Tut­ta la gio­ia di Ia­chi­ni «Ga­ra qua­si per­fet­ta»

Il tec­ni­co: «Non ab­bia­mo ru­ba­to nul­la. Il ri­go­re su Bac­ca? Mi di­co­no che po­te­va es­ser­ce­ne an­che uno per la spin­ta di Pa­let­ta al no­stro Fe­li­pe. Vo­le­vo fi­si­ci­tà e gam­ba»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Calcio - Guido Go­mi­ra­to

Bra­va, for­tu­na­ta e vin­cen­te. Bra­vis­si­mo il suo noc­chie­ro che ha im­bot­ti­glia­to il Mi­lan, che l'ha re­so da su­bi­to inof­fen­si­vo (ve­ro Kar­ne­zis?), che ha di­spo­sto in cam­po i suoi uo­mi­ni con acu­me. «In ef­fet­ti - esor­di­sce il tec­ni­co asco­la­no - ab­bia­mo crea­to dif­fi­col­tà all'av­ver­sa­rio chiu­den­do gli spa­zi e "spor­can­do" le lo­ro gio­ca­te. Sia­mo sta­ti pro­ta­go­ni­sti di una ga­ra qua­si per­fet­ta, bra­vi an­che nel­lo sca­la­re le mar­ca­tu­re. E, quel che con­ta, ab­bia­mo cer­ca­to di es­se­re pe­ri­co­lo­si da­van­ti. Ave­va­mo stu­dia­to nei par­ti­co­la­ri la sfi­da. Sa­pe­va­mo che il Mi­lan è squa­dra di qua­li­tà, or­ga­niz­za­ta, pe­ri­co­lo­sa, ma ab­bia­mo svol­to egre­gia­men­te il no­stro com­pi­to, sen­za es­se­re ri­nun­cia­ta­ri». «Pe­rò - am­met­te - quan­do ab­bia­mo ten­ta­to la con­trof­fen­si­va ab­bia­mo sba­glia­to l'ul­ti­mo pas­sag­gio e i tem­pi di at­tac­co del­la pro­fon­di­tà. Ma su que­sti aspet­ti e su al­tri la­vo­re­re­mo. Ag­giun­go che lo spi­ri­to dei ra­gaz­zi è sta­to no­te­vo­le dal pun­to di vi­sta mo­ra­le».

Una ga­ra de­ci­sa da un epi­so­dio, sta­vol­ta fa­vo­re­vo­le all'udi­ne­se co­me ha am­mes­so il tec­ni­co, ma la vit­to­ria è le­git­ti­ma. Poi Ia­chi­ni si sof­fer­ma su Kums e De Paul: «So­no ra­gaz­zi che han­no am­pi mar­gi­ni di cre­sci­ta. De Paul è gio­va­ne e sta im­pa­ran­do a in­ter­pre­ta­re un nuo­vo ruo­lo, me­no spo­sta­to in fa­scia. Kums che è da po­co con noi, si sta in­te­gran­do. Stia­mo la­vo­ran­do per far­li cre­sce­re ul­te­rior­men­te».

Toc­ca­to an­che il ta­sto del mo­du­lo. Il 4-3-2-1 si sta ri­ve­lan­do il pia­no di bat­ta­glia idea­le per evi­den­zia­re le qua­li­tà dei gio­ca­to­ri a di­spo­si­zio­neo. «All'ini­zio del­la pre­pa­ra­zio­ne ho pro­va­to il 3-5-2, che era il mo­du­lo sto­ri­co di que­sta squa­dra - di­ce Ia­chi­ni -. Con il tra­scor­re­re del tem­po ho com­pre­so che il ve­sti­to da far in­dos­sa­re do­ve­va es­se­re un al­tro, ma ciò non si­gni­fi­ca che ab­ban­do­ne­rò la di­fe­sa a tre che po­treb­be es­se­re uti­le in de­ter­mi­na­te ga­re. I ra­gaz­zi di­mo­stra­no gran­de di­spo­ni­bi­li­tà: so­no con­ten­to, co­min­cia­mo a da­re qual­che sod­di­sfa­zio­ne a tut­to l'am­bien­te che era mol­to cri­ti­co nei lo­ro con­fron­ti per le ul­ti­me ne­ga­ti­ve sta­gio­ni».

Per­ché ha fat­to en­tra­re Pe­ri­ca? «Con lui vo­le­vo fi­si­ci­tà e gam­ba per an­da­re in pro­fon­di­tà, al­lun­gan­do la squa­dra - ri­ve­la -. Vo­le­vo sfrut­ta­re la sua fre­schez­za per­ché mi ero re­so con­to che i due cen­tra­li del Mi­lan ave­va­no spe­so non po­che ener­gie. Lui sta

«Un "ve­sti­to" adat­to al­la squa­dra»

co­me ci ha chie­sto il mi­ster. Stia­mo cre­scen­do, vo­glia­mo di più e va be­ne co­sì. Que­sto è lo spi­ri­to giu­sto.

In­fi­ne Da­ni­lo: «Pe­ri­ca ades­so de­ve pagare la scom­mes­sa che ha fat­to con noi sta­mat­ti­na: se aves­se se­gna­to si sa­reb­be ra­sa­to la te­sta». Ve­dre­mo, per ora ba­sta­no i suoi gol. Sven Kums in­ve­ce si af­fi­da a twit­ter e di­ce «Gran ri­sul­ta­to». Già, fi­nal­men­te.

0-1

MI­STER Bep­pe Ia­chi­ni sta co­struen­do la nuo­va Udi­ne­se con l’obiet­ti­vo di di­spu­ta­re una sta­gio­ne tran­quil­la; a de­stra Ar­me­ro con­tra­sta il mi­la­ni­sta Aba­te (Fo­to Lapresse)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.