La cri­si di Ro­ma è col­pa dei 5Stel­le non dei gior­na­li

Il Gazzettino (Pordenone) - - Borsa Mercati - RO­BER­TO PA­PET­TI Gio­van­ni Moc­cia

Ca­ro di­ret­to­re,

la dot­to­res­sa Mu­ra­ro, pri­ma di di­ven­ta­re as­ses­so­re all'am­bien­te nel­la giun­ta pen­ta­stel­la­ta ro­ma­na, ave­va men­ti­to cir­ca un suo coin­vol­gi­men­to nel­le in­da­gi­ni su Ma­fia Ca­pi­ta­le. Fi­no­ra a suo ca­ri­co non è emer­so al­cun ele­men­to di col­pe­vo­lez­za, tut­ta­via que­sta sua bu­gia ha in­ne­sca­to un ve­ro e pro­prio in­fer­no me­dia­ti­co con­tro i 5 stel­le. As­so­lu­ta­men­te spro­por­zio­na­to al­la gra­vi­tà dei fat­ti. Una ga­ra a chi ne par­la peg­gio. Non han­no mai ru­ba­to un eu­ro e si di­mez­za­no gli sti­pen­di. E al­lo­ra per­ché tan­ta acre­di­ne nei lo­ro con­fron­ti? Sem­pli­ce­men­te per­ché so­no una for­za an­ti­si­ste­ma. Una mi­nac­cia per i par­ti­ti tra­di­zio­na­li e più in ge­ne­ra­le per i red­di­ti e i pri­vi­le­gi di chi den­tro il si­ste­ma è per­fet­ta­men­te in­te­gra­to.

Ve­ne­zia ----------Ca­ro let­to­re, cer­chia­mo di es­se­re obiet­ti­vi. Il Mo­vi­men­to 5Stel­le sa­rà an­che una for­za an­ti-si­ste­ma, ma i vo­ti li ha ot­te­nu­ti per go­ver­na­re. A Ro­ma, per ora, non si sta di­mo­stran­do in gra­do di far­lo. E non per col­pa dei gior­na­li, del cla­mo­re me­dia­ti­co o di chis­sà qua­li po­te­ri oc­cul­ti, ma a cau­sa di scon­tri in­ter­ni, di man­can­za di tra­spa­ren­za nel­le scel­te, di in­cre­di­bi­li leg­ge­rez­ze, bu­gie ed er­ro­ri. L’at­ti­vi­tà am­mi­ni­stra­ti­va del­la ca­pi­ta­le è pa­ra­liz­za­ta per­ché il sin­da­co Vir­gi­nia Rag­gi, elet­ta dai cit­ta­di­ni ro­ma­ni, non sa usci­re dal caos che lei stes­sa ha con­tri­bui­to a crea­re. Non ha né la ca­pa­ci­tà né, so­prat­tut­to, l’au­to­ri­tà po­li­ti­ca per far­lo. Que­sti, piac­cia o me­no, so­no i fat­ti. Quan­to poi all’as­ses­so­re Mu-

ra­ro, il ga­ran­ti­smo non può es­se­re a sen­so uni­co e va­le­re so­lo per gli ami­ci. I di­ri­gen­ti pen­ta­stel­la­ti non si so­no fat­ti scru­po­lo al­cu­no, nel pas­sa­to, quan­do si trat­ta­va di re­cla­ma­re a gran vo­ce le di­mis­sio­ni di espo­nen­ti di al­tre for­ze po­li­ti­che de­sti­na­ta­ri di un av­vi­so di ga­ran­zia. Ades­so, che è una lo­ro as­ses­so­ra a fa­re i con­ti con un prov­ve­di­men­to del­le au­to­ri­tà giu­di­zia­ria, im­prov­vi­sa­men­te, sco­pro­no che l’iscri­zio­ne al re­gi­stro de­gli in­da­ga­ti non è una con­dan­na e che pri­ma di emet­te­re sen­ten­ze sa­reb­be be­ne che, co­me an­che lei scri­ve, “emer­ga­no ele­men­ti di col­pe­vo­lez­za”. Una con­ver­sio­ne ap­prez­za­bi­le. So­lo un po’ tar­di­va e so­spet­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.