UN LEO­NE ME­RI­TA­TO MA IL CI­NE­MA ITA­LIA­NO ERA AS­SEN­TE

Ma il tri­bu­to a Diaz non ri­pa­ga del­la "di­men­ti­can­za" per Lar­rain Qual­che er­ro­re per Men­des & c. e al­me­no 7 opere che la­scia­no il se­gno

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - DI ADRIA­NO DE GRANDIS

Di si­cu­ro il Leo­ne d’oro a Lav Diaz (il pri­mo al­le Fi­lip­pi­ne) e al suo “The wo­man who left” (La don­na che se ne an­dò) è un ri­co­no­sci­men­to (...)

va­lo­riz­za­re Em­ma Sto­ne che in un mu­si­cal can­ta ma­luc­cio e bal­la peg­gio, di­cia­mo che è pa­ra­dos­sa­le. D’al­tron­de in “Oriz­zon­ti” un’al­tra giu­ria ha pre­mia­to un film per la sce­neg­gia­tu­ra, che pra­ti­ca­men­te non ce l’ha…. In real­tà ol­tre a Bri­zé, la di­men­ti­can­za più gra­ve an­co­ra una vol­ta è quel­la di Pa­blo Lar­raín, or­mai l’au­to­re più sot­to­va­lu­ta­to del se­co­lo. Il suo “Jac­kie” por­ta a ca­sa so­lo la sce­neg­gia­tu­ra (che man­co l’ha scrit­ta lui e nep­pu­re è “ori­gi­na­le”).

L’ita­lia esce giu­sta­men­te con le os­sa rot­te. Tre film con trop­pi pro­ble­mi, “Piu­ma” e Que­sti gior­ni” fuo­ri luo­go in con­cor­so, per mo­ti­vi di­ver­si. Con­so­la­zio­ne la vit­to­ria in “Oriz­zon­ti” di “Li­be­ra­mi”, un film su­gli esor­ci­smi di­ret­to da Fe­de­ri­ca Di Gia­co­mo. Ma è dav­ve­ro po­co e que­sto è il va­lo­re dell’ita­lia, quan­do i suoi po­chi au­to­ri ve­ri non scen­do­no in cam­po.

Si chiu­de una Mo­stra che non ha ap­pa­ga­to del tut­to le aspet­ta­ti­ve ci­ne­fi­le. Gra­zie a una po­de­ro­sa se­con­da par­te, il Con­cor­so ap­pa­re ab­ba­stan­za buo­no: 6-7 film su 20 han­no la­scia­to il se­gno (non tan­ti…), ma al­tret­tan­ti so­no ap­par­si scel­te inap­prez­za­bi­li (un po’ trop­pi). Ma le an­na­te van­no e ven­go­no, pe­rò al­cu­ne scel­te, co­me il film di Cian­fran­ce, so­no in­com­pren­si­bi­li. E poi ma­ga­ri la giu­ria pre­mia una ruf­fia­na­ta vuo­ta co­me “The bad bat­ch” (il pre­mio più con­te­sta­bi­le), di una re­gi­sta pre­sun­tuo­sa co­me Ana Li­ly Ami­pour. Buo­ne nuo­ve in­ve­ce dal Li­do, dal neo Giar­di­no a una par­te­ci­pa­zio­ne (an­che lo­ca­le) ap­par­sa più nu­me­ro­sa e vo­glio­sa. Un se­gna­le su cui co­strui­re mol­to.

Adria­no De Grandis

VE­NE­ZIA 73 Il pre­si­den­te del­la giu­ria San Men­des e, sot­to da si­ni­stra, il di­ret­to­re del­la Mo­stra Alberto Bar­be­ra e il pre­si­den­te del­la Bien­na­le Pao­lo Ba­rat­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.