Pe­ri­ca: «Vo­glio gio­ca­re di più e se­gna­re»

Da­ni­lo all’au­to­re del gol: «Hai scom­mes­so, ora ra­sa­ti la te­sta»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Calcio - Mar­co Agru­sti

Men­tre Sti­pe Pe­ri­ca par­la, con i tac­chet­ti che an­co­ra af­fon­da­no sul prato, la Sca­la del cal­cio fi­schia. Quan­do lo si espu­gna in ex­tre­mis è que­sta la co­lon­na so­no­ra che ri­ser­va San Si­ro. Il Mi­lan è ste­so dall'uo­mo più in for­ma del mo­men­to: Pe­ri­ca se­gna il quin­to gol in due set­ti­ma­ne tra cam­pio­na­to e Na­zio­na­le e a sor­pre­sa (ma nean­che poi tan­to) lan­cia an­che lui un fi­schio. De­sti­na­zio­ne pan­chi­na, il po­sto da cui si è al­za­to per pie­ga­re le cor­na al dia­vo­lo. «Vo­glio gio­ca­re di più e vo­glio se­gna­re» di­ce a cal­do ai mi­cro­fo­ni di Me­dia­set Pre­mium. Il croa­to di Za­ra si aspet­ta­va di par­ti­re ti­to­la­re, in­ve­ce l'ex­ploit in Na­zio­na­le non è ba­sta­to. Ha gio­ca­to an­co­ra Du­van Za­pa­ta. Mes­sag­gio a Bep­pe Ia­chi­ni, che in­tan­to de­ve rin­gra­zia­re il ra­gaz­zo­ne ri­scat­ta­to dal Chel­sea. «Ho avu­to la for­tu­na di en­tra­re e se­gna­re - ag­giun­ge -, rin­gra­zio i com­pa­gni di squa­dra per il lo­ro sa­cri­fi­cio, il me­ri­to è an­che lo­ro. Do­ve pos­sia­mo ar­ri­va­re? C'è qua­li­tà, dob­bia­mo la­vo­ra­re per es­se­re più squa­dra, co­sì po­tre­mo fa­re un buon cam­pio­na­to. Se pen­sas­si­mo di es­se­re tut­ti stel­le e di po­ter gio­ca­re al­la Juve non fa­rem­mo be­ne». Poi ar­ri­va la se­con­da in­ter­vi­sta e se ne van­no via dal­le scar­pe al­tri sas­so­li­ni: «Vo­glio gio­ca­re per­chè me­ri­to, non per­chè ci so­no tre par­ti­te in sei gior­ni. A Udi­ne non è fa­ci­le, se fai ma­le sei su­bi­to scar­so. Non si può sem­pre fa­re be­ne, i ti­fo­si lo de­vo­no ca­pi­re e dob­bia­mo sta­re tut­ti uniti per tor­na­re l'udi­ne­se di cin­que an­ni fa». Ai mi­cro­fo­ni di Udi­ne­se Tv ar­ri­va in­ve­ce il ti­to­la­re, Du­van Za­pa­ta. Il Pan­te­ròn pro­se­gue la sua ri­cer­ca del pri­mo gol in cam­pio­na­to: «È sta­ta una par­ti­ta du­ra - ha det­to il co­lom­bia­no com­men­tan­do l'im­pre­sa - sa­pe­va­mo che lo sa­reb­be sta­ta. L'uni­ca co­sa ne­ga­ti­va per me è che an­co­ra non ho tro­va­to il gol. Og­gi tut­ti han­no fat­to be­ne, an­che i so­sti­tu­ti. Ab­bia­mo vin­to fuo­ri, dob­bia­mo re­pli­ca­re in ca­sa». Co­sì, in­ve­ce, Pa­blo Ar­me­ro: «Sia­mo un grup­po, gio­chia­mo co­me ta­le e sia­mo sta­ti mol­to con­cen­tra­ti - am­met­te a Udi­ne­se Tv -,

A TER­RA L’ar­gen­ti­no De Paul si rial­za do­po un du­ro con­tra­sto

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.