La­scio tut­to a Vit­to­ria

Il Gazzettino (Pordenone) - - Lettere & Opinioni -

di non su­pe­ra­re le due­cen­to­qua­ran­ta­mi­la eu­ro all'an­no. Se ogni par­la­men­ta­re, se­na­to­re, con­si­glie­re re­gio­na­le e pro­vin­cia­le ver­sas­se ogni me­se mil­le eu­ro per so­ste­ne­re i più bi­so­gno­si, già ar­ri­ve­rem­mo a più mi­lio­ni all'an­no per i po­ve­ri. Co­sì non è per­ché non si vuo­le scon­ten­ta­re i pri­vi­le­gia­ti, pe­rò si chie­de due eu­ro ai cit­ta­di­ni per aiu­ta­re i ter­re­mo­ta­ti ma non ai po­li­ti­ci. Nel frat­tem­po si fa pro­pa­gan­da che il mon­te pre­mio dell'ena­lot­to è di qua­si 140 mi­lio­ni e co­sì si spin­ge i po­ve­ri a gio­ca­re e que­sti, sem­pre più po­ve­ri, com­pe­ra­no an­che il Grat­ta e vin­ci e gio­ca­no al Lot­to ed al­le slot ed in­tan­to si am­ma­la­no per la pas­sio­ne del gio­co. Tut­to que­sto suc­ce­de per­ché man­ca il la­vo­ro ed il go­ver­no pen­sa at­tual­men­te al re­fe­ren­dum, im­por­tan­tis­si­mo per sta­re in sel­la.

Igna­zio Zo­ia Pe­seg­gia (Ve)

