In ca­so di ri­ti­ro, Joe Bi­den pron­to a scen­de­re in cam­po

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

Ora che Hil­la­ry Clin­ton ha am­mes­so a ma­lin­cuo­re di es­ser­si bec­ca­ta una pol­mo­ni­te, i re­pub­bli­ca­ni so­no tut­ti ec­ci­ta­ti all’idea che la can­di­da­ta pos­sa ri­ti­rar­si. Ma ana­li­sti vi­ci­ni al par­ti­to am­mo­ni­sco­no che un ab­ban­do­no non sa­reb­be af­fat­to au­spi­ca­bi­le, in quan­to chi sa­reb­be pro­ba­bil­men­te chia­ma­to a so­sti­tuir­la avreb­be più chan­ce di scon­fig­ge­re Trump di quan­te non ne ab­bia lei al mo­men­to. So­no tre in­fat­ti i no­mi in ci­ma al­le clas­si­fi­che: il vi­ce di Hil­la­ry, Tim Kai­ne, il se­na­to­re Ber­nie San­ders, e il vi­ce­pre­si­den­te Joe Bi­den.

Ma è ve­ro­si­mi­le pen­sa­re che Hil­la­ry pos­sa es­se­re so­sti­tui­ta? I re­go­la­men­ti del par­ti­to de­mo­cra­ti­co so­no ab­ba­stan­za va­ghi, tran­ne che su un pun­to: do­po la Con­ven­tion e la con­se­gna del­la no­mi­na­tion, so­lo il can­di­da­to può ri­ti­rar­si. La no­mi­na­tion è sua, e il par­ti­to non glie­la può più sot­trar­re. Dun­que ci vor­reb­be che Hil­la­ry Clin­ton si sen­tis­se tan­to in­si­cu­ra e ma­la­ta da de­ci­de­re che non può più pro­se­gui­re. L’ipo­te­si è ir­rea­le. E tut­ta­via nei cor­ri­doi del po­te­re c’è gran­de di­scu­te­re, e gi­ra la vo­ce che il De­mo­cra­tic Na­tio­nal Com­mit­tee stia ef­fet­tuan­do di­scre­te consultazioni per es­se­re pron­to a con­vo­ca­re un’assemblea elet­to­ra­le nel ca­so Hil­la­ry dav­ve­ro get­tas­se la spu­gna.

I mem­bri del Com­mit­tee so­no 300 e per no­mi­na­re un al­tro can­di­da­to ba­sta la mag­gio­ran­za sem­pli­ce: 151 vo­ti. La nuo­va pre­si­den­te è Don­na Bra­zi­le, una afroa­me­ri­ca­na con enor­me pe­so nel par­ti­to. Bra­zi­le è sta­ta scel­ta in ago­sto per ri­por­ta­re la pa­ce nel par­ti­to de­mo­cra­ti­co do­po che Wi­kileaks ri­ve­lò che il Co­mi­ta­to, al­lo­ra sot­to la gui­da del­la de­pu­ta­ta Deb­bie Was­ser­man Schul­tz, ave­va espres­so pre­fe­ren­za per Hil­la­ry a sca­pi­to di San­ders. Il pri­mo ge­sto di Don­na Bra­zi­le fu scu­sar­si con San­ders. Ma que­sto non de­ve far cre­de­re che ora sa­reb­be fa­vo­re­vo­le a da­re a lui la no­mi­na­tion. Sem­mai sa­reb­be­ro più ve­ro­si­mi­li le can­di­da­tu­re di Kai­ne o di Bi­den, il vi­ce di Oba­ma, l’uo­mo che tut­ti nel par­ti­to vo­le­va­no, e che go­de di gran­de po­po­la­ri­tà. Il vi­ce­pre­si­den­te stes­so ha espres­so rim­pian­to per non aver cor­so. Ma l’an­no scor­so, quan­do do­ve­va de­ci­de­re, il do­lo­re per la mor­te del fi­glio uc­ci­so da un can­cro lo pa­ra­liz­zò. Og­gi sem­bra in ri­pre­sa. Ma i suoi so­gni han­no co­mun­que un gros­so osta­co­lo: il fat­to che pri­ma Hil­la­ry do­vreb­be ri­ti­rar­si.

Sol­tan­to la Clin­ton può de­ci­de­re ma la scel­ta sem­bra im­pro­ba­bi­le

AL­TER­NA­TI­VA

per i dem: l’at­tua­le vi­ce,

Joe Bi­den

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.