HIL­LA­RY MA­LA­TA TUT­TO IL MON­DO È COIN­VOL­TO

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - DI MAS­SI­MO TEODORI

La ma­lat­tia di Hil­la­ry Clin­ton, la can­di­da­ta che fin qui ave­va la mag­gio­ri pro­ba­bi­li­tà di en­tra­re al­la Ca­sa Bian­ca, è un gra­ve han­di­cap per gli Sta­ti Uni­ti, la su­per­po­ten­za mon­dia­le che de­ve far fron­te a una se­rie di cri­si nei di­ver­si tea­tri re­gio­na­li a co­min­cia­re dal Me­dio Orien­te. Ed è un col­po al­la fi­du­cia de­gli ame­ri­ca­ni ver­so le isti­tu­zio­ni per­ché la re­ti­cen­za sul­la sa­lu­te del can­di­da­to pre­si­den­zia­le to­glie al­tra cre­di­bi­li­tà ad una Hil­la­ry già scos­sa dal ca­so del­le email pri­va­tiz­za­te. La ve­ri­tà e la tra­spa­ren­za so­no ne­gli Sta­ti Uni­ti i pi­la­stri dell’eti­ca pub­bli­ca nel rap­por­to tra l’elet­to­ra­to e quei po­li­ti­ci che aspi­ra­no al­le al­te re­spon­sa­bi­li­tà na­zio­na­li. E’ ve­ro che in pas­sa­to vi so­no sta­ti mol­ti epi­so­di di ma­ni­po­la­zio­ne del­la real­tà da par­te di Pre­si­den­ti, (...)

(...) ma non va di­men­ti­ca­to che l’uni­co im­pea­ch­ment del­la sto­ria, quel­lo del Pre­si­den­te Ni­xon, pre­se av­vio dal­le sue men­zo­gne. Og­gi i gran­di gior­na­li ame­ri­ca­ni si chie­do­no per­ché mai la can­di­da­ta Clin­ton ab­bia te­nu­ta na­sco­sta per gior­ni la pol­mo­ni­te, ul­ti­mo epi­so­dio di una se­rie di di­sav­ven­tu­re di sa­lu­te sem­pre pub­bli­ca­men­te sot­to­sti­ma­te. Al mo­men­to nes­su­no sa co­sa ac­ca­drà nel­la cor­sa al­la Ca­sa Bian­ca, ma è cer­to che le chan­ce di vit­to­ria di Trump mi­glio­ra­no. Hil­la­ry, don­na osti­na­ta che da an­ni per­se­gue il so­gno pre­si­den­zia­le, dif­fi­cil­men­te ri­nun­zie­rà al­la can­di­da­tu­ra che ha col­ti­va­to ne­gli an­ni di Oba­ma. La de­ci­sio­ne che as­su­me­rà non di­pen­de da una re­go­la co­sti­tu­zio­na­le ma esclu­si­va­men­te dal­la sua vo­lon­tà e dal­la pres­sio­ne che vor­rà o non vor­rà eser­ci­ta­re il par­ti­to De­mo­cra­ti­co at­tra­ver­so il Co­mi­ta­to na­zio­na­le.

Nel pas­sa­to non è mai ac­ca­du­to che il can­di­da­to pre­si­den­zia­le ri­nun­cias­se a po­ca di­stan­za dal vo­to. Qua­lo­ra Hil­la­ry de­ci­des­se di ti­rar­si in­die­tro, è im­pro­ba­bi­le che ven­ga so­sti­tui­ta dal se­con­do ar­ri­va­to, Ber­nie San­ders, che ha un’im­ma­gi­ne trop­po di si­ni­stra, o dal can­di­da­to vi­ce­pre­si­den­te Tim Kai­ne che non ha sta­tu­ra na­zio­na­le. Po­treb­be­ro in­ve­ce ave­re qual­che pro­ba­bi­li­tà di no­mi­na i De­mo­cra­ti­ci con espe­rien­za isti­tu­zio­na­le qua­li l’at­tua­le vi­ce-pre­si­den­te Joe Bi­den, e il se­gre­ta­rio di Sta­to John Ker­ry, ap­prez­za­to dai part­ner eu­ro­pei per le do­ti di­plo­ma­ti­che. Non è in­ve­ce ipo­tiz­za­bi­le un rin­vio del vo­to popolare che si ter­rà l’8 no­vem­bre. La da­ta fis­sa del mar­te­dì che se­gue il pri­mo lu­ne­dì di no­vem­bre è iscrit­ta nel­la Co­sti­tu­zio­ne ed è sta­ta sem­pre ri­spet­ta­ta qua­li che fos­se­ro gli even­ti straor­di­na­ri: guer­re in­ter­ne ed este­re, cri­si eco­no­mi­che e so­cia­li, tra­sfor­ma­zio­ni di par­ti­ti e in­for­tu­ni dei can­di­da­ti.

Ma la que­stio­ne che si è aper­ta con la pre­ca­ria sa­lu­te del­la Clin­ton non ri­guar­da tan­to le re­go­le di quel che si de­ve fa­re, quan­to le ri­per­cus­sio­ni che si po­tran­no pro­dur­re sul­la sce­na na­zio­na­le e in­ter­na­zio­na­le. L’ame­ri­ca sta per­den­do au­to­re­vo­lez­za an­che sul­la sce­na in­ter­na­zio­na­le: le pre­si­den­zia­li 2016 era­no già giu­di­ca­te le più biz­zar­re del se­co­lo per­ché

en­tram­bi i can­di­da­ti, non so­lo l’im­pro­ba­bi­le Trump (il cui pro­fi­lo per­so­na­le co­no­scia­mo an­cor me­no di quel­lo del­la sua av­ver­sa­ria) ma la stes­sa De­mo­cra­ti­ca Clin­ton, go­de­va­no di scar­so fa­vo­re popolare all’in­ter­no e di scar­sa con­si­de­ra­zio­ne all’este­ro. Con que­st’ul­ti­mo epi­so­dio la cri­si po­li­ti­ca è pre­ci­pi­ta­ta.

Quan­do si vo­ta per il pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti, è tut­to il mon­do che in qual­che mo­do è coin­vol­to, com­pre­si noi ita­lia­ni che ab­bia­mo uno sto­ri­co rap­por­to di ami­ci­zia e col­la­bo­ra­zio­ne. Le pre­oc­cu­pa­zio­ni per le cri­si po­li­ti­che e mi­li­ta­ri stan­no cre­scen­do al­lo stes­so mo­do del­le in­cer­tez­ze dei mer­ca­ti nell’era glo­ba­liz­za­ta. Qua­lun­que sia l’at­teg­gia­men­to del­la Clin­ton, dob­bia­mo per­ciò au­spi­ca­re che le de­ci­sio­ni ven­ga­no pre­se il più ra­pi­da­men­te pos­si­bi­le po­nen­do fi­ne al­la ca­te­na di ti­tu­ban­ze e re­ti­cen­ze che han­no do­mi­na­to fi­no­ra le pre­si­den­zia­li. E che vi sia un can­di­da­to De­mo­cra­ti­co - la Clin­ton o al­tri - ca­pa­ce di as­su­me­re prov­ve­di­men­ti for­ti e tem­pe­sti­vi a be­ne­fi­cio di tut­to l’oc­ci­den­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.