­no i nu­me­ro­si pas­san­ti: fi­no a do­me­ni­ca, que­sto sa­rà il sa­po­re di Udi­ne.

Ha sa­lu­ta­to in "ma­ri­len­ghe"

TA­GLIO DEL NA­STRO Il pal­co in piaz­za Li­ber­tà (Pres­spho­to Lan­cia)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.