Per il do­po Pla­ti­ni una pol­tro­na per due: Van Praag o Ce­fe­rin

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

ATENE - So­no due i pos­si­bi­li ere­di di Mi­chel Pla­ti­ni al­la ca­ri­ca di presidente Ue­fa, nel­le elezioni in pro­gram­ma og­gi, ad Atene, e do­po la ri­nun­cia al­la can­di­da­tu­ra del­lo spa­gno­lo Ma­ria Vil­lar Llo­na: il n.1 del­la Fe­der­cal­cio olan­de­se Mi­cheal Van Praag, 68 an­ni, che è an­che vi­ce­pre­si­den­te Ue­fa, e il presidente del­la Fe­de­ra­zio­ne slo­ve­na, Alek­san­der Ce­fe­rin, 48 an­ni, per il qua­le vo­te­rà la fe­de­ra­zio­ne ita­lia­na. Le elezioni si svol­ge­ran­no nel "Grand re­sort La­go­nis­si", in con­co­mi­tan­za con il 12˚ con­gres­so straor­di­na­rio dell'ue­fa. Non c'è un fa­vo­ri­to per il do­po-pla­ti­ni, ma due can­di­da­ti, che han­no già pa­le­sa­to obiet­ti­vi e in­ten­ti ab­ba­stan­za chia­ri. Lo slo­ve­no Ce­fe­rin non è sem­bra­to en­tu­sia­sta per la nuo­va formula che ri­vo­lu­zio­na l'ac­ces­so al­la Cham­pions, di­cen­do­si con­tra­ria­to non tan­to per il me­to­do quan­to per la man­can­za di «dif­fu­sio­ne di in­for­ma­zio­ni, non sa­pe­va­mo nul­la di quan­to ac­ca­de­va». In pra­ti­ca, con la formula che an­drà in vi­go­re dal­la sta­gio­ne 2018-'19, le pri­me 4 del ran­king, ov­ve­ro In­ghil­ter­ra, Spa­gna, Ger­ma­nia e Ita­lia, avran­no quat­tro po­sti ga­ran­ti­ti a te­sta. E, que­sto, a giudizio di Ce­fe­rin, non va be­ne e bi­so­gna ri­di­scu­ter­ne. At­te­so og­gi ad Atene an­che l'in­ter­ven­to di Mi­chel Pla­ti­ni, presidente uscen­te e so­spe­so dal­le pro­prie fun­zio­ni per cor­ru­zio­ne, che ha ri­ce­vu­to il per­mes­so dall'ue­fa stes­sa di po­ter re­la­zio­na­re.

IN LIZZA

Alek­san­der Ce­fe­rin, slo­ve­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.