In­sul­ti e mi­nac­ce a sin­da­co e vi­ce

Una scrit­ta lun­ga die­ci me­tri sul mu­ro di cin­ta di una ca­sa di fron­te al­la so­cie­tà ope­ra­ia

Il Gazzettino (Pordenone) - - Maniaghese - Lo­ren­zo Pa­do­van

Il sin­da­co pa­ra­go­na­to ad un ka­po e il suo vi­ce mi­nac­cia­to di mor­te. Ac­ca­de a Fan­na che, ie­ri mat­ti­na, si è ri­sve­glia­ta con un'enor­me scrit­ta lun­go la prin­ci­pa­le via di co­mu­ni­ca­zio­ne in­ter­na al pae­se, che col­le­ga il co­mu­ne con Maniago.

Una ma­no mal­fer­ma e dal­la gram­ma­ti­ca te­de­sca as­so­lu­ta­men­te da ri­ve­de­re, uti­liz­zan­do spray ne­ro ha ver­ga­to scrit­te de­li­ran­ti per una de­ci­na di me­tri sul mu­ro di cin­ta di un'abi­ta­zio­ne pri­va­ta, di fron­te al­la sa­la ope­ra­ia El­do­ra­do.

La pri­ma par­te del mes­sag­gio è de­di­ca­ta al pri­mo cit­ta­di­no De­mis Bot­tec­chia, in­di­ca­to co­me un ka­po , men­tre nel­la par­te sot­to­stan­te da­gli in­sul­ti si pas­sa al­le mi­nac­ce, nei con­fron­ti del suo vi­ce, Pa­tri­zio An­dree­ta, per il qua­le si uti­liz­za l'ine­qui­vo­ca­bi­le ter­mi­ne ka­put, ov­ve­ro mor­to.

«Sia­mo in ca­ri­ca da set­te an­ni e non ab­bia­mo mai ri­ce­vu­to mes­sag­gi ano­ni­mi di al­cun ti­po, nè mi­nac­ce - ha fat­to sa­pe­re Bot­tec­chia -: non sia­mo pre­oc­cu­pa­ti per­ché que­sto ge­sto si qua­li­fi­ca da so­lo. Par­lia­mo di de­ce­re­bra­ti che nes­su­no ascol­ta, nem­me­no nei bar che fre­quen­ta­no l'in­te­ro gior­no. Co­sì si sfo­ga­no agen­do da van­da­li e spor­can­do il pae­se. L'uni­co ram­ma­ri­co è per il cit­ta­di­no che si è vi­sto com­pa­ri­re que­sta scrit­ta e do­vrà prov­ve­de­re al­la pu­li­zia di ta­sca pro­pria: il Co­mu­ne non può in­ter­ve­ni­re a ca­sa di un pri­va­to».

Il sin­da­co non ha nem­me­no in­ten­zio­ne di pre­sen­ta­re de­nun­cia al­le for­ze dell'or­di­ne: «È pro­prio l'at­ten­zio­ne del­le isti­tu­zio­ni che sta cer­can­do e noi non glie­la da­re­mo. Se vor­rà se­gna­la­re il fat­to al­la Po­li­zia lo­ca­le e ai Ca­ra­bi­nie­ri ci pen­se­rà il pro­prie­ta­rio del mu­ro, che ha tut­ta la no­stra so­li­da­rie­tà e pie­no di­rit­to che si fac­cia­no in­da­gi­ni per sco­pri­re chi pos­sa aver agi­to, sol­le­ci­tan­do ma­ga­ri il ri­sto­ro dei dan­ni. Noi non fa­re­mo nul­la».

In ogni ca­so, l'ano­ni­mo po­treb­be es­se­re sta­to vi­sto da qual­cu­no, per­ché la scrit­ta è enor­me - ce n'è una se­con­da si­mi­le sul­le stri­sce pe­do­na­li del­la cen­tra­lis­si­ma piaz­za XX Set­tem­bre, nei pres­si del­la chie­sa - e la stra­da è quel­la a mag­gior flus­so di traf­fi­co. Non ci so­no in­ve­ce te­le­ca­me­re di vi­deo­sor­ve­glian­za, a me­no che non si trat­ti di im­pian­ti pri­va­ti.

SPRAY La scrit­ta in ver­ni­ce lun­go la stra­da di col­le­ga­men­to con Maniago

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.