BUL­LI­SMO A SCUO­LA, AVAN­TI IN OR­DI­NE SPAR­SO

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - Di GIOR­GIO CODEN

Vi­sto l'acuir­si del pro­ble­ma do­po il sui­ci­dio ten­ta­to, lo scor­so gen­na­io, dall'alun­na del­la me­dia del Centro Sto­ri­co, era le­git­ti­mo at­ten­der­si che isti­tu­zio­ni, scuo­la e fa­mi­glie fa­ces­se­ro fron­te co­mu­ne nel ge­sti­re la fac­cen­da bul­li­smo nel­le scuo­le. Dob­bia­mo con­sta­ta­re, in­ve­ce, che ognu­no si è sca­va­to la pro­pria trin­cea e ne esce per avan­za­re in ri­go­ro­so or­di­ne spar­so. Il che non può che ge­ne­ra­re scon­cer­to se si tie­ne con­to che, in bal­lo, non ci so­no il grem­biu­le sì o no op­pu­re la du­ra­ta del­la ri­crea­zio­ne, ma la cre­di­bi­li­tà del si­ste­ma sco­la­sti­co e il ruo­lo edu­ca­ti­vo dei ge­ni­to­ri. Da qui, al­cu­ni in­ter­ro­ga­ti­vi che le ul­ti­me cro­na­che ren­do­no im­pel­len­ti. Par­tia­mo dal ver­san­te giu­di­zia­rio. Pro­ba­bil­men­te fi­ni­rà con una ar­chi­via­zio­ne, al­me­no co­sì ci au­gu­ria­mo, in­tan­to una pre­si­de si ri­tro­va in­da­ga­ta per "con­cor­so omis­si­vo in at­ti per­se­cu­to­ri". Dal­la Pro­cu­ra di­co­no che si trat­ta di at­to do­vu­to. Am­mes­so a fa­ti­ca il do­vu­to, chie­dia­mo: non si po­te­va evi­ta­re che la no­ti­zia ar­ri­vas­se al­la stam­pa espo­nen­do la di­ri­gen­te al pet­te­go­lez­zo pub­bli­co? Ma pas­sia­mo all'aspet­to che più in­te­res­sa. La fa­mi­glia del­la ra­gaz­zi­na per­se­gui­ta­ta, at­tra­ver­so il suo le­ga­le, la­men­ta che la to­ta­le iner­zia del­la scuo­la ver­so i mo­le­sta­to­ri ha im­pe­di­to l'ago­gna­to rien­tro in clas­se del­la fi­glia. Co­sa do­ve­va fa­re la scuo­la? Da­re ga­ran­zie inaf­fi­da­bi­li sul­la so­prav­ve­nu­ta in­no­cui­tà dei sog­get­ti o ma­ga­ri tra­sfe­rir­li al­tro­ve e con es­si il pro­ble­ma? Una do­man­da ci sta pu­re per i ge­ni­to­ri dei bul­let­ti: non di­co un'as­sun­zio­ne di re­spon­sa­bi­li­tà ma una pa­ro­la di so­li­da­rie­tà per la pre­si­de pro­prio non po­te­va­no spen­der­la? L'ul­ti­ma per l'isti­tu­zio­ne sco­la­sti­ca: pos­si­bi­le che nes­su­no ab­bia av­ver­ti­to l'esi­gen­za di schie­rar­si a fian­co di una col­le­ga sot­to­po­sta ad una si­mi­le pres­sio­ne? Di que­sto pas­so, una so­la co­sa è cer­ta: sen­ti­re­mo par­la­re di bul­li­smo a scuo­la an­co­ra per de­cen­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.