La gran­de pas­sio­ne per gli al­pi­ni ma la fa­mi­glia era tut­to il suo mon­do

Il più gran­de dei suoi fi­gli ave­va ini­zia­to la scuola lu­ne­dì e Mir­ko vo­le­va se­guir­lo da vi­ci­no. Ama­va so­lo con­ce­der­si qual­che fu­ga con la mo­to

Il Gazzettino (Pordenone) - - Azzano Decimo - Mar­co Agru­sti AZZANO DECIMO

Qua­ran­tun'an­ni, una com­pa­gna Lau­ra Bre­sil di 31 an­ni - di­ven­ta­ta sua mo­glie me­no di un an­no fa, due bel­lis­si­mi bam­bi­ni. Un la­vo­ro che lo ren­de­va or­go­glio­so e re­spon­sa­bi­le, una mo­to per con­ce­der­si qual­che fu­ga dal­la quo­ti­dia­ni­tà e il cap­pel­lo da al­pi­no, ri­cor­do di gio­ven­tù. Tut­to spaz­za­to via a due pas­si da ca­sa, in un at­ti­mo ma­le­det­to che ha scon­vol­to la vi­ta di una fa­mi­glia in­na­mo­ra­ta. Il mon­do di Mir­ko Ma­sche­rin era que­sto: sve­gliar­si pre­sto, un ba­cio ai fi­gli di quat­tro e sei an­ni, la­vo­ra­re du­ro (in un'azien­da di Vil­lot­ta che rea­liz­za stam­pi, do­ve il 41en­ne oc­cu­pa­va un po­sto di ri­lie­vo in uf­fi­cio e pri­ma al­la Me­tal­li­dea di San Qui­ri­no) e vi­ve­re una fa­mi­glia da cui non si stac­ca­va mai. Non chie­de­va al­tro. Si era tra­sfe­ri­to da Fiume Ve­ne­to ad Azzano nel 2005. La no­ti­zia del­la sua mor­te, av­ve­nu­ta pro­prio a due pas­si da ca­sa, la­scia at­ter­ri­ti. Ma­ria Te­re­sa Dot­ta, suocera di Ma­sche­rin, non si dà pa­ce: «Non rie­sco a cre­de­re che il mio ra­gaz­zo­ne non ci sia più - di­ce con la vo­ce in­cri­na­ta dall'emo­zio­ne -. So­lo ie­ri se­ra (lu­ne­dì ndr) era ve­nu­to da me con mia fi­glia. Era un ra­gaz­zo me­ra­vi­glio­so che ama­va al­la fol­lia la sua fa­mi­glia. E a cui tut­ti noi vo­le­va­mo be­ne. Il suo era un nu­cleo fa­mi­lia­re fe­li­ce, ora è di­strut­to. An­co­ra non ci cre­do». Ad ap­pren­de­re la dram­ma­ti­ca no­ti­zia del­la mor­te di Mir­ko Ma­sche­rin so­no sta­ti an­che gli ami­ci del­le pen­ne ne­re. Il 41en­ne di Azzano Decimo, in­fat­ti, da più di sei an­ni fa­ce­va par­te del grup­po Ana di Vil­lot­ta­ba­se­do. «Era il pri­mo ad aiu­ta­re - ri­cor­da il presidente Vit­to­ria­no Vez­za­to - e pro­prio lu­ne­dì l'ave­va­mo in­con­tra­to in vi­sta del rin­no­vo del­le ca­ri­che. Mi ave­va con­fes­sa­to di vo­ler la­scia­re gli al­pi­ni per qual­che tem­po. Vo­le­va de­di­car­si di più al­la sua fa­mi­glia, ai fi­gli e al la­vo­ro». Il più gran­de dei due bam­bi­ni ave­va ini­zia­to la scuola so­lo lu­ne­dì, Mir­ko vo­le­va se­guir­lo da vi­ci­no e ave­re più tem­po li­be­ro. Il la­vo­ro lo oc­cu­pa­va a suf­fi­cien­za, por­tan­do­lo fuo­ri di ca­sa già al­le 6.30 del mat­ti­no. La mo­to era il mo­men­to di sva­go, co­sì co­me le cam­mi­na­te e le gi­te in mon­ta­gna. Due set­ti­ma­ne fa ave­va af­fron­ta­to il sen­tie­ro at­trez­za­to che gi­ra at­tor­no al Ca­nin, nel­le Al­pi Giu­lie. Non si fer­ma­va mai e non ave­va pau­ra di nien­te. Lo ha tra­di­to una del­le sue pas­sio­ni. La­scia an­che il pa­dre Adria­no e la mam­ma Da­nie­la.

LA SUOCERA «Non rie­sco a cre­de­re che non ci sia più»

LUTTO Mir­ko Ma­sche­rin ave­va 41 an­ni

ed era spo­sa­to con Lau­ra

Bre­sil con la qua­le ave­va avu­to

due fi­gli

AL­PI­NO Mir­ko col cap­pel­lo pre­fe­ri­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.