La ca­na­pa in­dia­na non crea di­pen­den­za sì al­la le­ga­liz­za­zio­ne

Il Gazzettino (Pordenone) - - Borsa Mercati - DI ENNIO FORTUNA

Mi aspet­to una bat­ta­glia vio­len­ta, fe­ro­ce co­me spes­so si ve­ri­fi­ca in oc­ca­sio­ne di ini­zia­ti­ve inu­si­ta­te in con­tro­ten­den­za, ma in real­tà la pro­po­sta è da giu­di­ca­re po­si­ti­va­men­te e pro­ba­bil­men­te sa­reb­be sta­to pos­si­bi­le spin­ger­si più in là. Ho fat­to il ma­gi­stra­to in pe­na­le per ol­tre cin­quan­ta an­ni, e mol­to del mio tem­po è sta­to im­pe­gna­to nel­la lot­ta con­tro gli stu­pe­fa­cen­ti. In ma­te­ria cre­do di aver­ne vi­ste mol­te, e per quan­to nes­su­no pos­sa di­re di sa­pe­re tut­to o qua­si in uno spe­ci­fi­co set­to­re, so­no pra­ti­ca­men­te si­cu­ro che i dan­ni al­la salute de­ri­van­ti dal con­su­mo di can­na­bis e can­na­bi­ci sia­no ine­si­sten­ti o co­mun­que di­scu­ti­bi­li, si­cu­ra­men­te non più gra­vi di quel­li de­ri­van­ti dall’al­cool e dal ta­bac­co. Non ho mai vi­sto un con­su­ma­to­re di ca­na­pa in pre­da al­la di­pen­den­za fi­si­ca né ho mai sen­ti­to un col­le­ga che ne fa­ces­se cen­no. Dall’epo­ca del­la ce­le­bre re­la­zio­ne del­la com­mis­sio­ne ca­na­de­se sul­la ca­na­pa in­dia­na non c’è sta­to, per quan­to ne so, al­cun ri­scon­tro di dan­no ac­cer­ta­to o sup­po­sto. Cer­to, non man­ca­no ca­si di di­pen­den­za psi­chi­ca de­ri­van­te da con­su­mo di ca­na­pa, ma que­sta non si at­teg­gia di­ver­sa­men­te, e non è più in­ten­sa di quel­la che si ri­scon­tra nei ca­si di pri­va­zio­ne di ta­bac­co o di al­cool. L’uni­co ar­go­men­to va­lo­riz­za­bi­le con­tro la ca­na­pa è in de­fi­ni­ti­va che si trat­ta di una dro­ga, di una dro­ga in più che non è be­ne le­ga­liz­za­re per ra­gio­ni di prin­ci­pio. Non a ca­so le op­po­si­zio­ni han­no so­ste­nu­to che la par­zia­le le­ga­liz­za­zio­ne pro­po­sta sa­reb­be il se­gno di un con­sen­so nel pae­se che non c’è e che non ci sa­rà mai, ma va ri­cor­da­to che co­mun­que il traf­fi­co pic­co­lo o gran­de di ca­na­pa ri­mar­reb­be vie­ta­to e pe­nal­men­te re­pres­so, esat­ta­men­te co­me og­gi. Inol­tre non si può igno­ra­re che la proi­bi­zio­ne, che co­mun­que non ri­guar­da il con­su­mo di­ret­to, da tem­po de­pe­na­liz­za­to an­che con ri­fe­ri­men­to al­le dro­ghe pe­san­ti, non ha mai im­pe­di­to la cir­co­la­zio­ne del­la ca­na­pa, ma ha fa­vo­ri­to e non po­co le or­ga­niz­za­zio­ni ma­fio­se si­cu­ra­men­te in­te­res­sa­te al traf­fi­co. Non ar­ri­vo a so­ste­ne­re che la proi­bi­zio­ne sia un re­ga­lo im­me­ri­ta­to al­la ma­fia, ma si­cu­ra­men­te, se be­ne or­ga­niz­za­ta e con­trol­la­ta, la ti­mi­da le­ga­liz­za­zio­ne pro­po­sta e in di­scus­sio­ne in Par­la­men­to rap­pre­sen­ta un fie­ro col­po ai traf­fi­can­ti. Po­te­re di­spor­re li­be­ra­men­te per il pro­prio con­su­mo per­so­na­le di li­mi­ta­ti quan­ti­ta­ti­vi di ca­na­pa si­gni­fi­ca sot­trar­re tan­ti gio­va­ni al po­te­re del­le or­ga­niz­za­zio­ni ma­fio­se. An­che per que­sto so­no si­cu­ro che si sa­reb­be po­tu­to an­da­re più in là di quan­to pro­po­sto. Cer­to, con le con­ven­zio­ni in­ter­na­zio­na­li in vi­go­re e che trat­ta­no la ca­na­pa più o me­no co­me l’eroi­na era dif­fi­ci­le fa­re di più, e bi­so­gna es­se­re quin­di gra­ti ai par­la­men­ta­ri di ogni grup­po che si so­no espo­sti in una ini­zia­ti­va co­me que­sta .Co­me ho det­to all’ini­zio, non man­che­rà cer­to la lot­ta in Par­la­men­to e nel pae­se (le pre­mes­se si so­no vi­ste nel­la pri­ma se­du­ta a Mon­te­ci­to­rio), ma una vol­ta tan­to si trat­ta di una lot­ta per un obiet­ti­vo di mag­gio­re ci­vil­tà e di più fran­ca li­ber­tà. Il re­sto ver­rà quan­do il pae­se po­trà toc­ca­re con ma­no che l’ini­zia­ti­va, se tra­dot­ta­si in leg­ge, co­me mi au­gu­ro, non re­ca dan­ni ai no­stri gio­va­ni ,e che co­mun­que non re­ca dan­ni mag­gio­ri del ta­bac­co e dell’al­cool. Un pae­se sen­za ta­bac­co, sen­za dro­ghe e sen­za al­cool sa­reb­be mi­glio­re di quel­lo di og­gi. Ma per il mo­men­to oc­cor­re con­ten­tar­si del po­co che è con­cre­ta­men­te pos­si­bi­le. La li­ber­tà dal­la dro­ga e dall’al­cool (in­ten­do tut­te le dro­ghe che im­per­ver­sa­no in ogni pae­se) sa­rà pos­si­bi­le, se ci si im­pe­gna a fon­do, so­lo con l’edu­ca­zio­ne e la cul­tu­ra. Nell’at­te­sa oc­cor­re pren­de­re at­to di que­sto che è so­lo un pri­mo pas­sa ver­so un obiet­ti­vo co­mun­que da per­se­gui­re e da rag­giun­ge­re, an­che se fa­ti­co­sa­men­te e con stra­sci­chi di va­rio ge­ne­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.