Fred Jer­bis, il gin a chi­lo­me­tro ze­ro

A Friu­li doc il di­stil­la­to fir­ma­to da Fe­de­ri­co Cre­ma­sco Er­be e la­vo­ra­zio­ne lo­ca­li e una ri­cet­ta vec­chia di 200 an­ni

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spilimbergo - Mar­co Agru­sti SPI­LIM­BER­GO

Ma­ga­ri i pu­ri­sti stor­ce­ran­no il na­so, obiet­te­ran­no su­gli in­gre­dien­ti e sui do­sag­gi, sull'espe­rien­za del pro­dut­to­re che cer­ta­men­te non è quel­la dei mae­stri se­gua­ci del «Je­ne­ver» olan­de­se, il pri­mo gin da­ta­to 1600. Ma il suo è un pro­dot­to nuo­vo, che non pun­ta ad imi­ta­re, ma ad in­no­va­re. Ri­schian­do e osan­do do­ve nes­su­no era ar­ri­va­to, ov­ve­ro a rea­liz­za­re un gin friu­la­no, nel­lo spe­ci­fi­co spi­lim­ber­ghe­se (con in­fluen­ze che toc­ca­no Tra­ve­sio e Pol­ce­ni­go). L'in­no­va­to­re, non­ché pa­dre del­la bot­ti­glia di Fred Jer­bis (que­sto il no­me del gin no­stra­no), è il qua­ran­ten­ne Fe­de­ri­co Cre­ma­sco, na­to a Spi­lim­ber­go e cre­sciu­to qua e là, in gi­ro per l'ita­lia e l'eu­ro­pa con lo sha­ker in ma­no. Ba­ri­sta per vocazione, ha af­fi­na­to il me­stie­re in Spa­gna per poi apri­re - nel 2013 - il bar He­ming­way (l'ex Pi­noc­chio) a Pol­ce­ni­go. Lì il suo gin trion­fa, ma Cre­ma­sco non si è po­sto li­mi­ti e ha ini­zia­to a ven­der­lo in tut­ta Ita­lia. «E ora - ri­ve­la - pun­to al­la mia Spa­gna». Il qua­ran­ten­ne spi­lim­ber­ghe­se quan­do par­la del­la sua crea­tu­ra di­ven­ta uno scien­zia­to, che gio­ca con gli ele­men­ti per com­bi­nar­li e ot­te­ne­re il pro­dot­to che so­gna­va. «Tut­to è na­to dal­la mia gran­de pas­sio­ne per le pian­te spie­ga - e da una ri­cet­ta di 200 an­ni fa che ho prov­ve­du­to a ren­de­re mia ag­giun­gen­do­vi so­lo pian­te ita­lia­ne». Ec­co il se­gre­to: il gin è a chi­lo­me­tro ze­ro. «La mag­gior par­te de­gli in­gre­dien­ti che com­pon­go­no il mio gin - pro­se­gue Cre­ma­sco so­no col­ti­va­te da me a Fri­san­co, do­ve ho un ap­pez­za­men­to di ter­ra (ad esem­pio ven­go­no da lì la la­van­da e la men­ta)». Ma gli aro­mi in real­tà so­no 43 e tut­ti ita­lia­ni. C'è an­che lo zaf­fe­ra­no di San Qui­ri­no, quel­lo col­ti­va­to da Wal­ter Za­mu­ner. Fred Jer­bis è il pro­dot­to di un la­vo­ro di squa­dra: la di­stil­la­zio­ne in cor­ren­te di va­po­re fat­ta da Car­lo, il tec­no­lo­go ali­men­ta­re che col­ti­va gran par­te del­le er­be uti­liz­za­te. L'estra­zio­ne del­la par­te es­sic­ca­ta col me­to­do cal­do-fred­do che do­na al li­quo­re il ca­rat­te­ri­sti­co co­lo­re do­ra­to, è in ca­ri­co all'aro­ma­tie­re Mar­co. La di­stil­la­zio­ne in al­cool del so­lo gi­ne­pro che av­vie­ne nell'opi­fi­cio a Spi­lim­ber­go, do­ve le va­rie com­po­nen­ti ven­go­no fi­nal­men­te uni­te. Pre­sen­ta­to an­che a Friu­li doc, si può be­re li­scio o con ver­mou­th e bit­ter per un Ne­gro­ni tut­to ita­lia­no. Al­la fac­cia dei pu­ri­sti.

Il bar­man pun­ta al­la con­qui­sta del­la Spa­gna

AL BAN­CO­NE Fe­de­ri­co Cre­ma­sco, crea­to­re del gin

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.