Si­mo­na Vin­ci: «Un ro­man­zo fi­glio di an­ni d’ana­li­si e dei viag­gi a Trie­ste»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primopiano - Va­len­ti­na Sil­ve­stri­ni

Ot­to an­ni di la­vo­ra­zio­ne, un per­cor­so per­so­na­le di psi­ca­na­li­si con un’ana­li­sta jun­ghia­na, un viag­gio com­piu­to nel 2010 fi­no a Trie­ste per la mo­stra di fo­to­gra­fie che An­to­nel­la Piz­za­mi­glio scat­tò nell'ospe­da­le psi­chia­tri­co dell'iso­la gre­ca di Le­ros. So­no le pie­tre su cui si è fon­da­to "La pri­ma ve­ri­tà" ro­man­zo di Si­mo­na Vin­ci, che sa­ba­to a Ve­ne­zia ha vin­to il pre­mio Cam­piel­lo. «Fu da­van­ti al­le foto di Piz­za­mi­glio che il go­ver­no di Ate­ne non po­té esi­mer­si dall'af­fron­ta­re il caso di Le­ros. Quel­le im­ma­gi­ni rac­con­ta­no tut­to quel­lo che non avrei po­tu­to im­ma­gi­na­re so­lo dal rac­con­to dei ba­sa­glia­ni» ha spie­ga­to l’au­tri­ce, ospi­te ie­ri se­ra di Pn­leg­ge al Con­ven­to di San Fran­ce­sco. Il le­ga­me di Vin­ci con Trie­ste ri­guar­da an­che Clau­dio Ma­gris, «uno dei miei scrit­to­ri pre­fe­ri­ti in as­so­lu­to» e lo psi­chia­tra Fran­co Ro­tel­li «che ho co­no­sciu­to so­lo do­po l'usci­ta del ro­man­zo, pur aven­do­lo cer­ca­to a lun­go ma sen­za suc­ces­so per il suo carattere mol­to schi­vo. Do­po aver let­to il li­bro, è sta­to lui a di­re co­me sia sta­to me­glio co­sì, ren­de­va il cli­ma che si re­spi­ra­va in quel mo­men­to». Quel mo­men­to è la fi­ne de­gli an­ni ’80, Le­ros, la ri­for­ma psi­chia­tri­ca che ruo­ta­va at­tor­no a Trie­ste. Sto­rie di di­sa­gio psi­chi­co «a cui mi so­no av­vi­ci­na­ta do­po il 2007. In quel pe­rio­do non sta­vo be­ne e ho cer­ca­to aiu­to in un per­cor­so di ana­li­si che ini­zial­men­te mi ha mol­to an­no­ia­ta (al­la ter­za se­du­ta ave­vo già det­to tut­to quan­to cre­de­vo di po­ter di­re) ma che è pro­se­gui­to per an­ni e mi ha fat­to ca­pi­re che per il mio la­vo­ro di scrit­tri­ce era im­por­tan­te guar­da­re le sto­rie di al­tri per ca­pi­re qual­co­sa di me». Sto­rie dif­fi­ci­li «che in al­cu­ni ca­si mi han­no pro­vo­ca­to dei crol­li, co­me quel­la di Te­re­sa; o co­me la for­te re­spon­sa­bi­li­tà che ho av­ve­ri­to per la par­te fi­na­le del li­bro, in cui ho ri­per­cor­so le car­tel­le cli­ni­che dell'ar­chi­vio dell'ospe­da­le di Bud­drio, sa­pen­do che ave­vo a che fa­re con per­so­ne rea­li a cui ren­de­re me­mo­ria». Più vol­te vi­ci­na a vin­cer­lo, Si­mo­na Vin­ci ha ot­te­nu­to il suo pri­mo Cam­piel­lo e ora sta «la­vo­ran­do su tre co­se di­ver­se, in cia­scun caso li­bri con­trad­di­stin­ti da le­ga­mi con la sto­ria del pas­sa­to che ar­ri­va fi­no a og­gi. A fi­ne an­no ci sa­rà una pic­co­la sor­pre­sa con un li­bro in usci­ta».

DA VE­NE­ZIA A POR­DE­NO­NE Si­mo­na Vin­ci, pre­mio Cam­piel­lo 2016 ie­ri ospi­te del­la gior­na­ta d’aper­tu­ra di Pn­leg­ge (foto Giu­lia

Nai­tza)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.