«Pe­ri­ca ab­bia pa­zien­za, il fu­tu­ro è suo»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport Udinese -

L’ex bian­co­ne­ro Va­gheg­gi sul croa­to che cer­ca spa­zio ti­to­la­re

UDI­NE - «Sti­pe Pe­ri­ca co­me me nel­la se­rie B 1978-79? I ca­si so­no un po’ di­ver­si ma il con­si­glio è lo stes­so: de­ve ave­re pa­zien­za». Par­la Clau­dio Va­gheg­gi, ala ex Udi­ne­se e og­gi sti­ma­to pro­cu­ra­to­re le­ga­to per af­fa­ri al­la so­cie­tà bian­co­ne­ra. Va­gheg­gi, quan­do ar­ri­vò a Udi­ne dall'ales­san­dria (al­lo­ra mi­li­tan­te in se­rie C) do­vet­te aspet­ta­re pri­ma di tro­va­re spa­zio da ti­to­la­re (gli an­dò me­glio un an­no do­po in se­rie A, quan­do gio­cò pra­ti­ca­men­te sem­pre dall'ini­zio), no­no­stan­te le pres­sio­ni dei ti­fo­si fos­se­ro si­mi­li a quel­le che og­gi vor­reb­be­ro la pro­mo­zio­ne di Pe­ri­ca ai dan­ni ma­ga­ri di Du­van Za­pa­ta.

«Ho se­gui­to da vi­ci­no la cre­sci­ta del croa­to - spie­ga og­gi Va­gheg­gi - e mi pia­ce sem­pre più. Ri­spet­to a quan­do è ar­ri­va­to a Udi­ne (l'an­no scor­so ndr) è già mi­glio­ra­to tan­tis­si­mo. Mi ri­cor­da il pri­mo Lu­ca To­ni, che ini­zial­men­te non eb­be l'im­pat­to de­va­stan­te che og­gi tut­ti ri­cor­dia­mo, ma che poi creb­be sia tat­ti­ca­men­te che tec­ni­ca­men­te. Ades­so Pe­ri­ca sa gio­ca­re di spon­da ed è più uti­le al re­sto del­la squa­dra. Pe­rò de­ve ave­re pa­zien­za».

Ec­co ci al pun­to: il croa­to, al ter­mi­ne del­la ga­ra con­tro il Mi­lan, ha chie­sto di gio­ca­re di più. Dal­la sua ci so­no due gol con­se­cu­ti­vi con l'udi­ne­se e tre in Na­zio­na­le. «Il tem­po sa­rà ga­lan­tuo­mo - pro­se­gue Va­gheg­gi con­si­glian­do il clas­se 1995 di Za­ra - per­ché si sta par­lan­do an­co­ra di un gio­ca­to­re in evo­lu­zio­ne. Ri­spet­to ai miei tem­pi, quan­do le ro­se era­no più ri­stret­te e l'at­ti­tu­di­ne a cam­bia­re mol­to mi­no­re, avrà più pos­si­bi­li­tà di met­ter­si in lu­ce. Già ades­so, con al­le por­te il tour de for­ce da tre par­ti­te in set­te gior­ni, tro­ve­rà si­cu­ra­men­te il suo spa­zio per fa­re be­ne».

Poi c'è chi ve­de nel croa­to l'uo­mo giu­sto per su­ben­tra­re a ga­ra in cor­so e cam­biar­ne ma­ga­ri le sor­ti (è ac­ca­du­to a Mi­la­no): «In quell'an­na­ta in se­rie B - pre­ci­sa Va­gheg­gi se­gnai so­lo due dei sei gol to­ta­li su­ben­tran­do dal­la pan­chi­na. Gli al­tri li mi­si a se­gno par­ten­do ti­to­la­re. En­tra­re e se­gna­re è sem­pre bel­lo, so­no si­cu­ro che an­che Pe­ri­ca lo ap­prez­zi. Ma ogni gio­ca­to­re vuo­le gio­ca­re dall'ini­zio. Cer­to, è an­che un ri­schio, per­ché poi l'al­le­na­to­re ti chie­de di ri­pe­te­re le stes­se pre­sta­zio­ni an­che dal pri­mo mi­nu­to. E non

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.