Kon­cha­lo­v­sky: «L’olo­cau­sto è ba­na­liz­za­to»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli Cultura - Adria­no De Grandis

Dell’olo­cau­sto non si do­vreb­be mai smet­te­re di par­la­re. La me­mo­ria, che og­gi per­fi­no ri­schia di es­se­re per­du­ta, de­ve es­se­re man­te­nu­ta vi­va. Cer­to al ci­ne­ma di film sull’olo­cau­sto se ne so­no vi­sti pa­rec­chi, tan­to che è sem­pre più dif­fi­ci­le es­se­re ori­gi­na­li. Lo è an­co­ra di più do­po il ma­gni­fi­co “Il fi­glio di Saul” di Lász­ló Ne­mes, vi­sto e pre­mia­to l’an­no scor­so a Can­nes. E in­ve­ce il rus­so An­drei Kon­cha­lo­v­sky que­sto az­zar­do l’ha vo­lu­to co­mun­que ten­ta­re. E il ri­sul­ta­to (“Paradise”, in con­cor­so) è tutt’al­tro che di­sprez­za­bi­le. La sto­ria si sof­fer­ma sul­la vi­ta di tre in­di­vi­dui: un col­la­bo­ra­zio­ni­sta fran­ce­se, un’ari­sto­cra­ti­ca rus­sa e un uf­fi­cia­le te­de­sco. Un film con una scel­ta tec­ni­ca pre­ci­sa, che tut­ta­via il re­gi­sta non spie­ga: “Io i film li fac­cio, ma non li spie­go. Cre­do che la co­sa più im­por­tan­te non sia la qua­li­tà tec­ni­ca, ma la ri­cer­ca di un si­gni­fi­ca­to più in­ten­so e det­ta­glia­to del­le co­se”. An­che sul de­sti­no dei tre pro­ta­go­ni­sti, Kon­cha­lo­v­sky non è mol­to di­spo­ni­bi­le a spie­ga­zio­ni: “Chi so­no io per de­ci­de­re chi me­ri­ta il Pa­ra­di­so?”, un po’ sti­le Pa­pa Fran­ce­sco. E og­gi al­le 11 all’ex­cel­sior sa­rà mon­si­gnor Da­rio E. Vi­ga­nò, Pre­fet­to del­la Se­gre­te­ria per la Co­mu­ni­ca­zio­ne del­la San­ta Se­de, a con­se­gna­re al re­gi­sta il Pre­mio Ro­bert Bres­son del­la Fon­da­zio­ne En­te del­lo Spet­ta­co­lo.

Più vi­va­ce Kon­cha­lo­v­sky è sul te­ma del film: “L’olo­cau­sto or­mai è mol­to ba­na­liz­za­to. Quan­do ve­do 200 gio­va­ni in pi­gia­ma a ri­ghe in un la­ger pen­so da tem­po di es­se­re fi­ni­to den­tro il “Na­buc­co” di Ver­di. Io vo­glio par­la­re in ge­ne­ra­le del­la cat­ti­ve­ria del­la na­tu­ra e de­gli uo­mi­ni, che è eter­na. Il Ma­le na­sce ogni gior­no e spes­so chi lo eser­ci­ta pen­sa di fa­re in­ve­ce del Be­ne: il dram­ma dell’uma­ni­tà è tut­to qui. Quan­do si è bom­bar­da­ta la Li­bia, l’iraq, la Ser­bia, noi pen­sa­va­mo di fa­re del be­ne per da­re de­mo­cra­zia e li­ber­tà, ma si può di­re dav­ve­ro co­sì? E d’al­tron­de io fac­cio film per far sen­ti­re l’or­ro­re che l’uo­mo spes­so non sen­te”.

RUS­SO An­drei Kon­cha­lo­v­sky

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.