Mon­tel­la: «Nes­su­no è in­toc­ca­bi­le»

Nell’an­ti­ci­po di A, sta­se­ra per il Mi­lan de­li­ca­ta par­ti­ta sul cam­po del­la Samp Il tec­ni­co av­ver­te: «Mi aspet­to rab­bia, co­rag­gio, con­cen­tra­zio­ne, re­spon­sa­bi­li­tà»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

MI­LA­NO - Rab­bia e or­go­glio. Vin­cen­zo Mon­tel­la pro­va a scuo­te­re il suo Mi­lan pun­tan­do su due fat­to­ri psi­co­lo­gi­ci, spes­so pun­go­la­ti dai quat­tro col­le­ghi che l'an­no pre­ce­du­to ne­gli ul­ti­mi tre an­ni quan­do la si­tua­zio­ne si fa­ce­va com­pli­ca­ta. In ge­ne­re suc­ce­de­va non pri­ma di me­tà sta­gio­ne. «Io so­no in an­ti­ci­po...», ha sor­ri­so al­la vi­gi­lia del­la tra­sfer­ta con la Samp­do­ria l'al­le­na­to­re ros­so­ne­ro, che lu­ne­dì ha vo­lu­to met­te­re i suoi gio­ca­to­ri di fron­te al­le pro­prie re­spon­sa­bi­li­tà do­po ap­pe­na tre gior­na­te, per­ché due scon­fit­te di fi­la rap­pre­sen­ta­no un al­lar­me.

«In set­ti­ma­na c'è sta­ta una rea­zio­ne, ora de­vo­no da­re una di­mo­stra­zio­ne in cam­po. Ser­ve la par­ti­ta per­fet­ta per di­mo­stra­re a noi ste­si chi sia­mo», ha chia­ri­to Mon­tel­la, che in vi­sta del­la sfi­da di Ma­ras­si di sta­se­ra non si cu­ra dell'ac­co­glien­za tutt'al­tro che ca­lo­ro­sa da par­te dei suoi ex ti­fo­si («In ogni ca­so re­ste­rà l'af­fet­to e an­che qual­co­sa in più per la Samp») ma si pre­oc­cu­pa più che al­tro dell'at­teg­gia­men­to del­la sua squa­dra: «Non vo­glio ve­de­re che si ac­cet­ti l'an­da­men­to del­la par­ti­ta, mi aspet­to rab­bia, co­rag­gio, con­cen­tra­zio­ne e re­spon­sa­bi­li­tà. Ci vuo­le l'or­go­glio per af­fron­ta­re que­sto mo­men­to e in­dos­sa­re la ma­glia del Mi­lan. Nes­su­no è in­toc­ca­bi­le». Qual­cu­no sta ren­den­do al di sot­to del­le aspet­ta­ti­ve, ma l'ex at­tac­can­te evi­ta pub­bli­che ac­cu­se di­fen­den­do an­che i ve­te­ra­ni co­me Aba­te e Mon­to­li­vo («Quan­do le co­se van­no ma­le i gio­ca­to­ri con mag­gio­re mi­li­tan­za so­no i più cri­ti­ca­ti»), con­sa­pe­vo­le che as­sie­me ai con­trat­ti ogni al­le­na­to­re fir­ma clau­so­le non scrit­te per cui al­la fi­ne «le re­spon­sa­bi­li­tà so­no sem­pre no­stre».

L'obiet­ti­vo è tor­na­re in Cham­pions («L'ul­ti­ma par­ti­ta che ho vi­sto dal vi­vo è Mi­lan-bar­cel­lo­na 2-0 del 2013», ha ri­cor­da­to Mon­tel­la) o al­me­no in Eu­ro­pa Lea­gue. «Le no­stre aspi­ra­zio­ni so­no mas­si­me, ma bi­so­gna guar­da­re la real­tà», l'am­mis­sio­ne di Mon­tel­la, che da gen­na­io spe­ra di po­ter con­ta­re su nuo­vi rin­for­zi gra­zie agli in­ve­sti­men­ti pro­mes­si di nuo­vi pro­prie­ta­ri.

In Ci­na in que­sti gior­ni si ce­le­bra la fe­sta del­la Lu­na, men­tre "Si­no-eu­ro­pe Sports" cer­ca di raf­for­za­re la cor­da­ta con cui nel gi­ro di un pa­io di me­si (co­mun­que en­tro la fi­ne dell'an­no) con­ta di por­ta­re a ter­mi­ne l'ac­qui­sto del club, va­lu­ta­to 740 mi­lio­ni di eu­ro. Sul fron­te Fi­nin­ve­st non si co­glie al­cun se­gna­le di pre­oc­cu­pa­zio­ne per il buon esi­to dell'ope­ra­zio­ne. Ci so­no al­cu­ni part­ner che han­no ade­ri­to già al pre­li­mi­na­re (5 ago­sto) e al­tri che in quell'oc­ca­sio­ne for­ma­va­no una li­sta di sog­get­ti in­te­res­sa­ti. In Ita­lia, in­ve­ce, per con­to dei fu­tu­ri pro­prie­ta­ri, Mar­co Fas­so­ne (ad e dg in pec­to­re) nei pros­si­mi gior­ni pro­ve­rà a coin­vol­ge­re Pao­lo Mal­di­ni o Mas­si­mo Am­bro­si­ni nel­la ge­stio­ne dell'area tec­ni­ca. «Che con­tri­bu­to può por­ta­re una "ban­die­ra"? Le stra­te­gie so­cie­ta­rie fu­tu­re non spet­ta­no a me - ha ta­glia­to cor­to Mon­tel­la - Quan­do sa­rà il mo­men­to io spie­ghe­rò le mie esi­gen­ze».

RAB­BIA E OR­GO­GLIO

Mon­tel­la vuo­le dal suo Mi­lan una rea­zio­ne im­me­dia­ta do­po due scon­fit­te di fi­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.