Da­cia Ma­rai­ni e il fem­mi­ni­smo: «Bel­la uto­pia or­mai mor­ta»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Va­len­ti­na Sil­ve­stri­ni Mau­ri­zio Cuc­chi,

POR­DE­NO­NE - Quel­la di Da­cia Ma­rai­ni è una vi­ta fat­ta di scrit­tu­ra, di co­no­scen­za, di let­tu­re, vis­su­ta con l'umil­tà di un’au­tri­ce che ha se­gna­to la let­te­ra­tu­ra ita­lia­na e ha con­tri­bui­to a tra­sfor­ma­re la so­cie­tà. Co­me ac­cad­de an­che gra­zie al Tea­tro del­la Mad­da­le­na, che fon­dò a Ro­ma ne­gli an­ni ’70, for­ma­to da so­le don­ne. Co­sa è cam­bia­to da al­lo­ra? «Il fem­mi­ni­smo è mor­to co­me tut­te le ideo­lo­gie e uto­pie. Og­gi c'è più con­fu­sio­ne, i va­lo­ri so­no mol­to più va­ghi, l'im­pres­sio­ne è di es­se­re tor­na­ti in­die­tro ma non è co­sì, per­ché il fem­mi­ni­smo ha in­flui­to tan­to sul­le leg­gi in fa­vo­re del­le don­ne, che han­no ac­qui­si­to au­to­no­mia e li­ber­tà. Lo con­fer­ma pro­prio la ri­spo­sta di al­cu­ni uo­mi­ni fra­gi­li, in­ca­pa­ci di ac­cet­ta­re que­sto cam­bia­men­to fi­no ad ar­ri­va­re an­che ad uc­ci­de­re. Ma la co­sa ri­guar­da an­che al­cu­ne don­ne, pro­prio per­ché è una que­stio­ne cul­tu­ra­le non bio­lo­gi­ca. Pe­rò que­sto si­gni­fi­ca che il cam­bia­men­to è in at­to».

Dal­la pos­ses­sio­ne sul­la don­na agli in­vi­ti al­la pro­crea­zio­ne? «Cre­do si sia trat­ta­to di una gaf­fe, le co­se so­no mol­to più com­pli­ca­te. Cer­to la rea­zio­ne è con­te­sta­re il fat­to che per fa­re fi­gli oc­cor­re ave­re le con­di­zio­ni per far­lo, sen­za ri­cat­to tra la­vo­ro e ma­ter­ni­tà».

Co­me guar­da al­la no­stra epo­ca, sog­gio­ga­ta dal­la pau­ra e dal­le mi­gra­zio­ni? «Il mo­vi­men­to di po­po­li non si può fer­ma­re, mu­ri e fi­lo spi­na­to so­no idio­zie. Ma il flus­so va re­go­la­to pro­po­nen­do an­che pia­ni a lun­go ter­mi­ne, por­tan­do in quei luo­ghi la pa­ce co­me fa Pa­pa Fran­ce­sco, o co­me fan­no i vo­lon­ta­ri, che per me so­no gli eroi del no­stro tem­po». Più di cen­to poe­ti, a Por­de­no­ne­leg­ge, tra il 14 e il 18 set­tem­bre, ac­col­ti nel­le va­rie strut­tu­re pre­di­spo­ste al­la poe­sia. Per­ché il fe­sti­val del­la De­stra Ta­glia­men­to, si sa, è il nu­me­ro uno quan­to ad at­ten­zio­ne al ver­so. Non si ac­con­ten­ta del­le clas­si­che sa­le da con­fe­ren­zie­ri, ma por­ta in pri­ma li­nea pae­sag­gi e strut­tu­re ine­di­te, ol­tre al­la Li­bre­ria del­la Poe­sia (con 3mi­la ti­to­li di 60 ca­se edi­tri­ci na­zio­na­li) e al­la Log­gia per le con­sue­te se­ra­te, la nuo­va edi­zio­ne pre­ve­de un pal­co an­che sul­le ri­ve del Non­cel­lo. In­som­ma un esu­be­ro li­ri­co che si fre­gia di no­mi im­por­tan­ti e dei mi­glio­ri esor­dien­ti. In pri­ma li­nea i mae­stri, ol­tre a

pre­sen­te al fe­sti­val con il nuo­vo Oscar, at­te­so è an­che il rea­ding di Pa­tri­zia Ca­val­li e la pre­sen­za di au­to­ri co­me

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.