In ven­di­ta il pa­laz­zo dei "pa­da­ni"

Su uno dei ca­pi­tel­li è scol­pi­ta la "Ro­sa del­le Al­pi" che è di­ven­ta­ta il sim­bo­lo le­ghi­sta

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - Da­rio Fur­lan

Sta de­stan­do mol­ta cu­rio­si­tà l'an­nun­cio dell'im­mi­nen­te ven­di­ta di pa­laz­zo Cat­ta­neo (già Gal­va­ni) ubi­ca­to al ci­vi­co 41 di cor­so Vit­to­rio Ema­nue­le, ov­ve­ro nel cuo­re del­la Con­tra­da Mag­gio­re. Chi ac­qui­sta que­sto edi­fi­cio, in­fat­ti, com­pra un pez­zo di sto­ria por­de­no­ne­se, non fos­se per le pe­cu­lia­ri­tà ar­chi­tet­to­ni­che che lo ca­rat­te­riz­za­no. Il Tri­bu­na­le di Por­de­no­ne (nell'am­bi­to di una pro­ce­du­ra ese­cu­ti­va) ha fis­sa­to per il 19 ot­to­bre la ven­di­ta sen­za in­can­to dell'im­mo­bi­le (re­la­ti­va­men­te a pri­mo, se­con­do pia­no e per­ti­nen­ze) con of­fer­ta mi­ni­ma del­la ba­se d'asta fis­sa­ta a 459.912 eu­ro. Ma ve­nia­mo a sto­ria e cu­rio­si­tà che con­trad­di­stin­guo­no que­sta «tes­se­ra» del Cor­so no­bi­le del­la cit­tà.

Di ma­tri­ce ve­ne­to ri­na­sci­men­ta­le, nel 1856 il pa­laz­zet­to ap­par­te­ne­va ai Gal­va­ni, fa­mi­glia cor­de­no­ne­se pro­prie­ta­ria di cin­que car­tie­re. L'unio­ne tra Fe­li­ci­ta Gal­va­ni e Bar­to­lo­meo Cat­ta­neo de­cre­tò il pas­sag­gio del­la di­mo­ra a un'al­tra di­na­stia, che rim­bal­za più vol­te nel­la sto­ria im­pren­di­to­ria­le e am­mi­ni­stra­ti­va del cir­con­da­rio. Col tem­po ma­tu­ra­no il de­cli­no e i pas­sag­gi di pro­prie­tà del no­te­vo­le pa­tri­mo­nio im­mo­bi­lia­re. Nel 1976, al pri­mo pia­no di pa­laz­zo Cat­ta­neo si in­se­dia un raf­fi­na­to e lus­suo­so ri­sto­ran­te. Ne è ar­te­fi­ce lo chef Edy Nar­di­ni (ori­gi­na­rio di Po­ce­nia) che con la mo­glie Ro­ma­ni­na San­tin apre in cit­tà il suo pri­mo lo­ca­le, cui se­gui­rà il sin­go­la­re pub «Bri­tan­nia» in piaz­za del­la Mot­ta. Le sa­le del ri­sto­ran­te «da Edy» era­no ar­re­da­te con gu­sto: qua­dri, mo­bi­li an­ti­chi, lam­pa­da­ri di Mu­ra­no, spec­chie­re do­ra­te, una stu­fa in ma­io­li­ca del '700 e un cla­vi­cem­ba­lo. La fa­ma cu­li­na­ria del lo­ca­le si span­de in tut­ta Ita­lia e ol­tre con­fi­ne. Sei an­ni più tar­di, la li­cen­za ven­ne ce­du­ta ad al­tro ge­sto­re, di­ven­tan­do ri­sto­ran­te «ai Por­ti­ci», che pe­rò non eb­be mi­glior for­tu­na. Da al­lo­ra è tut­to ab­ban­do­na­to e de­ca­den­te. Re­sta­no le pe­cu­lia­ri­tà ar­chi­tet­to­ni­che. La fac­cia­ta si ca­rat­te­riz­za per due pre­ge­vo­li qua­dri­fo­re, di cui quel­la al pri­mo pia­no con­di­ta di mi­ni log­gia. Il por­ti­co a tra­va­tu­re di le­gno è for­ma­to da quat­tro ar­chi ri­bas­sa­ti, so­ste­nu­ti da co­lon­ne a se­zio­ne cir­co­la­re, sui cui ca­pi­tel­li è scol­pi­to l'an­ti­co sim­bo­lo del­la Ro­sa del­le Al­pi, og­gi adot­ta­ta dal­la Le­ga Nord. Ai pia­ni su­pe­rio­ri si ac­ce­de var­can­do il ve­tu­sto por­to­ne, che dà su un an­dro­ne pa­vi­men­ta­to con ciot­to­la­to (vi si leg­ge la da­ta 1892) e a una cor­te in­ter­na.

IL SIM­BO­LO La Ro­sa del­le

Al­pi che si tro­va su uno dei ca­pi­tel­li che in­si­sto­no lun­go Cor­so Vit­to­rio

Ema­nue­le Per que­sto è

sta­to so­pran­no­mi­na­to il pa­laz­zo

"pa­da­no"

IL PA­LAZ­ZO Il Tri­bu­na­le ha mes­so all’asta pa­laz­zo Cat­ta­neo (già Gal­va­ni) con una ba­se d’asta a 459 mi­la eu­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.