Lus­so, bel­lez­za e se­du­zio­ne di­gi­ta­le L’ana­li­si so­cia­le di Zec­chi e Cre­pet

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primopiano -

POR­DE­NO­NE - (lz) Da una par­te il rap­por­to fra lus­so e bel­lez­za, dall'al­tra i ri­schi del­la tec­no­lo­gia. Sfi­da a (po­ca) di­stan­za fra due no­ti opi­nio­ni­sti dei sa­lot­ti te­le­vi­si­vi, il fi­lo­so­fo Ste­fa­no Zec­chi e lo psi­chia­tra Pao­lo Cre­pet, in una se­ra­ta in cui di spa­zio ce n'è per en­tram­bi: il pri­mo riem­pie la sa­la prin­ci­pa­le di pa­laz­zo Man­ti­ca, ma an­che gli spa­zi la­te­ra­li e l'atrio, il se­con­do il ga­ze­bo di piaz­za del­la Mot­ta che non ba­sta a con­te­ne­re il pub­bli­co. Dall'una e dall'al­tra par­te, pre­va­le di gran lun­ga la com­po­nen­te fem­mi­ni­le, con un'età me­dia for­se un po’ più bas­sa nel ca­so del me­di­co. Zec­chi af­fron­ta il te­ma del lus­so che, per non sca­de­re nel­la ca­fo­nag­gi­ne, de­ve le­gar­si al­la bel­lez­za e all'edu­ca­zio­ne este­ti­ca. «Sul­la bel­lez­za - ha det­to - tut­ti so­no le­gi­sla­to­ri: è la de­mo­cra­zia del cat­ti­vo gusto. Se qual­cu­no vuo­le te­ner­si i na­net­ti in giar­di­no, so­no fat­ti sui, ma si pen­si a quan­ta re­spon­sa­bi­li­tà han­no in ma­te­ria di bel­lez­za co­lo­ro che am­mi­ni­stra­no gli spa­zi pub­bli­ci». Quel­lo di Cre­pet è in­ve­ce pra­ti­ca­men­te un mo­no­lo­go sui ri­schi del­la tec­no­lo­gia che uc­ci­de la crea­ti­vi­tà, te­nu­to da­van­ti a un pub­bli­co che plau­de al­la mes­sa al­la ber­li­na di Fa­ce­book e Wha­tsapp, ma di tan­to in tan­to qual­cu­no non re­si­ste al­la ten­ta­zio­ne di ri­spon­de­re al cel­lu­la­re o di in­via­re via wha­tsapp una fo­to dell'even­to. «Le tec­no­lo­gie han­no sem­pre cam­bia­to la no­stra vi­ta ri­co­no­sce Cre­pet - ma fi­no a un cer­to pun­to. So­no si­cu­ro che mia non­na, quan­do ha avu­to il suo pri­mo ci­to­fo­no, non c'è ri­ma­sta at­tac­ca­ta 24 ore su 24, per­ché era una tec­no­lo­gia che si usa­va so­la­men­te quan­do ser­vi­va, co­me il to­sta­pa­ne. Og­gi il so­lip­si­smo di­gi­ta­le por­ta a ze­ro, e noi ita­li­ci, che sia­mo sta­ti la for­za dell'uma­ni­tà, non ce lo me­ri­tia­mo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.