Cam­piel­lo, la ve­ri­tà del­la Vin­ci: «La paz­zia ri­guar­da tut­ti noi»

Ver­det­to con­tro i pro­no­sti­ci, par­la la vin­ci­tri­ce

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - Ser­gio Fri­go

«La paz­zia ri­guar­da ognu­no di noi, per­chè nes­su­no è "nor­ma­le"». Si­mo­na Vin­ci è la vin­ci­tri­ce a sor­pre­sa del 54. Pre­mio Cam­piel­lo. Il suo li­bro, "La pri­ma ve­ri­tà", rac­con­ta la pri­gio­ne per ma­la­ti di men­te al­le­sti­ta in Gre­cia nell’iso­la di Le­ros a par­ti­re da­gli an­ni ’50.

Il li­bro con cui sa­ba­to se­ra al­la Fe­ni­ce Si­mo­na Vin­ci si è ag­giu­di­ca­ta il 54. Pre­mio Cam­piel­lo - "La pri­ma ve­ri­tà", ed. Ei­nau­di - è pro­ba­bil­men­te il me­no "cam­piel­le­sco" non so­lo del­la cinquina fi­na­li­sta, ma di tut­ti i vin­ci­to­ri dell’ul­ti­mo quin­di­cen­nio. La giu­ria dei 300 let­to­ri po­po­la­ri (che cam­bia­no ogni an­no, ma si può ge­ne­ra­liz­za­re sul­la ba­se dell’espe­rien­za) di so­li­to ama li­bri in cui la tra­ma è pre­do­mi­nan­te e la strut­tu­ra im­me­dia­ta­men­te in­di­vi­dua­bi­le; me­glio, poi, se il te­ma è ac­cat­ti­van­te.

Nien­te di più di­ver­so, in­som­ma, dal mag­ma­ti­co, er­ra­ti­co, du­ris­si­mo rac­con­to («am­bi­zio­so, esa­ge­ra­to, poe­ti­co», lo de­fi­ni­sce lei stes­sa) dell’inu­ma­na pri­gio­ne per ma­la­ti di men­te al­le­sti­ta in Gre­cia nell’iso­la-ma­ni­co­mio di Le­ros a par­ti­re da­gli an­ni ’50, sfrut­ta­ta con­tro gli op­po­si­to­ri dal re­gi­me dei co­lon­nel­li ne­gli an­ni ’60 e ’70, sco­per­ta e de­nun­cia­ta al mon­do da un ser­vi­zio del­la Bbc e dal­le fo­to di An­to­nel­la Piz­za­mi­glio al­la fi­ne de­gli an­ni ’80; un rac­con­to, per di più, in cui il te­ma del­la paz­zia fi­ni­sce per in­va­de­re an­che il pri­va­to dell’au­tri­ce, cre­sciu­ta a Bu­drio (do­ve le isti­tu­zio­ni psi­chia­tri­che, e i lo­ro ri­co­ve­ra­ti, so­no di ca­sa), in una fa­mi­glia in cui il di­sa­gio psi­chi­co del­la ma­dre ha fi­ni­to per sfio­ra­re an­che lei: «In al­tri an­ni sa­rei fi­ni­ta io stes­sa in ma­ni­co­mio - di­chia­ra con di­sar­man­te one­stà - a sal­var­mi so­no sta­ti set­te an­ni di ana­li­si».

Eb­be­ne, co­me ha fat­to un ro­man­zo co­sì a rac­co­glie­re i 79 vo­ti (su 280 vo­tan­ti) suf­fi­cien­ti per la­sciar­si die­tro (a quo­ta 64) la fa­vo­ri­ta del­la vi­gi­lia Eli­sa­bet­ta Ra­sy, con le sue cro­ce­ros­si­ne nel gor­go del­la guer­ra de "Le re­go­la del fuo­co" (Ed. Riz­zo­li), ma an­che An­drea Ta­rab­bia con "Il giar­di­no del­le mo­sche" (Pon­te del­le Gra­zie, 62 vo­ti), Lu­ca Do­ni­nel­li con "Le co­se sem­pli­ci" (Bom­pia­ni, 41 vo­ti) e Ales­san­dro Ber­tan­te con "Gli ul­ti­mi ra­gaz­zi del se­co­lo" (Giun­ti, 34 vo­ti)? La spie­ga­zio­ne "arit­me­ti­ca" sta nei fat­to che i nu­me­ro­si vo­ti rac­col­ti dai suoi "an­ta­go­ni­sti" han­no con­tri­bui­to ad ab­bas­sa­re il quo­rum ne­ces­sa­rio per vin­ce­re: ma la spie­ga­zio­ne più "pro­fon­da" la for­ni­sce lei stes­sa, che tra l’al­tro è una ve­te­ra­na del pre­mio, dov’è sta­ta in fi­na­le nel 1998 (con "In tut­ti i sen­si co­me l’amo­re"), e ha ri­schia­to di vin­cer­lo nel 2003 con "Co­me pri­ma del­le ma­dri".

«An­che se ten­dia­mo a te­ner­la di­stan­te, la paz­zia ri­guar­da ognu­no di noi, per­chè nes­su­no è "nor­ma­le": tut­ti ab­bia­mo mo­men­ti in cui non ci sen­tia­mo adat­ti, pe­rio­di di depressione che di­ven­ta­no qual­co­sa di peg­gio se non so­no ascol­ta­ti, an­che se non ab­bia­mo il co­rag­gio di am­met­ter­lo nean­che con noi stes­si, e di chie­de­re aiu­to».

Co­me ha fat­to a far su­pe­ra­re que­sta pau­ra al let­to­re?

«Cre­do che sia sta­to im­por­tan­te l’io nar­ran­te, che in par­te coin­ci­de con l’au­to­re, che ten­de la ma­no ver­so chi leg­ge e rie­sce a por­tar­lo den­tro que­ste vi­cen­de, fa­cen­do­gli ascol­ta­re sto­rie dif­fi­ci­li da ascol­ta­re. E poi si trat­ta di un li­bro scrit­to con sin­ce­ri­tà e con pas­sio­ne, non con fur­bi­zia».

Lei os­ser­va che Le­ros, do­po gli psi­chia­tri­ci e i dis­si­den­ti, ha im­pri­gio­na­to i pro­fu­ghi dal Me­dio Orien­te...

«Stig­ma­tiz­za­re le per­so­ne, co­strui­re mu­ri e pri­gio­ni, è il mo­do con cui il po­te­re ge­sti­sce gli in­de­si­de­ra­ti. La vi­cen­da de­gli im­mi­gra­ti è al­tret­tan­to em­ble­ma­ti­ca: mol­ti di lo­ro si por­ta­no die­tro trau­mi che im­pie­ghe­ran­no de­cen­ni, ge­ne­ra­zio­ni a su­pe­ra­re. Ci sa­reb­be bi­so­gno di so­ste­gno psi­co­lo­gi­co, in­ve­ce non ga­ran­tia­mo nem­me­no l’ac­co­glien­za. Ma la que­stio­ne è più ge­ne­ra­le: il po­te­re co­strui­sce mu­ri an­che la­scian­do le fa­mi­glie so­le e al­lo sban­do di fron­te al­la ma­lat­tia men­ta­le, lo­gi­co che es­se chie­da­no con­ten­zio­ne e me­di­ci­ne per i lo­ro ca­ri am­ma­la­ti. La pros­si­ma co­sa che in­ten­do scri­ve­re sa­rà in­cen­tra­ta pro­prio sul cao­ti­co fun­zio­na­men­to dei Cen­tri di Salute Men­ta­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.