Ca­ra Vit­to­ria, ado­ra­ta com­pa­gna del­la mia or­mai ve­tu­sta vi­ta, cau­sa di tan­ti tor­men­ti e af­fan­ni, fon­te ine­sau­sta e ine­sau­ri­bi­le di tan­te il­lu­sio­ni e di­sin­can­ti, Vit­to­ria che mi sei vi­ci­na da qua­si mez­zo se­co­lo che, se vor­rai, mi sta­rai vi­ci­na al­me­no per un al­tro quar­to, so­no or­mai al­la re­sa dei con­ti. Con­ti che, gra­zie a Dio, an­co­ra non tor­na­no, e per que­sto mi ga­ran­ti­sco­no un'al­tra tran­che de vie. La par­ca più se­pol­cra­le, la spietata Atro­po, ha bus­sa­to al­me­no due vol­te al mio uscio, ma per for­tu­na (scu­sa­te il bi­stic­cio) non ha avu­to for­tu­na, è tor­na­ta ai suoi te­ne­bro­si pas­si. In que­sto mo­men­to è mol­to im­pe­gna­ta in Me­dio Orien­te, do­ve l'isis le sta dan­do pa­rec­chio fi­lo da tor­ce­re. Ma in­tan­to il tem­po pas­sa e io ne gua­da­gno per star­ti, ado­ra­ta Vol­pe, vi­ci­no, vit­ti­ma dei tuoi amo­re­vo­li so­pru­si, dei tuoi diu­tur­ni rim­brot­ti, del­le tue spa­val­de in­te­me­ra­te. Non so­no sta­to lo am­met­to un buon ma­ri­to, ma nean­che un cat­ti­vo com­pa­gno. So­no sta­to sem­pli­ce­men­te un ma­ri­to as­sen­te, so­prat­tut­to nei mo­men­ti cru­cia­li, do­ve, mio mal­gra­do, non ti so­no sta­to di al­cu­no aiu­to. Tu sai (ren­di­lo, ti sup­pli­co, di pub­bli­co do­mi­nio) che so­no un inet­to, che, se sa svi­ta­re, non sen­za eroi­ci sfor­zi, una lam­pa­di­na, non sa av­vi­tar­la, ope­ra­zio­ne, am­met­ti ben più im­pe­gna­ti­va. Non ho mai stu­ra­to un la­van­di­no, ma de­vi con­ve­ni­re - non l'ho mai in­ta­sa­to con tap­pi di den­ti­fri­cio o di bril­lan­ti­na Li­net­ti, di cui da se­co­li non fac­cio più uso. Tu sai (ban­do all'ipo­cri­sia) quan­to ti ab­bia ama­to e ti ami. Lo sai tu e, for­se, lo so an­ch'io. Se non ti ame­rò ol­tre la mor­te sa­rà per­ché, or­mai tra­pas­sa­to, non po­trei as­si­ste­re e go­de­re del mio vo­lon­ta­rio sa­cri­fi­cio. Po­te­vi, è ve­ro, spo­sa­re un al­tro e la tua vi­ta avreb­be avu­to un cor­so più for­tu­na­to, spe­cial­men­te se que­st'al­tro fos­se sta­to un am­ba­scia­to­re o un di­vo iti­ne­ran­te, vi­sto che ti pia­ce tan­to viag­gia­re, pas­sio­ne da me mai con­di­vi­sa. An­ch'io avrei po­tu­to spo­sa­re un'al­tra, ma sen­za di te la mia vi­ta sa­reb­be sta­ta un de­ser­to dei Go­bi, una Sier­ra Ne­va­da, un atol­lo sper­du­to nel Pa­ci­fi­co. Ti con­fes­so che ti ho ama­to trop­po. Ma an­che tu mi hai ama­to trop­po. Ma ci sia­mo evan­ge­li­ca­men­te tol­le­ra­ti e di que­sto non ci sde­bi­te­re­mo mai ab­ba­stan­za. E ora ve­nia­mo al te­sta­men­to e a quel­lo che ti la­sce­rò: 1) La mia re­pu­ta­zio­ne, in­nan­zi­tut­to. Lo so, va­le quel che va­le. Me ne è ri­ma­sta po­ca. Po­ca, ma buo­na. Ac­con­ten­ta­ti. La vi­ta mi ha espo­sto a un ca­far­nao di ten­ta­zio­ni co­me un car­me­li­ta­no scal­zo espo­sto agli ade­sca­men­ti di una cla­ris­sa in tan­ga? Non mi so­no mai ti­ra­to in­die­tro e se, qual­che vol­ta, mio mal­gra­do, non ho sfrut­ta­to l'oc­ca­sio­ne è per­ché ci so­no ma­ri­ti che non stan­no mai al lo­ro po­sto e non tro­va­no nien­te di me­glio da fa­re che im­pe­di­re gli adul­te­ri del­le mo­gli. Sap­pi, co­mun­que, che io con­ti­nue­rò ad ado­ra­re te an­che fra le brac­cia di un am­ba­scia­to­re o ag­grap­pa­ta a Lau­ren­ce Oli­vier. 2) Ti la­scio due lib­bre di far­ma­ci, di cui, fra gli al­tri: quat­tro con­fe­zio­ni di car­dio­to­ni­ci e al­tret­tan­te di an­ti­bio­ti­ci a lar­go spet­tro, una di aspi­ri­net­ta, un pro­tet­to­re ga­stri­co di for­mi­da­bi­le ef­fi­ca­cia, do­si mas­sic­ce di tran­quil­lan­ti, son­ni­fe­ri e psi­co­far­ma­ci, ta­chi­pi­ri­na, an­ti­coa­gu­lan­ti, an­ti­e­mi­cra­ni­ci, di­ge­sti­vi pro­di­gio­si, sup­po­ste di gli­ce­ri­na, mi­cro­cli­smi di ul­ti­ma ge­ne­ra­zio­ne, ce­rot­ti, uno sfig­mo­ma­no­me­tro, un cli­ste­re a mu­ro d'an­te­guer­ra, set­te ter­mo­me­tri di cui tre al mer­cu­rio, ere­di­ta­ti da Mon­ta­nel­li, tren­ta me­tri di fi­lo in­ter­den­ta­le, bal­le di co­to­ne idro­fi­lo, al­col, ac­qua os­si­ge­na­ta, tin­tu­ra di io­dio e va­sel­li­na q.b. (quan­to ba­sta). 3) Dul­cis in fun­do, ti la­scio il mio Dia­rio che ti pre­go di far pub­bli­ca­re e di sup­pli­co di non leg­ge­re. Nell'al­di­là, po­trei pen­tir­mi di aver­lo scrit­to.

De­di­ca­ta a una Vol­pe di­ven­ta­ta Ti­gre

ger­va­so­da­not­te@gmail.com

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.