I più e i me­no del­la sfi­da lom­bar­da

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - I PIÙ

AZ­ZI - Con­tro il For­lì Pau­lo Den­tel­lo ave­va di­mo­stra­to tut­ta la sua ge­ne­ro­si­tà re­ga­lan­do al com­pa­gno Ra­chid Ar­ma la sod­di­sfa­zio­ne del gol con un as­si­st al ba­cio. Al Mar­tel­li ha po­tu­to di­mo­stra­re tut­ta la sua in­do­le ca­rio­ca re­ga­lan­do ai sup­por­ters ne­ro­ver­di al se­gui­to un pal­lo­net­to di si­ni­stro da ci­ne­te­ca. Bra­vo in cam­po, de­ter­mi­nan­te sia con For­lì che a Mantova, bra­vo fuo­ri quan­do non pre­ten­de più spa­zio, ma ad­di­rit­tu­ra rin­gra­zia Te­di­no per quel­lo con­ces­so.

MAR­TI­GNA­GO Un al­tro gio­ca­to­re che dà tut­to quel­lo che ha quan­do vie­ne chia­ma­to in cam­po. Ma­ga­ri quan­do com­prò il bi­gliet­to per Por­de­no­ne si aspet­ta­va più mi­nu­ti in cam­po. Quan­do gio­chi per la ca­po­li­sta pe­rò de­vi sa­per aspet­ta­re il tuo tur­no e sfrut­ta­re l'oc­ca­sio­ne. Al Mar­tel­li l'ha fat­to al­la per­fe­zio­ne.

STE­FA­NI - Sa­rà no­io­so, ba­na­le e scon­ta­to ri­pe­ter­lo. Il ca­pi­ta­no pe­rò è la ve­ra for­za di que­sto Por­de­no­ne. An­che quan­do chi gli sta in­tor­no (ve­di In­ge­gne­ri) nell'oc­ca­sio­ne non è pun­tua­le co­me sem­pre.

TE­DI­NO - «Tur­no­ver» è una pa­ro­la che odia. Pe­rò lo fa e tal­men­te be­ne che nes­su­no se ne ac­cor­ge.

I ME­NO AR­MA - Lo in­se­ria­mo nel­la co­lon­na dei cat­ti­vi più che al­tro per evi­tar­gli l'in­vi­dia de­gli dei. Do­po es­se­re an­da­to a se­gno in tut­te le 5 pre­ce­den­ti ga­re uf­fi­cia­li (fra cop­pa e cam­pio­na­to) il ma­gh­re­bi­no re­sta a sec­co. An­zi, sba­glia un pa­io di oc­ca­sio­ni ab­ba­stan­za ghiot­te. ben­tor­na­to fra i mor­ta­li Ra­chid.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.