Con­fin­du­stria ve­de ne­ro Pa­doan: fa­re­mo me­glio

Il cen­tro stu­di ta­glia le sti­me del­la cre­sci­ta. «Sen­za fles­si­bi­li­tà Ue, cor­re­zio­ne da 16 mi­liar­di». Il mi­ni­stro più ot­ti­mi­sta. De­bi­to pub­bli­co, nuo­vo re­cord

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

RO­MA - Un an­da­men­to «piat­to» dell'eco­no­mia, una cre­sci­ta che si fer­me­rà ap­pe­na al­lo 0,7% que­st'an­no e sa­rà an­co­ra più len­ta nel 2017, quan­do non su­pe­re­rà il +0,5%. È il qua­dro fo­sco trac­cia­to da Con­fin­du­stria che ha ag­gior­na­to le sti­me sul qua­dro ma­croe­co­no­mi­co, li­man­do­le al ri­bas­so (ri­spet­ti­va­men­te da 0,8% e 0,6%) e in­di­can­do un de­fi­cit che sa­li­rà per que­st'an­no al 2,5% (dal 2,3% scrit­to nel Def di apri­le) e schiz­ze­rà in­ve­ce dall'1,8% del­le pre­vi­sio­ni del go­ver­no al 2,3% nel 2017. Un an­da­men­to che co­strin­ge­rà a un in­ter­ven­to cor­ret­ti­vo pe­san­te sui sal­di, da ol­tre 16 mi­liar­di, se non si ot­ter­rà nuo­va fles­si­bi­li­tà a Bru­xel­les.

Gli eco­no­mi­sti di via dell'astro­no­mia av­ver­to­no che la cre­sci­ta per il 2017 «non è scon­ta­ta e va con­qui­sta­ta», per­ché ri­man­go­no «ele­va­ti ri­schi» che non si con­cre­tiz­zi. Do­po «un quin­di­cen­nio per­du­to» il Pae­se «sof­fre og­gi di una de­bo­lez­za su­pe­rio­re all'at­te­so»: ai rit­mi at­tua­li «di in­cre­men­to del Pil in­di­ca il Cen­tro stu­di di Con­fin­du­stria (Csc) - l'ap­pun­ta­men­to con i li­vel­li la­scia­ti nel 2007 è rin­via­to al 2028».

L'ese­cu­ti­vo pe­rò re­sta più ot­ti­mi­sta de­gli in­du­stria­li e il mi­ni­stro dell'eco­no­mia, Pier Car­lo Pa­doan, as­si­cu­ra che «le pre­vi­sio­ni del go­ver­no sa­ran­no mi­glio­ri». Il nuo­vo qua­dro, dal qua­le si par­ti­rà per co­strui­re la pros­si­ma leg­ge di bi­lan­cio, sa­rà ap­pro­va­to la pros­si­ma set­ti­ma­na. Men­tre an­co­ra si li­ma­no i de­ci­ma­li, Mat­teo Ren­zi am­met­te in­tan­to che l'eco­no­mia «va un pò me­glio di pri­ma» ma non an­co­ra «be­ne co­me noi vor­rem­mo». Il pre­mier con­fer­ma che «sia­mo in­tor­no al +1%», co­me già in­di­ca­to nel­le sli­de per il­lu­stra­re i ri­sul­ta­ti del go­ver­no. Co­sì, nel­la pros­si­ma no­ta di ag­gior­na­men­to del Def, la sti­ma do­vreb­be es­se­re fis­sa­ta ap­pe­na sot­to, al­lo 0,9%. An­co­ra «po­co ri­spet­to ai no­stri so­gni - sot­to­li­nea il ca­po del go­ver­no - ma mol­to di più di co­me era pri­ma. È co­me se la mac­chi­na che an­da­va con­tro­ma­no aves­se fat­to in­ver­sio­ne».

In un con­te­sto di ral­len­ta­men­to glo­ba­le che pe­rò «non de­ve es­se­re una scu­san­te» l'in­ten­zio­ne dell'ese­cu­ti­vo, con­fer­ma an­co­ra una vol­ta Pa­doan, è quel­la di con­cen­tra­re le «scar­se ri­sor­se» su po­chi, «ef­fi­ca­ci» in­ter­ven­ti che so­sten­ga­no «com­pe­ti­ti­vi­tà, pro­dut­ti­vi­tà e in­ve­sti­men­ti». Tut­ti sti­mo­li al­la cre­sci­ta che sa­rà sup­por­ta­ta, se­con­do il mi­ni­stro dell'eco­no­mia, an­che da­gli ef­fet­ti del­le ri­for­me, che an­co­ra non si so­no del tut­to di­spie­ga­ti: il go­ver­no, è la me­ta­fo­ra che ha usa­to, sta ca­ri­can­do «la mol­la» del­le ri­for­me, «quan­do mo­stre­ran­no tut­ti i lo­ro be­ne­fi­ci scat­te­rà la mol­la e avre­mo ri­sul­ta­ti mi­glio­ri, che già si co­min­cia­no a ve­de­re sul mer­ca­to del la­vo­ro».

La par­ti­ta per le ri­sor­se, pe­rò, an­co­ra una vol­ta si gio­che­rà in lar­ga par­te a Bru­xel­les, vi­sto che il go­ver­no per ave­re mar­gi­ni me­no stret­ti, avrà bi­so­gno di tut­ta la fles­si­bi­li­tà che la Com­mis­sio­ne Ue po­trà con­ce­de­re. Una via com­pli­ca­ta dal no­do del de­bi­to, che a lu­glio, se­con­do gli ul­ti­mi da­ti Ban­ki­ta­lia, ha toc­ca­to un nuo­vo re­cord (2.252,2 mi­liar­di), con una cre­sci­ta di 80 mi­liar­di nei pri­mi set­te me­si del 2016. Se­con­do il Cen­tro stu­di, il far­del­lo del de­bi­to non so­lo non ca­le­rà que­st'an­no, re­stan­do al 133,3%, ma ad­di­rit­tu­ra crescerà an­co­ra il pros­si­mo an­no al 134%.

«Stia­mo ca­ri­can­do

la mol­la del­le ri­for­me»

AL­LAR­ME CON­FIN­DU­STRIA Il pre­si­den­te

Fran­ce­sco Boc­cia. Il cen­tro stu­di con­si­de­ra

«ad al­to ri­schio» la pre­vi­sio­ne di

cre­sci­ta sti­ma­ta dal go­ver­no per l’an­no pros­si­mo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.