The­reau: «Per i miei gol è so­lo que­stio­ne di tem­po»

Il fran­ce­se è l’uni­co at­tac­can­te ri­ma­sto an­co­ra a di­giu­no e do­me­ni­ca ar­ri­va il Chie­vo: «Vo­glio su­pe­ra­re le 11 re­ti dell’an­no scor­so»

Il Gazzettino (Pordenone) - - San Vito - Mar­co Agru­sti

Man­ca so­lo lui, tra i quat­tro ti­to­la­ri che Giu­sep­pe Ia­chi­ni ha schie­ra­to a ro­ta­zio­ne in at­tac­co, all'ap­pel­lo del gol. Cy­ril The­reau, lo sta­ka­no­vi­sta che nel­la scor­sa sta­gio­ne scor­sa ha sal­va­to da so­lo l'udi­ne­se con le sue un­di­ci re­ti, è a sec­co e rin­cor­re Ro­dri­go De Paul, Du­van Za­pa­ta e Sti­pe Pe­ri­ca. Per la pri­ma vol­ta da quan­do è a Udi­ne, sen­te an­che che il po­sto da ti­to­la­re non è più una ga­ran­zia non scrit­ta. Die­tro scal­pi­ta­no e Pe­ri­ca, ad esem­pio, ha di­mo­stra­to di po­ter gio­ca­re an­che da se­con­da pun­ta. Per que­sto se con­tro il Mi­lan era un rodaggio, la par­ti­ta di do­me­ni­ca con­tro il suo Chie­vo do­vrà es­se­re la mes­sa su stra­da.

- The­reau, non se­gna dal 23 apri­le scor­so (In­ter-udi­ne­se). Quan­to le man­ca? «Fi­no­ra ho gio­ca­to so­lo ses­san­ta mi­nu­ti, il gol non è un as­sil­lo. È im­por­tan­te in­ve­ce sen­tir­si be­ne in cam­po. So che ho la­vo­ra­to tan­to per es­se­re in for­ma e mi sen­to be­ne. So­no tran­quil­lo, per­ché se la con­di­zio­ne è buo­na il gol poi ar­ri­va. Vo­glio su­pe­ra­re i gol dell'an­no scor­so».

- L'oc­ca­sio­ne è la par­ti­ta del suo cuo­re, con­tro il Chie­vo con cui ha vis­su­to quat­tro an­ni splen­di­di. «Sap­pia­mo tut­ti quan­to sia dif­fi­ci­le af­fron­ta­re il Chie­vo, squa­dra com­po­sta da gio­ca­to­ri che si co­no­sco­no be­ne e gio­ca­no da tem­po in­sie­me. Per vin­ce­re do­vre­mo fa­re la par­ti­ta per­fet­ta e se ci riu­sci­re­mo sa­rà una inie­zio­ne di fi­du­cia e di con­sa­pe­vo­lez­za nei no­stri mez­zi per fa­re una buo­na sta­gio­ne. Non im­por­ta con­tro chi se­gni, ma quan­do».

- Ine­vi­ta­bi­le chie­der­le che esta­te ha pas­sa­to. È ve­ro che è sta­to a un pas­so dall'ad­dio all'udi­ne­se?

«Ho avu­to qual­che con­tat­to, an­che in Ita­lia (Ata­lan­ta ndr). L'of­fer­ta del Marsiglia ha fat­to tan­to par­la­re, è ca­sa mia e so­no ti­fo­so di quel­la squa­dra. Io, pe­rò, ave­vo sem­pre det­to di es­se­re pron­to a re­sta­re. Il pre­si­den­te mi ha da­to buo­ne ras­si­cu­ra­zio­ni, ha spe­so per me del­le bel­le pa­ro­le e ho avu­to dal­la pro­prie­tà le ri­spo­ste che cer­ca­vo».

- Ora che è tut­to al­le spal­le, che Udi­ne­se ve­de?

«Sia­mo con­vin­ti di es­se­re sul­la stra­da giu­sta. Sia­mo una squa­dra che gio­ca com­pat­ta e dob­bia­mo es­se­re bra­vi a fa­re quel­lo che ci chie­de il mi­ster. È mol­to ca­pa­ce. Dob­bia­mo ar­ri­va­re a fi­ne an­no aven­do ri­con­qui­sta­to la fi­du­cia dei ti­fo­si (ha spie­ga­to poi a Udi­ne­se Tv)».

- È ar­ri­va­to Sven Kums, che ne pen­sa del nuo­vo ac­qui­sto?

«Quan­do ero all'an­der­le­cht (sta­gio­ne 2007-2008 ndr), Sven ave­va 17 an­ni e si al­le­na­va con noi. È uno che al­za il li­vel­lo di pos­ses­so pal­la, ci ser­vi­va tre­men­da­men­te. Ci da­rà tan­to. Dob­bia­mo mi­glio­ra­re pro­prio in quel­la fa­se, so­prat­tut­to in ca­sa e ini­zian­do da do­me­ni­ca. Sa­re­mo chia­ma­ti a fa­re la par­ti­ta».

«So­no in for­ma e la so­cie­tà cre­de in me, ora de­vo so­lo gio­ca­re»

OL­TRE GLI 11 Cy­ril The­reau elo­gia il bel­ga Sven Kums

e vuo­le su­pe­ra­re la quo­ta di gol se­gna­ti in una sta­gio­ne

con l’udi­ne­se DO­MIZ­ZI È di Mau­ri­zio Do­miz­zi il gol de­ci­si­vo in Par­ma-ve­ne­zia (gi­ro­ne B di Le­ga­pro). I la­gu­na­ri era­no sull'1-1 al Tar­di­ni quan­do su cor­ner al 91' è spun­ta­ta la te­sta del di­fen­so­re ro­ma­no: 2-1 e gran­de gio­ia per l’ex bian­co­ne­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.