«L’ita­li­cum può cam­bia­re fa­re­mo la no­stra pro­po­sta»

Ren­zi con­fer­ma l’aper­tu­ra sul­la leg­ge elet­to­ra­le e at­tac­ca an­co­ra D’ale­ma «Vuo­le ru­bar­ci il fu­tu­ro». La mi­no­ran­za Pd re­pli­ca: co­sì vo­tia­mo No

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

CA­TA­NIA - Con­fer­ma la «di­spo­ni­bi­li­tà to­ta­le» a par­la­re di mo­di­fi­che al­la leg­ge elet­to­ra­le: «Fa­te le vo­stre pro­po­ste, fa­re­mo la no­stra». Ma nel chiu­de­re la Fe­sta na­zio­na­le dell'uni­tà, Mat­teo Ren­zi ri­ser­va pa­ro­le di fuo­co al­la si­ni­stra Pd e «all'esper­to di pas­sa­to» Mas­si­mo D'ale­ma. E a chi mi­nac­cia di vo­ta­re no al re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le se l'ita­li­cum non cam­bie­rà, di­ce: «Al­cu­ni lea­der del pas­sa­to vor­reb­be­ro fre­gar­ci il fu­tu­ro con ris­se in­ter­ne quo­ti­dia­ne. Ma non ci fa­re­mo tra­sci­na­re nel­la guer­ra del fan­go del­le cor­ren­ti», sil­la­ba il pre­mier. Ma i suoi to­ni fan­no in­sor­ge­re la mi­no­ran­za. «Ad og­gi voto no», di­ce Ro­ber­to Spe­ran­za, "del­fi­no" di Ber­sa­ni. E Gian­ni Cu­per­lo av­ver­te che la rot­tu­ra è un «ri­schio con­cre­to».

Il pre­mier spie­ga di aver scel­to di or­ga­niz­za­re per la pri­ma vol­ta al Sud la fe­sta na­zio­na­le dell'uni­tà per ab­bat­te­re «ste­ri­li luo­ghi co­mu­ni». Ci­ta gli il­lu­stri si­ci­lia­ni Ar­chi­me­de, Bar­to­lo, La Pi­ra e il «pun­to di ri­fe­ri­men­to per au­to­re­vo­lez­za» Ser­gio Mat­ta­rel­la. Non si fa scom­por­re né dai con­te­sta­to­ri iso­la­ti che vo­cia­no dal pub­bli­co né dal­le pro­te­ste che in­du­co­no le for­ze dell'or­di­ne a blin­da­re Ca­ta­nia e che poi sfo­cia­no in scon­tri con due fer­ma­ti: «Svol­gia­mo una fun­zio­ne so­cia­le per i con­te­sta­to­ri...», scher­za, ma chi «spac­ca tut­to ne­ga il fu­tu­ro».

La pla­tea, che com­pli­ce an­che la piog­gia si riem­pie so­lo al­la fi­ne, esplo­de in ap­plau­si nei pas­sag­gi sfer­zan­ti per gli av­ver­sa­ri. «Te­ne­te­vi le vo­stre ca­mi­cie ver­di e la­scia­te le ma­gliet­te del­la po­li­zia, a cui ave­va­te bloc­ca­to i con­trat­ti, a chi è de­gno di por­tar­le», di­ce a Mat­teo Sal­vi­ni. «Il M5s è di­ven­ta­to il Par­ti­to 5 stel­le. Si so­no chiu­si nel­le lo­ro stan­ze e se le stan­no dan­do di san­ta ra­gio­ne», di­ce ai gril­li­ni. Ma al Pd - in pla­tea, ac­can­to al ma­ri­to Da­rio Fran­ce­schi­ni, c'è Mi­che­la De Bia­se, ca­po­grup­po in Co­mu­ne - chie­de di «non at­tac­ca­re Vir­gi­nia Rag­gi, per ri­spet­to de­gli elet­to­ri». E an­co­ra, to­ni ac­ce­si sull'eu­ro­pa: «Hol­lan­de e Tsi­pras so­no ve­nu­ti sul­le no­stre po­si­zio­ni - ri­ven­di­ca - Ba­sta con au­ste­ri­ty e te­si ar­di­te del fi­scal com­pact. Le re­go­le non so­no un to­tem se c'è chi non ar­ri­va a fi­ne me­se».

Ma è il re­fe­ren­dum il cuo­re del di­scor­so, il «bi­vio tra fu­tu­ro e pa­lu­de» in vi­sta del qua­le Ren­zi vuol mo­bi­li­ta­re il Pd per il sì. Ci tie­ne, il pre­mier, a ri­cor­da­re che la riforma è «iscrit­ta nel­la sto­ria del Pd», dal Pci al Pds. E lo rin­fac­cia a Mas­si­mo D'ale­ma, ci­tan­do (con tan­to di imi­ta­zio­ne) un pas­sag­gio di un li­bro del '95 in cui l'ex pre­mier di­fen­de­va il su­pe­ra­men­to del bi­ca­me­ra­li­smo per­fet­to.

Con D'ale­ma la frat­tu­ra è in­sa­na­bi­le, ma con il re­sto del­la mi­no­ran­za il lea­der Dem ri­ven­di­ca di es­se­re sta­to aper­to all'ascol­to: «Mi han­no chie­sto di non per­so­na­liz­za­re? Ho smes­so. E ho det­to che la le­gi­sla­tu­ra ha una vi­ta a sè, che non par­lia­mo più del go­ver­no» e di quel che av­ver­reb­be in ca­so di vit­to­ria del no. An­che sul­la leg­ge elet­to­ra­le «ab­bia­mo det­to che sia­mo pron­ti a di­scu­ter­ne. C'è bi­so­gno pe­rò che gli al­tri fac­cia­no pro­po­ste, noi fac­cia­mo le no­stre».

Ma poi av­ver­te che mi­nac­cia­re il no fa so­lo ma­le al Pd: «A chi vuo­le tra­sfor­ma­re il re­fe­ren­dum nel con­gres­so, di­cia­mo: se han­no i vo­ti vin­ca­no il con­gres­so. Li aspet­to. Noi non ci fa­re­mo tra­sci­na­re nel­la guer­ra del fan­go al no­stro in­ter­no (e nean­che al no­stro ester­no) da chi di­men­ti­ca che fuo­ri di qui non ci so­no le ma­gni­fi­che sor­ti pro­gres­si­ve, ma de­stra e po­pu­li­smi».

In pla­tea, a rap­pre­sen­ta­re la mi­no­ran­za Dem, ci so­no Ro­ber­to Spe­ran­za e Ni­co Stum­po. E la rea­zio­ne è im­me­dia­ta: non c'è, af­fer­ma l'ex ca­po­grup­po, l'aper­tu­ra «con­cre­ta» au­spi­ca­ta sul­le mo­di­fi­che all'ita­li­cum. Spe­ran­za è pron­to a ri­cre­der­si, ma «al­lo sta­to del­le co­se il mio voto al re­fe­ren­dum è no». Gli fa eco Mi­guel Go­tor: «Fa­rò cam­pa­gna per il no». E Gian­ni Cu­per­lo, che ha cer­ca­to di te­ne­re un pro­fi­lo da me­dia­to­re, av­ver­te il pre­mier: «Non c'è vo­lon­tà di ascol­to rea­le. E non è ciò che og­gi ci serve di fron­te ai ri­schi con­cre­ti di una rot­tu­ra».

Cu­per­lo: ri­schi

di rot­tu­ra, non c’è vo­lon­tà ve­ra di ascol­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.