Pe­ri­ca de­sti­na­to al­la pan­chi­na

Il tec­ni­co po­treb­be do­sa­re an­co­ra il mi­nu­tag­gio

Il Gazzettino (Pordenone) - - San Vito - Gui­do Go­mi­ra­to © riproduzione riservata

UDI­NE - En­tra, cam­bia la par­ti­ta e se­gna. Per Bep­pe Ia­chi­ni è l'idea­le bom­ber di scor­ta e al mo­men­to non ci so­no se­gna­li di una sua pro­mo­zio­ne nell'un­di­ci di par­ten­za. Ma si­no a quan­do Sti­pe Pe­ri­ca, 21 an­ni, de­ci­si­vo con­tro l'em­po­li e so­prat­tut­to con­tro il Mi­lan, con­ti­nue­rà a far buon vi­so a cat­ti­va sor­te ac­con­ten­tan­do­si dei ven­ti mi­nu­ti scar­si che gli ri­ser­va Ia­chi­ni per met­ter­si in lu­ce ed es­se­re de­ci­si­vo per le for­tu­ne dei bian­co­ne­ri? La do­man­da vie­ne spon­ta­nea so­prat­tut­to do­po quan­to di­chia­ra­to a cal­do dal gio­va­ne at­tac­can­te nel do­po ga­ra con il Mi­lan: «So­no con­ten­to del mio com­por­ta­men­to, me­ri­to di gio­ca­re» (a tem­po pie­no s'in­ten­de, ndr). Per ora il tec­ni­co asco­la­no è in­ten­zio­na­to a re­si­ste­re, in­si­sen­doe con Za­pa­ta e The­reau, i due bian­co­ne­ri più in ri­tar­do co­me con­di­zio­ne ge­ne­ra­le. Ma è evi­den­te che se il co­lom­bia­no e il fran­ce­se con­tro il Chie­vo non do­ves­se­ro lan­cia­re ine­qui­vo­ca­bi­li se­gna­li di cre­sci­ta, ec­co che in vi­sta di Fio­ren­ti­na e Sas­suo­lo si tro­ve­reb­be a ge­sti­re una si­tua­zio­ne de­li­ca­ta per­ché non po­treb­be con­ti­nua­re a re­le­ga­re al ruo­lo di pan­chi­na­ro il bom­ber del mo­men­to (e del fu­tu­ro vi­sti i se­gna­li) an­che se nel cal­cio l'ab­bon­dan­za di ele­men­ti di qua­li­tà mai do­vreb­be rap­pre­sen­ta­re un pro­ble­ma per un al­le­na­to­re. Ma la­sciar fuo­ri Za­pa­ta e/o The­reau non è af­fat­to fa­ci­le.

VAGHEGGI - Ciò che ac­ca­de og­gi in ca­sa bian­co­ne­ra si ve­ri­fi­ca­va nel tor­neo ca­det­to 1978-79, poi vin­to al­la gran­de dall'udi­ne­se gui­da­ta da Mas­si­mo Gia­co­mi­ni. Al­lo­ra il bom­ber di scor­ta era Clau­dio Vagheggi, ap­pe­na ven­ti­duen­ne, che la so­cie­tà ave­va ac­qui­sta­to po­chi me­si pri­ma dall'ales­san­dria. Vagheggi era un'ala de­stra sgu­scian­te, im­pre­ve­di­bi­le, che crea­va pro­ble­mi a qual­sia­si si­ste­ma di­fen­si­vo. Ma in quel­la squa­dra l'ala ti­to­la­re era De Ber­nar­di, gio­ca­to­re di so­stan­za che, ol­tre a se­gna­re (fe­ce 12 cen­tri in quell'an­na­ta) era bra­vo an­che tat­ti­ca­men­te, pur non aven­do le qua­li­tà tec­ni­che di Vagheggi, il qua­le, in quel cam­pio­na­to, so­prat­tut­to nel ri­tor­no, fu im­pie­ga­to pre­va­len­te­men­te nel cor­so del­la ri­pre­sa e, co­me og­gi Pe­ri­ca, en­tra­va su­bi­to in par­ti­ta, de­ci­den­do tal­vol­ta il mat­ch con gol pe­san­tis­si­mi (in to­ta­le ne con­fe­zio­nò 6). Era di­ven­ta­to il be­nia­mi­no dei ti­fo­si che fa­ce­va­no pres­sio­ne (co­me par­te del­la stam­pa) per­ché Gia­co­mi­ni lo in­se­ris­se sem­pre nell'un­di­ci di par­ten­za al po­sto del De­be. Ma il tec­ni­co non si la­sciò con­di­zio­na­re. «Vagheggi è abi­le a en­tra­re su­bi­to in ga­ra - era so­li­to di­re Gia­co­mi­ni - ma non ha an­co­ra il rit­mo e la re­si­sten­za dei 90', a par­te il fat­to che De Ber­nar­di ha sem­pre fat­to lo­de­vol­men­te la sua par­te». A fi­ne sta­gio­ne Ga­co­mi­ni la­sciò l'udi­ne­se per il Mi­lan e la so­cie­tà ce­det­te De Bern­nar­di al Ce­se­na, per pun­ta­re su Vagheggi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.